Archimede: uno starter kit Open Source nato per la domotica

archimede

Archimede è uno starter kit molto interessante, semplice e completo. Si tratta di un progetto Open Source ed Open Hardware che si propone come la piattaforma perfetta per tutti gli appassionati di domotica e automazione. Comincia oggi una breve serie di articoli in cui ci occuperemo di prender confidenza, prima, e metter le mani sopra, poi, per spiegare al meglio cos'è Archimede e perchè lo conideriamo una scelta tanto valida.

Archimede, come dicevamo in apertura e come si legge nella documentazione ufficiale, è una piattaforma Open-source (e anche Open-hardware) basata sul firmware della scheda Cerberus della GHI Electronics.
L'obiettivo alla base della nascita di questa piattaforma è stato quello di fornire all'utente tutte le potenzialità delle relative espansioni, imparando ad impiegarle, da un lato, non appena servissero e, dall'altro, creando una struttura che fosse facile da programmare.

Per ottenere questo è stata fatta una scelta abbastanza interessante: sfruttando l'onda del successo del framework .NET rilasciato da Microsoft anni addietro, la scelta è ricaduta sul .NET micro framework facendo anche in modo da avere hardware pronto per l'uso.

A tal proposito, con questo kit, e qualche piccola espansione, sarete presto in grado di dar vita a progetti domotici di gran pregio.

Dal momento che si tratta di un controllore di periferiche universale, componibile e piuttosto versatile, le possibilità, come vedremo, soprattutto per quanto riguarda l'hardware, sono tantissime e troverete il kit molto utile anche se vorrete fare semplici esperimenti rimanendo degli hobbisti. Quando avrete preso confidenza con la programmazione, oltre che con l'hardware, però, sarà certamente interessante spingere al massimo il tutto e lanciarvi verso il suo campo più "nobile": naturalmente parliamo di building automation.

Ed ora vediamo di capirci sui termini usati: stiamo parlando di kit, così come da dicitura ufficiale, perchè la scheda è configurabile e componibile, come abbiamo accennato, per soddisfare ogni esigenza. L'architettura è piuttosto semplice: c'è una baseboard che può ospitare una scheda CPU e fino a ben 12 schede di espansione o 12 relè e/o 24 ingressi digitali opto-isolati. Questa architettura è stata una scelta che ha reso l'intero sistema molto ben adattabile praticamente ad ogni esigenza.

Archimede starter kit è solo la versione "base", in realtà; è indispensabile per imparare ad usare tutte le potenzialità del sistema, che peraltro è programmabile in ambiente Visual Studio. E se proprio non sapete da dove cominciare, una breve serie di codici di esempio e demo vi daranno la spinta che vi serve. Troverete programmi ed applicativi tra i più svariati nonchè librerie in C# e Visual Basic per .NET.

Vediamone, ora, brevemente le caratteristiche fondamentali:

  • CPU: 32-bit ARM Cortex-M4 microcontroller;
  • Velocità: 168MHz;
  • Dimensione FLASH: 384 KB;
  • Ram: 112 KB;
  • 24 I/O generici;
  • 11 Canali analogici a 12 bit;
  • 2 DAC a 12 bit;
  • 24 canali 1-wire;
  • 2 USART (fino a 3Mbit);
  • 1 canale SPI 4 fili;
  • 1 RTC con batteria a tampone;
  • 2 PWM hardware fino a 1MHz.

Le caratteristiche in potenza della scheda sono:

  • Tensione di alimentazione: 12V;
  • Consumo di corrente: 300mA (MAX).

Il kit vi arriva con la seguente composizione:

  • scheda base predisposta per alloggiare 12 moduli di interfaccia;
  • scheda CPU;
  • modulo di interfaccia seriale RS232;
  • modulo di interfaccia con 2 ingressi analogici;
  • modulo di interfaccia (1-Wire);
  • cavo d'alimentazione;
  • 6 morsetti a 3 vie (femmina);
  • CD di documentazione ed esempi.

Solo  per  citare  alcune  delle  interfacce già disponibili sulla scheda, facciamo riferimento a:

  • Doppio Ingresso A/D;
  • Doppia Uscita DAC;
  • PWM di potenza;
  • RS232;
  • I2C.

Volete usare questa scheda? Bene, allora prima di tutto date un'occhiata ai requisiti di sistema. Per poter iniziare al meglio avrete bisogno di:

  • Windows XP, Vista, 7 o 8 (32 o 64bit) -> Raccomandati: Windows 7 o 8;
  • Processore a 1.6Ghz o superiore;
  • 1 Gb di RAM;
  • Almeno 3Gb di spazio su hard disk per l'installazione dell'ambiente di sviluppo e dei vari SDK.

Giust'appunto, a proposito di SDK, se volete sapere come fare a procurarvi l'occorrente, c'è un comodo link predisposto per il download. Ci arrivate direttamente dal sito oppure facendo semplicemente click qui.

Esiste già un notevole numero di schede di I/O utilizzabili insieme al kit e lo sviluppo continua ma, d'altronde, lo abbiamo detto: tutto questo è Open Source. Pare una sfida interessante sviluppare il vostro firmware per questa piattaforma, gestendo anche delle schede di espansione, non vi pare?

Bene, per oggi abbiamo finito. Speriamo di avervi interessato a sufficienza. Come vi avevamo preannunciato, di articoli a riguardo di Archimede ne usciranno altri, ce ne occuperemo ancora e ve la faremo vedere all'opera.

Nel frattempo, per tutti voloro che ne siano già interessati, vi ricordiamo che questa scheda è già tra i premi finali del nostro contest. Già perchè se andate a dare un'occhiata lo troverete tra i premi che verranno assegnati alla chiusura del concorso, ovvero a dicembre.

Per chi non volesse aspettare l'assegnazione dei premi di dicembre, o volesse comunque informazioni in merito, troverete tutto a questo indirizzo. E, peraltro, proprio in questo periodo è scontato del 35%!

9 Comments

  1. eurogendfor 1 marzo 2014
  2. Marven 20 settembre 2013
  3. delfino_curioso delfino_curioso 20 settembre 2013
  4. s.prischich 20 settembre 2013
  5. Tiziano.Pigliacelli 21 settembre 2013
  6. delfino_curioso delfino_curioso 21 settembre 2013
  7. Diego Nova 25 settembre 2013
  8. Diego Nova 25 settembre 2013
  9. Diego Nova 25 settembre 2013

Leave a Reply