Home
Accesso / Registrazione
 di 

Auto elettriche, batterie, carburanti verdi: i finanziamenti americani

auto elettriche batterie carburanti

Auto elettriche. Il governo degli Stati Uniti progetta di concedere un secondo giro di finanziamenti, 100 milioni di dollari, agli sviluppatori di carburante e batterie.

I finanziamenti alla ricerca per le auto elettriche

Le auto elettriche, e di conseguenza il carburante e le batterie che le alimentano, sono al centro del progetto statunitense che si occupa dello sviluppo per il rinnovamento energetico. Il Dipartimento per l'Energia degli stati uniti ha a disposizione altri 100 milioni di dollari per la ricerca nelle nuove tecnologie, e l'obiettivo primario continua ad essere la diffusione delle auto elettriche. Il Dipartimento sta cercando progetti da finanziare nel campo dei trasporti, dei carburanti liquidi e delle batterie, per coinvolgerli nella seconda fase di finanziamenti del ARPA-E (Advanced Research Projects Agency-Energy). Con l'America Competes Act nel 2007 il governo creò l'ARPA-E, progetto dedicato a supportare le scienze che avrebbero potuto dare un consistente contributo agli obiettivi nazionali in materia di ecologia: ridurre le importazioni di petrolio dall'estro e le emissioni inquinanti, oltre a promuovere l'efficienza energetica.
La prima aprte dei finanziamenti, 151 milioni di dollari, andarono a 37 progetti nell'ottobre di quest'anno. Di quei 151 milioni di dollari del fondo ARPA-E, 23.7 milioni andarono a nuove società in sviluppo e alle università per scoprire modi per ottenere carburanti liquidi per il trasporto usando la luce del sole come ingrediente chiave, o almeno come catalizzatore. Per sempio, la BioCee e l'università del Minnesota, che ricevettero i soldi al primo giro di finanziamenti, stanno sperimentando l'uso di raggi solari e di anidride carbonica per far crescere due organismi che producano idrocarburi.Un'altra compagnia, la Sun Catalytix, pianifica di usare l'elettricità solare per scindere l'axqua e produrre idrogeno, che potrebbe essere usato come carburante per le auto elettriche. L'idrogeno potrebbe essere anche usato per caricare le pile a combustibile per la generazione di energia, per i privati e per le aziende, di notte. 

I nuovi fondi di ricerca per i carburanti e le batterie


Per la seconda parte dei finanziamenti, il Dipartimento per l'Energia americano sta cercando delle proposte che siano simili, quindi progetti in grado di trasformare i raggi del sole in carburante. Ma invece di cercare progetti che fanno affidamento sul sole, come sulla fotosintesi, il Dipartimento vorrebbe dirigere i fondi verso delle ricerche che sviluppino batteri modificati geneticamente per convertire l'anidride carbonica in carburante. L'uso della fotosintesi è innovativo, ma "l'efficienza totale rimane bassa", dichiara il Dipartimento per l'Energia. Inoltre il bisogno di luce del sole limiterebbe molto la produzione alle sole ore diurne.Nello specifico il Dipartimento per l'Energia sta cercando progetti per sviluppare i batteri che raccolgano energia dall'idrogeno, ioni di metallo o dalla corrente elettrica.Oltre ai progetti riguardo il carburante liquido, il Dipartimento vorrebbe orientare gli investimenti sulla ricerca sulle batterie per le auto elettriche, come per i materiali e i metodi per catturare le emissioni di anidride carbonica negli impianti a carbone.La cattura dell'anidride carbonica rimane uno degli obiettivi di vari tipi di finanziamenti del Dipartimento per l'Energia, visto che quasi il 50 per cento dell'elettricità generata in tutto il paese deriva dalle centrali a carbone. Altri tre progetti per portare a termine questo intento, catturare e immagazzinare l'anidride carbonica, sono stati finanziati per 3,18 miliardi di dollari.

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 2 utenti e 49 visitatori collegati.

Ultimi Commenti