Home
Accesso / Registrazione
 di 

Il Canada e lo sfruttamento di energia idroelettrica

energia idroelettrica Canada

Lo stato del Canada è il secondo produttore al mondo, dopo la Cina, di energia idroelettrica, spinto dal suo potenziale di produrre energia idroelettrica, mira a produrne sempre di più per soddisfare le continue richieste di energia pulita degli Stati Uniti; tale produzione è incentivata dalle politiche del governo federale, il quale mira ad eliminare le centrali a carbone.

La produzione di energia idroelettrica, è sicuramente un capo saldo dell'economia di questa nazione, incentivata inoltre, dall'insicurezza dettata dalle centrali a carbone, le quali, specie ultimamente, sono state sottoposte ad importanti limitazioni da parte del governo federale che ha introdotto una normativa per ridurre le emissioni di carbonio; il Canada potrà sfruttare questa situazione d'incertezza per incrementare notevolmente la sua produzione e stipulare nuovi contratti per la distribuzione in loco; non è un caso che Hydro-Quebec, abbia recentemente raggiunto accordi a lungo termine per l'esportazione di energia idroelettrica nel Vermont e nel New England e che, in collaborazione con il Servizio Pubblico di New Hampshire stia per costruire una linea di trasmissione lunga 140 miglia, che porterà fino 225 Mw di energia idroelettrica canadese al centro di New Hampshire.

Con un altro accordo, Hydro-Quebec, fornirà 225 MW di energia idroelettrica, a partire dal 2012 per 60 anni, al Central Vermont Public Service e al Green Mountain Power. Il Canada, che ospita circa 475 impianti idroelettrici, con una capacità di 70.000 MW, produce circa 355 terawatt/ora di energia idroelettrica ogni anno, ma il potenziale non sfruttato è di gran lunga maggiore.

Secondo uno studio commissionato dalla Canadian Association idroelettrica, il Canada ha 163.000 Mw di energia idroelettrica potenziale da sfruttare, più del doppio di capacità idroelettrica esistente nel paese; l'energia idroelettrica oggi rappresenta il 6o% del consumo di elettricità del Canada; questo numero è sicuramente in aumento per la costruzione di diverse centrali idroelettriche che sostituiranno quelle a carbone.

I politici sono assolutamente favorevoli allo sviluppo idroelettrico del Canada e quindi promuovono politiche che incoraggino tale sviluppo, la prova concreta la si riscontra nei progressi effettivi e nella realizzazione dei progetti, più fatti che parole.

Energia idroelettrica: progetto Wuskawatim: avviare la produzione di potenza nel 2012

Il progetto Wuskawatim prevede la costruzione di una centrale idroelettrica sul fiume Burntwood, nel nord del Manitoba, la quale inizierà la produzione di energia nel tardo 2011. Per la costruzione della centrale idroelettrica, il governo federale ha stanziato 1,3 miliardi di dollari, il progetto che è iniziato nel mese di agosto del 2006, prevede la costruzione di una diga di terra, di una centrale termica a tre elementi, uno sfioratore, di linee di trasmissione e di una strada di accesso lunga 30 miglia. Il contraente generale, responsabile della costruzione civile generale, è il partenariato O' Connell Neilson-EBC, a cui è stato assegnato un fondo pari a 289 milioni di dollari con un contratto stipulato nel 2008. Ogni unità di generazione ha un'asse verticale ed una turbina ad elica a lama fissa. General Electric Hydro, ha stipulato un finanziamento pari a 42,6 milioni di dollari per la progettazione, la fabbricazione e la fornitura di tre turbine e dei generatori. Il canale di scarico, avrà tre campate, ogni 9 metri di larghezza e 16 metri di altezza e sarà in grado di passare una scarica di picco di circa 2650 metri cubi al secondo. Il progetto è stato sviluppato dalla Wuskwatim Limited Partnership, grazie ad un accordo fra Manitoba Hydro e Nisichawayasihk Cree Nation; è la prima volta che Wuskwatim stipula una partnership con un patrimonio netto delle Prime Nazioni della Comunità per un progetto di alimentazione. Questo progetto nasce da quasi un decennio di progettazione, studi e trattative fra Manitoba Hydro e Nisichawayasihk Cree Nation. Il disegno della diga, creerà meno della metà di un allagamento di qualsiasi progetto idroelettrico nel nord. Wuskwatim è un progetto unico che serve da modello per lo sviluppo di progetti futuri, in Manitoba e in altre parti del paese.

Progetto Mica: il nulla osta per l'espansione

Il progetto BC Hydro, prevede l'aggiunta di due generatori di 500 MW per la centrale elettrica di Mica Dam, ad un costo di circa un miliardo; le quattro unità esistenti possono generare fino a 1085 MW, l'impianto è stato originariamente progettato per contenere sei unità, l'installazione delle unità 5 e 6 è stata rimandata fino a quando la capacità addizionale è stata resa necessaria, l'unità 5 sarà operativa entro il 2014, mentre l'unità 6 entro il 2015. I miglioramenti sono attualmente in corso sul fondo del pozzo di piombo, nella camera di trasformazione per le unità 5 e 6, inoltre la costruzione di una 500 KV, è prevista in circa due anni. Il progetto Mica, prevede la costruzione di una delle dighe più grandi al mondo, ed ha iniziato la produzione di energia nel 1977.

