Arduino ai raggi X: cosa fare per renderlo professionale – Prima Parte

Arduino Uno

Il successo quasi senza confini di questa scheda ha coinvolto tutti. Ogni genere di smanettone, studioso, appassionato, dall’ingegnere fino al meccanico. Tutti si sono più o meno cimentati in progetti di difficoltà molto diverse tra loro per utilizzare al meglio questa scheda. Purtroppo, però, per farne uno strumento professionale, industrialmente affidabile, la strada è ancora davvero lunga. Oggi vediamo quali sono le carenze di questa scheda e come si possono risolvere alcuni dei suoi problemi con qualche piccolo stratagemma o accorgimento pensato su misura. Analizzeremo nello specifico (e risolveremo) vari problemi legati all’alimentazione, alla protezione degli I/O ed alla precisione dei segnali quando gestiti dalle periferiche. Non solo per makers ;)

Contenuto riservato agli abbonati PLATINUM. ABBONATI ORA.

22 Comments

  1. Fabio Fioravanzo 22 febbraio 2014
  2. Fabio Fioravanzo 22 febbraio 2014
  3. leleastro 2 aprile 2014
  4. Emanuele 3 aprile 2014
  5. alex272 14 gennaio 2014
  6. Emanuele 14 gennaio 2014
  7. Giorgio B. 14 gennaio 2014
  8. Giorgio B. 14 gennaio 2014
  9. Giorgio B. 14 gennaio 2014
  10. Piero Boccadoro 14 gennaio 2014
  11. Piero Boccadoro 14 gennaio 2014
  12. Piero Boccadoro 14 gennaio 2014
  13. Marven 14 gennaio 2014
  14. Piero Boccadoro 14 gennaio 2014
  15. h3nk3relett 14 gennaio 2014
  16. adrirobot 14 gennaio 2014
  17. alex272 14 gennaio 2014
  18. paolo.barbuti 16 gennaio 2014
  19. Piero Boccadoro 16 gennaio 2014
  20. Marven 22 gennaio 2014
  21. Emanuele 23 gennaio 2014
  22. Emanuele 23 gennaio 2014

Leave a Reply