Home
Accesso / Registrazione
 di 

Ambiente di sviluppo integrato HIDE (3)

Ambiente di sviluppo integrato HIDE

Ambiente di sviluppo integrato HIDE (3)

La backplane di HIDE
HIDE ha definito una backplane da 4 slot per l’interconnessione fra i moduli, la backplane realizza una connessione affidabile, completa, e tutto sommato anche a costi contenuti.
Ma oltre alla connessione fisica HIDE propone anche quella logica, cercando di scegliere uno standard di comunicazione che sia il più generale possibile. Dato il requisito di standard vengono a cadere le interfacce parallele perché, di fatto, non più disponibili (in realtà ci sono ancora una serie di standard su bus parallelo, vedi per esempio il VME o lo SCSI, ma sono in genere costosi e non disponibili su moduli tutto sommato semplici).
Restano cosi gli standard seriali, il primo a cui si pensa è la RS232, che oltre a qualche limite di velocità è una connessione punto-punto piuttosto che un bus, limitando di fatto a due il numero di utenze che possono essere connesse. Potrebbe in realtà essere usato lo standard RS42 o RS485 ma non tutti gli HW presenti sul mercato ne sono provvisti.
HIDE ha optato per il protocollo seriale SPI, si tratta di una connessione che può facilmente trasformarsi in bus, la velocità disponile può arrivare anche a qualche Mbps ed è presente di base su tutti i micro-controllori di fascia non bassissima.

In realtà si potrebbe obiettare che lo standard I2C sia altrettanto valido, e a riprova di cio’ si nota che i più comuni micro-controllori usano lo stesso HW sia per l’SPI che per I2C. HIDE di base ha più “simpatia” per SPI ma la su struttura accetta anche I2C.
Tornando allo strato fisico la backplane di HIDE si compone di 4 slot che impiegano il connettore DIN41612 da 96 contatti (una particolare opzione di backplane di HIDE usa il connettore metrico da 2mm componibile). Sulla backplane HIDE fissa i pin di alimentazione (5V e 3.3V) e i pin SPI.
Inoltre la backplane provvede a generare le due tensioni DC evitando che l’utente si debba preoccupare dell’alimentazione.

Pin Function Connettore di Backplane

Pin Function Connettore di Backplane

La backplane riport ai segnali Userxx su di una serie di fori passanti (diam.1mm) organizzati in righe e colonne, dove l’utente puo’ connettere la sua interfaccia.
Ci sono ancora due aree composte da un array di fori dove l’utente può anche aggiungere un suo HW come una scheda proto tipica.

Gli Adattatori di HIDE
Quanto detto fin’ora fa pensare che tutto sommato la backplane non sia una cosa necessaria perché magari l’utente vuole integrare un suo HW, già realizzato, con un altro HW magari della famiglia di HIDE. In questo caso l’HW custom non potrà essere accolto in HIDE.
Ciò è vero ma possiamo fare un esempio di come, problemi simili, vengano risolti normalmente nella quotidianità.
Un sistema operativo e’ organizzato in modo tale da poter accogliere HW diverso senza dover necessariamente modificare il suo kernel, l’HW e’ dotato dei suoi driver che presentano una interfaccia standard verso l’OS.
Qualora questa interfaccia non fosse stata “pensata” per il compito per il quale l’utente la vuole usare viene realizzata una “interfaccia all’interfaccia” che rende compatibili i due mondi. Si pensi all’interfaccia di un browser internet che oggi pensa di “uscire” sulla LAN e che magari invece viene dirottato su di una USB, si capisce facilmente che nessuno poteva aver previsto un uso di questo tipo per l’interfaccia USB.
Ecco noi possiamo fare la stessa cosa, cioè interfacciare HIDE ad un HW custom semplicemente realizzando l’interfaccia all’interfaccia.
Questa potrà andare da un semplice adattamento di connettori fino a qualcosa di più complesso come la trasformazione di protocollo, ed ecco allora che un PC standard, dotato di una interfaccia di tipo RS232 possa essere inserito nell’ambiente HIDE mediante una adattatore HIDE-RS232.

Insieme alla backplane HIDE contiene una serie di adattatori per le interfacce più comuni che si possono incontrare, in particolare:

  • HIDE-RS232/422
  • HIDE-USB
  • HIDE-LAN

Si vuole rimarcare come, di nuovo, HIDE permette facilmente e velocemente di costruire un ambiente di test anche con componenti fra loro con poche comunanze, si pensi ad un PC con una FPGA.

Leggi anche:
Ambiente di sviluppo integrato HIDE (2)
Ambiente di sviluppo integrato HIDE (HW Integrated Development Environment)

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 13 utenti e 69 visitatori collegati.

Ultimi Commenti