Home
Accesso / Registrazione
 di 

A3981 A4980 dispositivi per motori passo-passo funzionano da –40° a 150°C

A3981 A4980, dispositivi per il motore passo-passo

I dispositivi per motori microstepping, A3981 e A4980, offrono una soluzione single-chip per il funzionamento dei motori passo passo bipolari in modalità full-, half-, quarter-, e sixteenth fino a 28V e ± 750mA.

Il dispositivo A3981 può essere controllato da un semplice Step e Direction inputs, o tramite un'interfaccia SPI e funziona in ambiente con temperatura da -40° a 150°C.

A4980 è identico all'A3981, con l'eccezione che la tensione è di 3.3V (7V sull'A3981).

A3981 e A4980 sono forniti in un package a 28pin TSSOP con un pad termico (package di tipo LP).

Altre caratteristiche includono un'uscita con RDS(on) di soli 0.5-Ω, lo shutdown termico e la protezione crossover.

A3981 e A4980 sono destinati ai settori automotive, consumer ed industriale.

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog
ritratto di Vicus

La possibilità di controllare

La possibilità di controllare il movimeto a quarti di passo offre una precisione impressionante che richiede molto spesso precisioni meccaniche nei meccanismi che vengono controllati degne di nota. La possibilità poi di pter essere comandati in spi lo resnde indeali in applicazioni automatiche.

ritratto di stewe

Interessanti chip! Con questi

Interessanti chip! Con questi controller sarà possibile sviluppare driver di dimensioni minime... Diciamo che per pilotare motori passo passo piccolini possono essere utili.
Li vedremo forse in applicazioni informatiche (scanner, stampanti...).
Peccato che la corrente gestita non è sufficiente ad applicazioni più consistenti.

ritratto di Zeol

Concordo, però per aumentare

Concordo, però per aumentare la corrente magari si possono utilizzare dei transistor di potenza.

ritratto di Alex87ai

Si, ma che senso ha adoperare

Si, ma che senso ha adoperare componenti piccoli e poco ingombranti per poi abbinarci dell'elettronica di contorno che ingombra tantissimo su PCB? Diciamo che questi driver vanno più che bene per piccoli motori, anche se bisogna ricordare che i motori steb by step lavorano ad impulsi, e quindi può essere che la concezione di grande o di applicazione consistente debba essere rivisitata e meglio chiarita...

ritratto di linus

per potenze maggiori

Puoi sempre utilizzare il vecchio L298 della ST che arriva sino a 4A. Non inserisco le caratteristiche poichè queste si trovano nel datasheet, compreso lo schema elettrico e l'immagine del circuito stampato.

ritratto di Alex87ai

Non si può mica ottenere

Non si può mica ottenere tutto dalla vita...tipicamente dimensioni e portate di corrente, per dispostivi di potenza, hanno sempre fatto un pò a cazzotti...;)

ritratto di fra83

range temperatura

Come range è oltre quello esteso , curioso come particolare, ideale per ambienti con climi particolari!

IC Temperature Ranges Class Lower

Military -55C -65oF : +125C +257oF
Extended -40C -38oF : +125C +257oF
Industrial -40C -38oF : +85C +183oF
Commercial 0C +32oF : +70C +158o

ritratto di Fabrizio87

Sicuramente sarà un artefatto

Sicuramente sarà un artefatto pubblicitario visto che le temperature di 150 °C anche per i componenti in automazione non richiedono così ampio,
e soprattutto visto le caratteristiche di quel componente sarà difficile che si trova in quelle condizioni di temperatura.

Come un po' più succitato sono per applicazioni piuttosto tranquille come per l'informatica stampante o scanner

Non so se può servire ad esempio per un processo industriale come la saldatura ad onda . ma di solito anche componenti anche con leggi più stretti possono sopportare questo processo di saldatura

ritratto di SuperG72

Forse si tratta di una svista...

