Home
Accesso / Registrazione
 di 

Arriva la pubblicità su Twitter

La pubblicità su Twitter permetterà a un'azienda di comparire tra i suggerimenti di chi seguire, le liste "Who to follow"

La pubblicità invade anche il mondo di Twitter. Il social network sembrava l’ultimo luogo al riparo dal marketing, ma era solo questione di tempo. Questa settimana, infatti, il Wall Street Journal ha riportato la notizia che d’ora in avanti le aziende avranno la possibilità di farsi pubblicità su Twitter (a prezzi esorbitanti) per comparire nelle liste di utenti consigliati sulla base di determinati interessi manifestati nel proprio account.

Anche Twitter si adegua al mercato pubblicitario

La pubblicità su Twitter funzionerà in modo molto semplice: gli inserzionisti potranno acquistare un posto nelle liste che raccomandano "chi seguire" (“who to follow”), mirate a utenti con interessi particolari su Twitter, secondo l'ultimo rapporto di Peter Kafka sulla AllThingsD del Wall Street Journal. Kafka riporta che la nuova modalità sarà svelata durante una conferenza all’IAB di New York City.

E’ contro le regole di Twitter vendere gli utenti del popolare servizio di messaggistica, e questo non solo perché Twitter vuole che tutti gli introiti per loro stessi. La maggior parte dei servizi "Buy followers" sono completamente fuori target e potrebbe avere un impatto negativo sull'esperienza degli utenti della rete. In realtà, questa nuova funzionalità potrebbe andare bene per tutte le parti interessate, compresi gli utenti del social network. Le prime reazioni su Twitter, però, non sono positive.

Secondo Kafka, le raccomandazioni serviranno solo quando saranno rilevanti per un utente. Per esempio, l'esposizione di utenti Twitter che seguono gli account riguardanti lo sport sarà disponibile per l'acquisto solo da parte di marche legate allo sport che sono presenti su Twitter.

Non è chiaro come tale rilevanza sarà determinata. Kafka dice che verrà usato lo stesso algoritmo "who to follow" che usa Twitter oggi per suggerire libere, e spesso gradite raccomandazioni. Ma come avverrà il posizionamento di un'offerta da parte degli inserzionisti? C'è qualche analisi semantica dei profili utente che verrà fatta e che faciliterà le aste delle parole chiave?

Quanto ampie saranno le opzioni per il posizionamento? Sarebbe bello se questa opzione per la pubblicità su Twitter avesse un prezzo di entrata abbastanza basso. Invece, notizie di questa settimana hanno confermato che la sponsorizzazione su Twitter comincia a circa 100.000 dollari. E se raccomandazioni indirizzate a un numero inferiore di persone avessero un prezzo inferiore? Ad esempio un piccolo negozio di vestiti di una città di provincia potrebbe farsi pubblicità tra persone amanti del mondo della moda che vivono in quell’area. Sembra che per i posizionamenti ci sarà un'offerta, e che il prezzo per ogni follower sarà influenzato dal successo della campagna pubblicitaria.

I lati positivi della pubblicità su Twitter

Un tale mezzo pubblicitario su Twitter sarebbe molto interessante per una serie di motivi. In primo luogo gli inserzionisti non comprerebbero il posizionamento per i loro messaggi commerciali, ma un'opportunità per gli utenti di iscriversi per leggere i messaggi. La pubblicità, poi, non sarebbe formata da una serie di messaggi creativi, ma da un flusso di comunicazione. Gli utenti potrebbero disdire in qualsiasi momento, per cui un inserzionista potrebbe pagare moltissimi soldi, ma se decidesse di intraprendere una semplice campagna di marketing, con contenuti esplicitamente promozionali per tutto il tempo, senza alcun valore aggiunto, gli utenti potrebbero andarsene in massa, e i soldi sarebbero stati spesi male.

La pubblicità su Twitter è stata a lungo attesa, e ora che è arrivata i nuovi prodotti continuano ad essere molto più interessante di quanto si pensasse. La sponsorizzazione di certi argomenti, per esempio, non sono invasive, ma sono annunci inseriti nel bel mezzo di un flusso incontrollato e aperto di opinione pubblica. Questa nuova forma di pubblicità sembra in grado di essere anche interattiva.

Si potrebbe obiettare che questa pubblicità è come la vecchia Lista Utenti Consigliati (Suggested Users List), solo con il posizionamento a pagamento. Ma una lista mirata di raccomandazioni sponsorizzate, insieme alla lunga lista di raccomandazioni create con il tradizionale algoritmo, potrebbe non essere una cattiva idea.

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 1 utente e 23 visitatori collegati.

Utenti online

Ultimi Commenti