Home
Accesso / Registrazione
 di 

Carta riciclata artigianale, un progetto utile e istruttivo

carta riciclata artigianale

Tutti sappiamo quanto sia importante per l’ambiente riciclare qualsiasi prodotto ma pochi sanno che è possibile ottenere carta riciclata artigianale, in modo semplice e divertente!

Perché produrre artigianalmente la carta riciclata

Ottenere carta riciclata può essere semplice, istruttivo e divertente, senza necessità di ricorrere a veri e propri produttori specializzati è infatti possibile sperimentare a casa un metodo artigianale.
E’ anche un modo per disporre di carta in maniera economica e inoltre si possono produrre vari colori: sicuramente è un’idea originale per coinvolgere in un progetto istruttivo ma divertente anche i più piccoli.
Si può ottenere carta riciclata da diversi materiali: in questo prontuario si è utilizzata la lavanda ma con la fantasia si possono trasformare artigianalmente diverse sostanze.

Cosa serve per creare carta riciclata in modo artigianale

Occorre procurarsi i seguenti materiali:
- Una Spugnas
- Una retina (va bene anche quella di una zanzariera per finestre)
- Una cornice di legno
- Un recipiente di plastica (grande abbastanza da contenere ola cornice che ci andrà immersa totalmente)
- Un frullatore (per fare la polpa della carta)
- Dell'amido liquido
- Un pezzo di tessuto bianco o di flanella
- Dei chiodini o spillette (per imbastire la cornice con la retina)

Istruzioni per ottenere in modo artigianale la carta riciclata

Selezionare prima di tutto i pezzi di carta da riciclare (si possono anche mischiare tipi di carta diversi) e sfilacciarla in piccoli frammenti.
Riempire dunque con la carta il frullatore fino a circa metà della capienza.
Aggiungere acqua calda e attivare il frullatore: inizialmente alla velocità minima, poi accelerarla fino a che la polpa non appaia sufficientemente amalgamata e compatta.
Dopo qualche secondo verificare che non ci siano frammenti di carta ancora intatti: in caso contrario frullare l'impasto per qualche altro secondo.
Il passo successivo è quello di creare uno stampo: per farlo in modo artigianale basta usare una retina per finestre e spillarla su un sostegno che può essere rappresentato anche da una cornice di legno.
L'importante è fissare bene la retina in modo da costruire un sostegno sufficientemente resistente.
Riempire dunque il recipiente di plastica a metà con dell'acqua e aggiungere tre carichi del composto frullato (più polpa si aggiunge maggiore sarà lo spessore della carta che si ottiene).
Mescolare il composto.
E' giunto il momento di aggiungere l'amido: non è necessario ma, se l'intento finale è di scrivere sulla carta riciclata, si consiglia di farlo perchè l'amido impedisce che la carta si impregni di inchiostro.
Mescolare dunque 2 cucchiaini da thè di amido liquido nella polpa.
Immergere lo stampo nel recipiente pieno di composto e livellare il contenuto con cura: scuotere delicatamente lo stampo fino a che lo strato superficiale del composto non appaia ben distribuita.
Sollevare lo stampo sopra il livello dell'acqua e attendere che tutta l'acqua in eccesso sia scolata.
Se il foglio di carta appare troppo spesso rimuovere un pò di composto, in caso contrario aggiungerne e mischiare di nuovo.
Quando lo stampo smette di gocciolare, fare delicatamente scivolare il composto sul tessuto.
Aiutarsi con una spugna per drenarlo il più possibile dall'acqua rimasta.
Ora arriva la parte più difficile: mantenendo la superficie d'appoggio distesa, sollevare con delicatezza un bordo del foglio di carta.
Il foglio bagnato dovrebbe restare sul tessuto: se resta sullo stampo evidentemente si è premuto con troppa forza oppure non si è drenata via l'acqua a sufficienza.
Occorre senza dubbio un pò di pratica per riuscire in questo passaggio.
Ripetere tutti i passaggi fino all'esaurimento del composto e accatasta di volta in volta gli strati di tessuto sopra una teglia da forno.
Conservare un foglio di tessuto per coprire l'ultimo strato di composto.
Usare un'altra teglia per rimuovere l'acqua rimasta premendo sui tessuti accatastati: si consiglia di farlo in uno spazio aperto o nella vasca da bagno per evitare di sporcare troppo.
Dopo questo ultimo accorgimento, separare delicatamente e ad uno ad uno i fogli: si possono asciugare appendendoli su delle grucce per pantaloni o stendendoli al sole su fogli di giornali.
Una volta asciutti staccarli dal tessuto sottostante.
La carta riciclata è finalmente pronta: una volta che i fogli sono asciutti si può poi colorarli a piacimento tanto che questi fogli di carta possono essere presi in considerazione anche per simpatici biglietti di auguri o inviti.

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 4 utenti e 49 visitatori collegati.

Ultimi Commenti