Home
Accesso / Registrazione
 di 

Cavi HDMI: sfatiamo il mito delle differenze di qualità basate sul costo

Cavi HDMI

Avete mai comprato un cavo HDMI? A volte li danno in dotazione con il televisore, ma se c’è bisogno di acquistarne uno, balza subito all’occhio un particolare: c’è una scala di prezzi molto ampia, che va dai 5-6 euro fino ad oltre 50. Con questo prezzo tra l’altro quasi ci si compra un lettore Blu-ray economico..Se vi trovate in uno di questi ipermercati tecnologici avete la possibilità di vedere tutta la gamma esposta, con il commesso di turno che cercherà di orientare la vostra scelta sul cavo HDMI più costoso. Ma ne vale davvero la pena? Un cavo Monster che costa 10 volte quello di uno buttato nel cestone delle offerte garantisce una qualità più alta? La risposta è no, per i cavi HDMI non ci sono differenze basate sui costi. Ne abbiamo già discusso in un articolo relativo alla scelta dei cavi HDMI, qui ora ne diamo una spiegazione.

Nozioni base sulla tecnologia HDMI

La prima cosa da tenere a mente riguardo l’HDMI è che uno standard digitale, non analogico (come la presa SCART) e, differentemente da un componente video o ad un cavo coassiale, ad esempio, i segnali HDMI non degradano gradualmente. Il discorso è: o funziona o non funziona. L’importante è che il segnale viaggi lungo il cavo HDMI e arrivi al destinatario. Come riportato in un articolo di PCMag, ‘affermare che cavi HDMI costosi producano qualità video ed audio migliori è come dire che comprare cavi Ethernet di alta qualità comporti una visione superiore dei video di YouTube’. Io sono d’accordo con questa affermazione. Passando dal sacro al profano, mi viene in mente un episodio relativo ad una vacanza: eravamo in campeggio e l’acqua, seppur potabile, non aveva un sapore particolarmente gradevole, così una mia amica ha comprato acqua in bottiglia anche per bollire la pasta.. Spesa maggiore, zero differenze, ovvio.

Cavi HDMI: cosa ne pensano gli utenti

Visto che non produco personalmente cavi HDMI e non lavoro nel settore, ho deciso che il modo miglior per rendersi conto di quanto sia importante il prezzo in rapporto alla qualità, ho cercato su internet, nei vari forum italiani, inglesi e spagnoli, i commenti di chi possiede cavi HDMI e ne fa quindi costante uso. Senza scendere troppo nei tecnicismi, da cui poi non si ricava molto in termini di reale usabilità, mi sono resa conto che chi ha acquistato un cavo HDMI a pochi euro ne è sempre soddisfatto; non riesco a trovare (sicuramente ci sarà qualcuno, ma rappresenta la netta minoranza) persone che si lamentino della pessima qualità di cavi a basso costo; altresì è vero che chi invece ha speso molto di più, vuoi per suggestione, vuoi perché bisogna convincersi di aver comunque fatto l’acquisto giusto, si limita a dire che si apprezza una maggiore nitidezza e saturazione (da vedere se poi è positiva come condizione) o cose di questo genere; consideriamo che in HD nitidezza e definizione sono di per sé alte, non parliamo di differenze tra plasma e tubo catodico. Ad ogni modo, resta sempre un appiglio: ‘Ma i cavi HDMI schermati con contatti in oro garantiscono una maggiore durata’. Il discorso usura lascia il tempo che trova, perché i cavi HDMI da ‘due lire’ durano tranquillamente diversi anni e, anche se dovessero mal funzionare prima di un Monster, il costo maggiorato non verrà mai ammortizzato nel tempo. L’oro ed il prezzo sono specchi per le allodole quindi? A me sembra proprio di si, ma ovviamente sono disposta a cambiare idea con spiegazioni convincenti. A voi, dunque..

Leggi anche: ecco perche i cavi HDMI sono tutti uguali

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog
ritratto di gianbruno

hdmi

Non sono tecnico , o cosa del genere , credo che il costo maggiore di un cavo hdmi si nei componenti . Comunque prima di fare qualsiasi critica sul costo bisognerebbe non solo provare gli stessi ma vedere come sono e di cosa sono assemblati. Un caso di pochi euro hdmi se non assemblato correttamente , magari con componenti con una resistenza minore possono nel peggiore dei casi bruciare i componenti o peggio le porte dii ingresso sia tv che comp. ciao

