Blocco telefonico programmabile 1/6

Blocco telefonico programmabile

Finalmente un circuito capace di impedire l’accesso non solo alle linee telefoniche a pagamento (144 e 00) ma anche a qualunque prefisso o specifico numero. L’alimentazione è fornita da una batteria a 9 volt che garantisce un’autonomia di oltre un anno. La scheda va installata tra la linea ed il telefono e grazie alle dimensioni particolarmente contenute può essere facilmente occultata nella scatola di derivazione o in una finta rubrica telefonica. La programmazione dei numeri da “escludere” avviene agendo sulla tastiera dopo aver composto il codice personale.

Capita spesso di leggere, nelle pagine di cronaca dei quotidiani, di bollette telefoniche astronomiche, quasi sempre dovute alle linee a pagamento, in particolare a quelle dei telefoni erotici (“144”, “00”, ecc). A furor di popolo, dopo mesi di aspre polemiche, la Telecom ha instaurato una nuova procedura per cui i servizi a pagamento vengono abilitati solamente dopo formale richiesta dell’abbonato, ritenendo così di aver dato una risposta definitiva al problema. Tuttavia, come recitano antichi proverbi (“Fidarsi è bene, non fidarsi è meglio” e “Chi fa da sé fa per tre”), abbiamo ritenuto opportuno realizzare un dispositivo che, a prescindere dalle assicurazioni della Telecom, consenta a chiunque, in prima persona, di controllare (ed eventualmente bloccare) il funzionamento del proprio telefono. Il progetto descritto in queste pagine svolge proprio questa funzione.

Ma non solo. Oltre a consentire l’esclusione di prefissi quali il “144” o lo “00”, permette anche di escludere determinati numeri o altri prefissi: il tutto digitando semplicemente particolari codici sulla tastiera del telefono. Il dispositivo va abbinato ad un telefono a tastiera funzionante in multifrequenza (ovvero con i toni), versione che ha ormai soppiantato nella maggior parte delle case italiane il vecchio telefono con combinatore a disco. Vogliamo sottolineare l’estrema duttilità di questo circuito; con esso, infatti, potremo escludere sia un numero completo appartenente ad un’utenza singola che parte di un numero (ad esempio, se memorizzerete nel dispositivo il numero “02”, non potrete più telefonare ad abbonati del distretto di Milano, se memorizzerete lo “00” verranno inibite tutte le telefonate internazionali, ecc.)

blocco_telefonico_programmabile_software

. Ovviamente le inibizioni potranno essere eliminate in qualsiasi momento (a patto di conoscere il codice di accesso del sistema). Il dispositivo utilizza un microprocessore (che è un ST6260B con 128 byte di RAM e 128 byte di EEPROM) in grado di gestire l’esclusione di un massimo di 20 numeri, ognuno dei quali composto da un minimo di una ad un massimo di 12 cifre. Tutti i dati vengono memorizzati in una memoria non volatile (EEPROM), perciò anche nel caso in cui si tolga l’alimentazione al circuito (come quando si deve sostituire la batteria), non vi è il rischio di perdere alcuna informazione, né i numeri telefonici memorizzati né tantomeno il codice d’accesso al menu di programmazione. Grazie alle caratteristiche appena menzionate, questo circuito può essere utilizzato in svariate situazioni.

Se siete padri di famiglia e ricevete periodicamente una “salata” bolletta telefonica perché vostro figlio/a trascorre interi pomeriggi al telefono con gli amici, che magari abitano fuori rete, potrete evitare che ciò avvenga semplicemente munendovi di questo kit e adattandolo alle vostre esigenze programmando opportuni numeri telefonici da escludere (consigliamo vivamente di giungere a questa decisione dopo averne discusso con i vostri figli al fine di evitare misure così drastiche. Ciò vale anche nel caso che non siano i vostri familiari ad effettuare un uso sconsiderato del telefono ma ad esempio, la domestica o degli estranei.

Il kit è disponibile da Futura Elettronica

STAMPA     Tags:

Leave a Reply

Vuoi leggere un articolo Premium GRATIS?

RFID: un acronimo mille possibilità