Obiettivi Quebec: espansione idrica nel mercato USA

Dopo aver raggiunto tutte le mete prestabilite, Quebec ha deciso di passare ad un altro progetto per un valore di 32 miliardi di dollari, da realizzare entro il 2035 per incrementare la produzione di energia e le vendite negli Stati Uniti. Al centro del piano del Quebec per aumentare la capacità di esportazione verso gli Stati Uniti, vi è la costruzione di un complesso di energia idroelettrica da 1550Mw sul fiume Romaine, che sarà probabilmente operativo entro il 2020. Questo progetto prevede la costruzione di quattro centrali in grado di produrre 8 terawatt/ore all'anno. La maggior parte della potenza viene esportata negli Stati Uniti e le vendite potrebbero raggiungere i 2 miliardi di dollari nei primi 12 mesi. Hydro-Quebec, ha accettato di pagare ad Alstom-Hydro 70.000.000 (98 milioni di dollari) per la fornitura e l'installazione di due turbine da 320 MW verticale, per il progetto Romaine.

Sviluppo idroelettrico in Ontario, favorito dalla legislazione

Nel 2009,  è stato emanato l' "Ontario's Green Energy Act", un emendamento che favorisce lo sviluppo idroelettrico in Ontario e che ha portato ad un aumento di interesse nella costruzione di nuovi progetti sulle energie rinnovabili in tutta la provincia. L' atto prevede un feed in tariffa (FIT), programma che prevede il sostegno ai prezzi per i produttori di energie rinnovabili al servizio Ontario. Il programma Fit, è una parte importante del piano aggressivo della provincia per eliminare le centrali a carbone. Nell'ambito del progetto Fit, il potere ontario (OPA), ha offerto un contratto a 184 progetti con una capacità superiore a 500Kwatt ciascuno. Complessivamente questi progetti dovrebbero aggiungere circa 2.500MW di nuova capacità, dei 184 progetti, 46 sono per l'energia idroelettrica. Questa transizione di potere detergente, è stata ben avviata, tanto da arrivare nel 2009 a produrre più dell'80% di energia elettrica della provincia; in Ontario, le centrali a carbone saranno eliminate entro la fine del 2014. Il programma Fit garantisce un prezzo stabile per i produttori di energia rinnovabile, i produttori idroelettrici sono pagati 13,1 centesimi per Kilowatt-ora, per un massimo di 10 MW; il tasso è di 12,2 centesimi per 10 a 50MW; inoltre la durata del contratto è di 40 anni, ben al di sopra del contratto per l'energia eolica e solare che è pari a 20 anni. Rick Smith, direttore esecutivo di difesa ambientale ha dichiarato: "L'Ontario ha acceso l'interruttore su una nuova era di prosperità di energia verde"; oltre al Green Energy Act, il legislatore dell'Ontario, recentemente ha approvato un disegno di legge che mira a proteggere i 225 chilometri del nord dell'Ontario durante il progetto.

Il British Columbia e il Clean Energy Act

Nel 2010, British Columbia ha approvato un piano conosciuto come il Clean Energy Act, per creare posti di lavoro e ridurre le emissioni di carbonio attraverso lo sviluppo e l'esportazione di nuova capacità idroelettrica. La misura stabilisce un obiettivo di autosufficienza energetica entro il 2016, richiedendo alla provincia di generare il 93% della sua energia, in fonti rinnovabili e innalza lo standard per soddisfare la domanda di incremento del potere attraverso la conservazione e il miglioramento di efficienza dal 50 al 66% entro il 2020. Inoltre, il disegno di legge, autorizza ingenti investimenti pubblici in espansione a Mica BC Hydro e per progetti di Revelstoke. Un ulteriore obiettivo della legge è quello di rendere BC Hydro un esportatore netto di energia elettrica; nell'ambito della misura, BC Hydro, sarà in grado di garantire a lungo termine le vendite all'esportazione con contratti a lungo termine con gli altri paesi, cosa che prima dell'approvazione della legge era vietata.

Progetto Toba-Montrose ora online.

Dopo tre anni di costruzione, Plutonic's Power ha recentemente completato il progetto da 663 milioni di dollari Toba-Montrose, la più grande fonte di energia rinnovabile generata in British Columbia. Il progetto di 196 MW, prevede una fase di 73 MW di impianti sul fiume Montrose e un impianto di 123 MW sul Toba East River; una linea di trasmissione di 93 chilometri che collega le due strutture a griglia; BC Hydro ha contribuito alla realizzazione del progetto; la peculiarità questo piano, concerne la possibilità di essere venduto da BC Hydro su un accordo della durata di 35 anni. A differenza degli impianti tradizionali, non si è costruita una diga a valle, ma il flusso d'acqua sarà deviato in un tubo ad alta quota. Infine il progetto Toba-Montrose, prevede di fornire 726.000 megawatt-ora di energia pulita all'anno per i clienti della BC Hydro, un grande passo avanti che avvicina sempre di più gli Stati Uniti nell'intento di creare un'economia basata sullo sfruttamento di energie rinnovabili.

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Ultimi Commenti