ritratto di aleseanna

hdmi

di sicuro un cavo che porta un segnale fino a 340 megahertz (per intenderci, le radio in FM trasmettono a 88-108 MHZ con kilowatt di potenza, intorno ai 340 MHZ ci sono telecomandi apricancelli, ripetitori TV, radioamatori, ecc ecc)deve avere una buona schermatura, sopratutto in vicinanza di altri apparati che potrebbero emettere frequenze spurie e/o armoniche che,penetrando nel cavo soprattutto in caso di lunghe tratte, porterebbero sicuramente alterazioni del segnale principale HDMI.
comperare un cavo economico e' un po' come una scommessa, puo' andare bene oppure no, a secondo dei casi sopracitati.
comperare un cavo costosissimo e' da pazzi, a meno che l'installazione non sia in ambienti con alti livelli di inquinamento elettromagnetico.
Ales

ritratto di SIGLAZY

Cavi con i contatti in oro

Per la maggior parte dei "commessi esperti" che si sono formati nel periodo dell'audio analogico, rendersi conto che la trasmissione dei segnali digitale segue regole del tutto diverse da quella analogica è difficile, anche e soprattutto perchè il guadagno del negozio è sui prodotti più costosi e non sui cavetti dozzinali.

Quando sono usciti i primi apparati con la connessione audio ottica, un commesso aveva cercato di vendermi un "cavo ottico con i contatti in oro", scandalizzandosi poi perchè un "cultore della musica" come me comprasse un banale cavetto con anima in plastica...

Adesso cercano di fare lo stesso con la connessione tutto-digitale HDMI, per la quale l'unica accortezza è di non legare insieme i cavi audio/video e della corrente - e se lo si fa, anche il miglior cavo "superschermato e con i contatti in oro/palladio costato più del lettore" avrà dei problemi.

Quindi per il nostro mega-impianto A/V scartiamo magari il cavo da 5 euro made in China (ma solo perchè uno ogni venti avrà qualche problema elettrico), ma rifiutiamo anche di finanziare i produttori di cavi placcati in oro per le connessioni digitali e orientiamoci su quelli che offrono un prodotto ben fatto a prezzi ragionevoli.

ritratto di jacky

concordo pienamente con

concordo pienamente con l'autore.
se parliamo di cavi che portano segnali analogici allora questi degradano progressivamente all'aumentare della lunghezza del cavo e della qualità dello stesso e questo fa perdere in termini di qualità video.
in caso di problemi come ricezione errata di dati ve ne accorgereste subito: qualche quadrato con colori decisamente sbagliato o buchi nell'audio, proprio come avviene nel segnale del digitale terrestre.
in ambito digitale quello che l'utente vede non è il segnale ricevuto ma il segnale ricevuto e pesantemente elaborato, con tecniche di equalizzazione, rivelazione e decodifica che per descrivere servono vari libri e vi posso garantire che una piccola interferenza non influenza minimamente i dati ricevuti dopo l'elaborazione ma serve un'interferenza molto forte e prolungata nel tempo per mettere in crisi queste tecniche, ma le specifiche prendono in considerazione gli scenari medi possibili, tenendo già conto delle emissioni elettromagnetiche diffuse come al radio la tv il wifi ecc, quindi a meno che voi non abbiate il cavo hdmi che passa tra il microonde e un motore elettrico non dovreste avere problemi.
lo standard in 237 pagine per la versione 1.3 definisce tutti i parametri fisici del cavo e le condizioni entro i quali il cavo DEVE funzionare, lasciando spazi di miglioramento ma non di peggioramento, quindi il cavo da 5 euro made in cina se marchiato come compatibile con lo standard deve rientrare in quei parametri, a meno che non sia una certificazione fasulla ma si può dire lo stesso dell'etichetta dei prodotti alimentari ecc..
quindi che il cavo da 50 euro sia meglio di quello da 5 per qualità costruttiva non c'è dubbio ma sul risultato che vedrete potete star certi che non ci sarà una differenza apprezzabile.
l'unico caso in cui può essere sensato prendere un cavo di qualità superiore è quello di una lunghezza del cavo molto lunga (15-30 m) ma solo se un cavo economico da problemi in alternativa all'installazione di un rigeneratore a metà linea.

ritratto di Edi82

in definitiva quindi, mi

in definitiva quindi, mi sembra di capire, che un cavo da 5 euro potrebbe essere fallato (caso comunque raro), mentre uno da 50 no..ma se con la metà dl prezzo ne compro 5 da 5 euro non ho comunque ottime probabilità di avere un cavo perfettamente funzionante? noto delle affinità con i farmaci generici..

ritratto di Leonzio

Non è tutto oro quel che luccica...

