Home
Accesso / Registrazione
 di 

Buone notizie per i malati di diabete

nanopump insulina

Spiegazione medica
Il diabete è una malattia cronica che colpisce il modo in cui il nostro organismo utilizza il cibo per la produzione di energia. Il diabete è caratterizzato dalla presenza di livelli elevati di glucosio nel sangue (iperglicemia) ed e' dovuto ad una quantità alterata o funzione dell’insulina. L’insulina è l’ormone, prodotto dal pancreas, che consente al glucosio l’ingresso nelle cellule ed il suo conseguente utilizzo come fonte energetica. Quando questo meccanismo è alterato, il glucosio si accumula nel circolo sanguigno. (guarda questo video!)
Storia
Nel I sec. dC, il termine diabete fu coniato da Areteo di Cappadocia. In greco antico la parola diabainein significa letteralmente "sifone attraverso il quale passa l'acqua", in riferimento a quello che è il sintomo più appariscente: l'eccessiva produzione di urina. Mellito viene dal latino mel: miele, dolce ed è stato aggiunto per il fatto che il sangue e le urine dei pazienti diabetici hanno un sapore dolce
Tecnologia
Ma ci sono buone notizie per tutte le persone malate di diabete - una pompa nanometrica per l’infusione di insulina, sviluppata dalla Debiotech ed industrializzata dalla ST. La Nanopompa utilizza la tecnologia microfluidica MEMS (sistema micro-elettro-meccanico). Le sue dimensioni sono: 65mm x 38mm x 11mm (27ml) con una capacità di serbatoio di insulina da 4 a 6ml. La terapia di somministrazione dell'insulina, è un'alternativa interessante per tutti coloro che devono amministrarla più volte al giorno. Con CSII (Continuous Subcutaneous Insulin Infusion), il paziente è collegato ad un sistema di infusione programmabile (una pompa con serbatoio), che effettua l'infusione dell'insulina nel tessuto sottocutaneo. Il principio è costituito da una pompa volumetrica, con una coppia di valvole di controllo, integrata in un chip MEMS. Il chip e' una pila di 3 strati uniti tra loro: un isolante a silicio con "micromachined pump-structures" e due piastre Pyrex con fori. Il chip MEMS e' assemblato con un attuatore "piezoelectric " che muove la membrana in un movimento di reciprocità per comprimere e decomprimere il fluido nella camera di pompaggio. La tecnologia MEMS utilizzata in questo dispositivo permette un controllo più stretto del meccanismo di pompaggio (ogni pompaggio libera solo 200 nanolitri di medicina)
Numeri
In tutto il mondo vi sono circa 250 milioni di persone malate di diabete e questo numero aumenterà nel prossimo decennio a causa dell'aumento della popolazione, dell'invecchiamento e dello stile di vita. Pero', grazie a questo dispositivo questa malattia sarà tenuta sotto controllo!

Per maggiori informazioni clicca qui.

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog
ritratto di brazov2

affidabilità

qui il problema maggiore è l'affidabilità del sistema, dei dispositivi elettronici. Una cosa che manca è il feedback da parte dell'organismo umano, queste nanopompe mi sembra funzionino a catena aperta, è l'utente a decidere il profilo insulinico. Una soluzione ideale sarebbe quella di avere un sensore sottocutaneo che monitora la glicemia e manda alla nanopompa informazioni sulla quantità di insulina da fare. Ovviamente senza l'ack da parte del malato, sarebbe pericoloso anche se i sistemi fossero affidabili poichè una dose massiccia di insulina può uccidere. Comunque questa è la vera tecnologia a servizio dell'uomo!

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 3 utenti e 52 visitatori collegati.

Ultimi Commenti