Home
Accesso / Registrazione
 di 

Catchbot - il robot che gioca a baseball

Robotica Catchbot Robot

Catchbot e' il robot che gioca a baseball e ha quattro ruote motrici. Il baseball può essere, all'apparenza, un gioco molto semplice. Un giocatore lancia una palla, un altro la colpisce. Bisogna fare più punti dell'avversario e la partita è vinta. Ma, naturalmente, le cose non sono così semplici e giocare nella major league statunitense è un “tantino” più complesso.

Catchbot, il robot che gioca a baseball, e' stato creato in Arizona.

Pur non aspirando ai verdi templi del baseball americano, i ricercatori della Arizona State University hanno implementato un robot con l'obiettivo di insegnarli i rudimenti del gioco. Il suo nome è Catchbot e riesce già a intercettare le palle a terra nel 75% dei casi.

Un buon giocatore di baseball è veloce, agile ed è in grado – grazie all'esperienza – di prendere decisioni importanti in pochissimo tempo. Provare a fornire queste qualità a un robot è la sfida portata avanti dal gruppo di Robotica dell'Università dell'Arizona, capitanata da Michael McBeath e Thomas Sugar, rispettivamente psicologo e professore di robotica presso la stessa università. I due, dopo sette anni di studi sui modi di interazione tra gli esseri umani e gli animali con gli oggetti in movimento nello spazio, hanno infine elaborato il progetto Catchbot.

Tecnicamente, Catchbot è un robot dotato di quattro ruote motrici, molto basso rispetto al suolo e capace di raccogliere le palle da terra. È simile a un'automobile telecomandata, solo che è autonomo e capace di intercettare le palle lanciate all'altezza del suolo nel 75% dei casi, che non è affatto un cattivo risultato.

Catchbot, attraverso una camera montata a bordo (risoluzione 640 x 480 pixel, 30 frame al secondo), percepisce ogni oggetto in movimento nel raggio di 20 piedi, ne calcola la velocità ed è in grado di predirne la traiettoria e, quindi, di compiere gli spostamenti necessari per intercettarlo. Il suo guanto da ricevitore è in realtà una sorta di paraurti, molto simile a quello delle nostre vetture. Il suo cervello è un microchip che permette al robot di calcolare i dati di cui ha bisogno in brevissimo tempo. Questo risultato è ottenuto grazie a un mix originale di robotica e alla applicazione dei principi base della percezione degli oggetti in movimento nello spazio.

McBeath e Sugar nel corso degli anni hanno raccolto una mole di dati impressionante sulle traiettorie degli oggetti in movimento e sulla reazione a questi di insetti, cani, uccelli e – per l'appunto – esseri umani. Gli studi hanno dimostrato che le tecniche di reazione in scenari simili sono identiche alla reazione di un giocatore di baseball che si piega o si sposta per intercettare la palla lanciata dal battitore. Tutti questi dati (che comprendono anche migliaia di ore di registrazioni video) sono stati elaborati al calcolatore e sono stati ricavati una serie di diagrammi che, completati con formule matematiche e progressioni geometriche, sono in grado di fornire la traiettoria nel tempo di un qualsiasi oggetto nello spazio e di prevederne il punto di arrivo. L'applicazione della semplice teoria del controllo fornisce al robot Catchbot la capacità di intercettare, come già detto, ben il 75% delle palle che arrivano dal suolo.

Catchbot, come ogni prodotto tecnologico, è migliorabile. Le ricadute di una ricerca di questo tipo sono utili sia alla scienza robotica, che a noi esseri umani. Incrementare le conoscenze sulla percezione è uno degli obiettivi primari del team di studio del Politecnico dell'Arizona. E difatti, McBeath e Sugar sono al lavoro su una versione 2.0 di Catchbot con lo scopo dichiarato di riuscire a competere con alcuni dei più grandi giocatori di baseball del mondo. Sfida difficile, ma che vale senz'altro la pena di essere tentata.

[Photo credit: John C. Phillips]

Re-post del 10/08/2008

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog
ritratto di mtrivelli

Robotica Catchbot Robot

Interessante questo robot Catchbot.
Un altro robot trovate qui: Robot esapode 18-DOF

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 12 utenti e 139 visitatori collegati.

Ultimi Commenti