Non è tutto oro quel che luccica, e vale anche per i connettori, i cavi, le schermature, i dielettrici, ecc ecc.
Premetto che non ho mai ceduto alle sirene dell'esoterismo nell'acquisto dei cavi, anche nel dominio dei segnali analogici dove strumenti alla mano mi sono trovato a confutare le impressioni di audiofili che dovevano giustificare forzatamente i pregi dei loro cavi da miliardari utilizzati per connettere il CD player all'ampli o peggio ancora l'ampli alle casse.
E' corretto quello che è stato detto circa la maggiore immunità ai disturbi o ai problemi di adattamento dei cavi nella trasmissione digitale dei segnali, però se vogliamo essere seri divulgatori e attenti utenti di sistemi elettronici non possiamo dimenticare che anche nei cavi per segnali digitali si manifestano i problemi dovuti a:
- adattamento di impedenza
- capacità residue
- ossidazione dei contatti
- non aderenza agli standard
- cattiva costruzione

Considerando quindi che nessuno regala niente, è logico pensare che dietro il più economico dei cavi HDMI gettato nella vaschetta delle offerte non ci sia molto più del minimo indispensabile al "normale" funzionamento, ed è altrettanto logico che dietro ad un cavo più costoso, magari accompagnato da un "brand" ci sia qualche attenzione in più, soprattutto se il brand in questione ci tiene alla propria reputazione, elemento che nel cavo da cestone evidentemente è inattaccabile.

Vorrei precisare anche che il cavo digitale "va o non va" grazie ai sistemi di correzione d'errore che ogni protocollo di comunicazione digitale che si rispetti possiede, e che ogni sistema digitale che si rispetti implementa. Quindi è possibile che un cavo digitale "scarso" lavori stabilmente al limite della capacità del sistema di correzione d'errore senza che l'utente denoti un degrado, fino al punto in cui un elemento di deterioramento ulteriore (ossidazione dei contatti, ambiente disturbato) diventa la goccia che fa traboccare il vaso.

In sintesi la mia posizione è stare nel "medio-basso", ovvero no agli esoterismi ma anche no ai "cestoni" da sottocosto. Preferisco spendere qualche Euro in più che dovermi alzare dalla poltrona mentre tirano un calcio di rigore per smanettare il cavo che di punto in bianco ha deciso di dare un "no segnale" al mio TV.

ritratto di ElektroLeccornia

cavi hd costosi?? buahahah quanti soldi nel cesso

Ciao sweety, come hai ben detto il segnale è digitale e quindi viene trasmesso sottoforma di impulsi di tensione 0volt 0,5 volt (per esempio), questi impulsi saranno poi tradotti in binario 0/1 dallo schermo hd che poi elaborerà le informazioni e ci regalerà immagini mozzafiato.
Ora..il principali vantaggi del segnale digitale rispetto all'analogico sono la molto minore sensibilità ai disurbi esterni (solo due valori 0/1 e non infiniti come nell'analogico) e la molto maggiore semplicità di correzione e prevenzione degli errori di trasmissione (con degli algoritmi efficaci al 100% e non dei filtri al 40%).
Insomma per capirci, ci vuole una ferrovia dietro casa per necessitare di schermature molto costose, infatti come dicevo è difficile che molti 0 vengano interpretati come 1 o viceversa su un tratto di 1,5/2 metri di cavo...
In ogni caso il ricevente (la tv hd) è perfettamente in grado di riconoscere anche i più dannati errori, grazie ad algoritmi matematici molto intelligenti (ecco un altro vantaggio del binario..la matematica!) e quindi di richiedere la ritrasmissione oppure di autocorreggere, poi certo che se si stà guardando sky cè poco da fare, ma non si può certo dar colpa all' 1% del sistema..il cavo hd!..cè prima la parabola, il cavo coassiale, il ricevitore...ecco in questi casi io se avessi i soldi li spenderei per materiale di qualità, certo non solo per il cavo hd! anche se poi la differenza sarebbe impercettibile in quanto dipende da troppi fattori, e poi io sinceramente ho pochi problemi anche con materiali economici..
Quindi al massimo con un cavo che avete trovato in discarica e con la ferrovia dietro casa potreste avere qualche rallentamento ogni taaannto con i blueray e qualche pixel mancante con sky...
e ricordate che il vero audio è analogico! digitale = shit che non si degrada

ritratto di GermanTK

Un po' come il digitale

Un po' come il digitale terrestre. Fa schifo non perché il segnale è deteriorato ma perché Rai, Mediaset e altri non aumentano il bitrate e quindi ci sono quadratini ovunque.
Puoi avere la migliore TV e la migliore antenna ma se trasmettono a 200 kilobyte/sec in Full HD, c'è poco da fare.

ritratto di ElettroDott

Per

Per ElektroLeccornia,
concordo su tutto tranne sull'audio, vero è che il segnale audio percepito dalle orecchie è di fatto fisicamente analagico, ma ti invito a rivedere il teorema del campionamento applicato alla DFT per cui se la frequenza di campionamento è almeno doppia rispetto la frequenza del sengnale analogico originale, sarà possibile ricostruire esattamente il segnale di partenza a partire dai suoi campioni...... studiare per credere ;) . Si parla di Elaborazione numerica di segnali digitali o comunque in senso più ampio di teoria dei segnali. Ovviamente non sono un apprendista fai da te ma un ingnegnere specializzato nel settore.
Saluti
PS ho passato una mattina a convincere il commesso di E*******CS che il suo cavo HDMI da 120€ è assulutamente inutile..... lui sosteneva che il mio cavetto da 7 non trasmette davvero a 1080p al framerate corretto..... DIO mio ma si può essere + c*******i di così.... bah.

