Home
Accesso / Registrazione
 di 

ADC per cromatografia [Progetto di un fluorimetro]

Sfogliando i datasheet di decine di A/D a 24 bit ho notato che certi sono indicati per estensimetri (weigh scales) ed altri, presumo, per fotodiodi (chromatography).

Qualcuno sa dirmi quali caratteristiche discriminano l'uno dall'altro tipo?

Sto progettando un fluorimetro.

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog
ritratto di elettronica_generale

Re: ADC per cromatografia

E' un sensore solo, lo OSD5-5T, che arriva (a malapena) fino all'UV.
http://www.farnell.com/datasheets/316996.pdf

Il trucco sta nell'illuminarlo con un solo led per volta.
I 74LVC1G139 (mezzo 74139) sinkano 25 mA, perfetti per un led.

Comunque...

la parte che più mi preoccupa è quella meccanico/ottica, dato che il
preamplificatore con AD8553 (zero-drift) e la scelta dell'ADS1216 li ho...
copiati dallo schema del manuale di un fluorimetro troppo costoso per
Dacodac, che, per inciso, è governato da un Basic Stamp (il fluorimetro,
non Dacodac).

ritratto di elettronica_generale

Re: ADC per cromatografia

ritratto di elettronica_generale

Re: ADC per cromatografia

Tenete conto che ho un campione d'acqua fermo, e due fotodiodi che illumino,
a turno, con 4 led di colori diversi montati a 90 gradi rispetto ad essi.

I fotodiodi, a pensarci bene, dato che coprono tutto lo spettro dei LED, potrebbero essere uno solo.

Cosa potrebbe andar storto?

ritratto di elettronica_generale

Re: ADC per cromatografia

Prendiamoli della stessa Casa, così eliminiamo la "questione meramente commerciale di chi fa il silicio", che potrebbe essere, in effetti, preponderante.

ADS1216 e ADS1224. In effetti il primo è più lento.

L'ADS1240 viene dato per entrambi gli usi, ed in effetti ha un "programmable data rate".

ritratto di elettronica_generale

Re: ADC per cromatografia

Basandomi solo su quanto riferito, immagino che sia la velocita' di risposta al transiente.

In una bilancia il segnale e' stazionario e nel rilevatore saranno privilegiate stabilita' e accuratezza, invece un segnale cromatografico puo' presentare picchi molto stretti (anzi piu' il cromatogramma e' buono, piu' i picchi sono aguzzi), quindi il detector necessita di velocita' di risposta.

Auguri per il fluorimetro, la fluorimetria e' rognosa!

ritratto di elettronica_generale

Re: ADC per cromatografia

Al momento non saprei, ma evidentemente la differenza deve per forza risiedere nella natura della grandezza da analizzare.

Gli estensimetri, ad esempio, giocano su range molto ristretti e può essere già motivo di scelta.

Avresti un paio di sigle ADC indicati per scopi diversi?

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 7 utenti e 77 visitatori collegati.

Ultimi Commenti