...mi sembra dal sito del produttore che il range sia l'extended, ovvero tra -40°C e +125°C; almeno così sembra dalla tabella riassuntiva, non so se nel data sheet completo questo dato sia rivisto.

ritratto di Alex87ai

Bhè, in effetti mi torna

Bhè, in effetti mi torna difficile immaginare un'applicazione che sottoponga l'IC in questione ad una temperatura di 150°C, ma non avendo una visione completa degli ambienti industriali, soprattutto dei più ostici, è probabile che ci possa essere un qualche utilizzo di tale IC a tali temperature...anche io ero rimasto a 125°C max, ma è probabile che si sia riuscito ad estendere di 25°C (che non sono pochi per un componente a semiconduttore) il limite di temperatura a me noto...

ritratto di Fabrizio87

Li rassicurò sono andato a

Li rassicurò sono andato a vedere sulla Datasheets
Riporta bene come massimo della scala 150 C°
ma delle condizioni e in un determinato momento
Quanto non viene dispersa nessuna energia sulla PCB ,
ma sarebbe necessario evitare questa situazione

Perché se andiamo sulla pagina di presentazione del componente
http://www.allegromicro.com/en/Products/Part_Numbers/4980/
Lo dichiarano che può essere usato nel Ranges Temperature Extended che va dai - 40 C° , - 40 F° - + 125 C° , + 257 F°
Quindi possedeva 150 C° solo in determinate condizioni è non quelle anomalie di funzionamento quanto non viene dissipato nulla come energia termica .

ritratto di Alex87ai

Si, è naturale che i 150°

Si, è naturale che i 150° siano quel limite massimo che è sempre bene non raggiungere, come è ovvio che sia trattandosi di un componente che deve assicurare un certo grado di affidabilità soprttuto operando in contesti industriali.

ritratto di Fabrizio87

Questo componente mi sembra

Questo componente mi sembra poco probabile che finisce in ambiente industriale visto le sue scarse potenza di uscita , ma visto la sua elevata sensibilità utilizzato in apparecchiature come stampanti o scanner ,
Visto che qui la raffinatezza e più importante è la potenza del motore

ritratto di Alex87ai

Vabbè, a livello industriale

Vabbè, a livello industriale si può sempre immaginare di poter lavorare a temperature elevate attraverso meccanismi di posizionamento a braccio meccanico, ad esempio, laddove solo una macchina può intervenire e la presenza dell'uonmo e davvero ridotta all'osso. in queste applicazioni particolarmente critiche, anche un piccolo motore step-by-step può essere utile ad assolvere al gravoso compito, e perchè allora non gestirlo con un driver di questo genere? Quello che mi chiedevo io, al contrario, era se fosse possibile riuscire a sfiorare temperature come i 150°C nei contesti industriali più ostici, a penso che se sia stato creato, tale componente sia anche stato commissionato altrimenti non si giustificherrebbero gli sforzi e i costi progettuali affrontati...

ritratto di Francesco12-92

Siiiiiiiiiiiii!

Beh non credo che sono dispositivi che servono solo in industrie, si venderanno certamente anche nei negozi di elettronica, i motori passo passo li utilizzano anche gli hobbisti e credo che sarebbero entusiasti di utilizzare questo chip.
per chi magari non lo sa i motori passo passo si distinguono in motori unipolari e motori bipolari, i bipolari sono quelli che presentano in uscita solo i quattro fili degli avvolgimenti, mentre quelli unipolari sono quelli che presentano in uscita entrambi i reofori di ciascun avvolgimento anche sotto forma di reofori collegati insieme creando un polo comune, inoltre, i motori passo-passo sono motori che, a differenza di tutti gli altri, hanno come scopo quello di mantenere fermo l'albero in una posizione di equilibrio: se alimentati si limitano infatti a bloccarsi in una ben precisa posizione angolare.
Solo indirettamente è possibile ottenerne la rotazione: occorre inviare al motore una serie di impulsi di corrente, secondo un'opportuna sequenza, in modo tale da far spostare, per scatti successivi, la posizione di equilibrio.
È così possibile far ruotare l'albero nella posizione e alla velocità voluta semplicemente contando gli impulsi ed impostando la loro frequenza, visto che le posizioni di equilibrio dell'albero sono determinate meccanicamente con estrema precisione.

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 4 utenti e 68 visitatori collegati.

Ultimi Commenti