ritratto di franzisco

probabilmente il cavetto da 7

probabilmente il cavetto da 7 euro era di tipo standard, qui sotto le classificazioni:

Standard: Utilizzato per la maggior parte delle applicazioni e testato per trasmettere video 1080i o 720p: le risoluzioni HD che sono maggiormente associate a trasmissioni via cavo o satellite, canali TV in alta definizione e lettori DVD con funzione di upscaling.

Alta velocità: Ideato per il trasporto di video con risoluzione 1080p e superiori, comprese tecnologie avanzate come 4K, 3D e Deep Color. È raccomandato per l'uso di queste tecnologie avanzate o per il collegamento di sorgenti con video 1080p come lettori Blu-ray disc.

ritratto di ElettroDott

No, era ad alta velocità

No, era ad alta velocità certificato HDMI quindi
"Ideato per il trasporto di video con risoluzione 1080p e superiori, comprese tecnologie avanzate come 4K, 3D e Deep Color. È raccomandato per l'uso di queste tecnologie avanzate o per il collegamento di sorgenti con video 1080p come lettori Blu-ray disc."

ritratto di fabio2

comprato

Interessante questo argomento. Per cavi corti non c'è alcuna differenza, e per questi non mi sono per nulla dissanguato. Credendo che la qualità 1.4 hspeed fosse uguale anche per cavi lunghi, ho acquistato un cavo mgitex da 5 metri 1.4 h. speed. Mi serviva per collegare il pc a televisore, per vedere film fullhd da 20 30Giga di definizione. Ebbene, ho speso 20 euro, il che vuol dire poco per queste lunghezze, e mi pento amaramente di averlo fatto perché la differenza si vede tutta, nelle azioni in movimento, e dico movimento per dire anche semplicemente camminare dei personaggi, il cavo non ce la fa, e si striscia l'immagine. Che desolazione. Quindi non nmi si venga a dire che la qualità non conta. Anchge se ancora non ho fatto la controprova, sono ancora scottato per avere buttao 20 euro, avrei preferito spendere anche il triplo ma avere un cavo capace. Ora devo solo capire quale...

ritratto di Anonimo pestifero

Msssì dai prova a comprane

Msssì dai prova a comprane uno da 100 o 200 euro, ah no magari da 400 euro o perchè no uno da 1000 euro, vedrai si vedrà benissimo ...auguri goditi i tuoi divx sul tuo monitor da 17 pollici che fai prima..... che idiozia ...questo vede i film di merda e ora è colpa dei cavi... torna da euronics bello!

ritratto di fabio2

film di m.? mi spiace, bello, non hai azzeccato.

... niente, bello, non hai azzaccato...
I film sono dvd bluray originali si vedono naturalmente con hard disk lettore collegato direttamente all'ingresso del tv, con ottimo schermo 54 pollici. La mia prova col cavo era solo per comodità, per continuare ad usare il pc con schermo tv, usando il lettore dvdbluray del pc stesso come lettore.
Il cavo economico non lo ho comprato in una catena di distribuzione ma in un negozio ad una vetrina. Non ho mai comprato un cavo hdmi costoso, per mancanza di necessità.
Il monitor del pc è un 18.5 pollici, "portatile" (trasportabile) da poco acquistato, ecco perché le prove col suo lettore bluray in dotazione. (Anche questo non da una catena di distribuzione, ma ordinato dal mio negoziante di fiducia).

Ho risolto il caso, spegnendo semplicemente lo schermo del pc, lasciando acceso solo quello del televisore. La banda passante è raddoppiata, con buona fluidità.
I film li avrei visti lo stesso, era solo una questione di pigrizia, mi stancavo di alzare il culo dalla postazione, per mettere il dvd nel lettore sotto il tv.

ritratto di Kattivik

Quindi non era il cavo

Se riproducevi il blueray su PC con doppia visualizzazione sia su schermo che sulla uscita HDMI , semplicemente non aveva abbastanza birra la scheda video.
In conseguenza... non era il cavo.
Ciao.

ritratto di jimmyeros

cavo hdmi

salve,ho comprato 2 cavi hdmi,ma entrambi no riesco a vedere chiaro ,l'ho collegato al lettore dvd con il cavo hdmi , ma l'imagine non è che cambia,poi inserito la presa scart collengandolo al lettore dvd e vedo che se vede meglio con la presa scart che con il cavo hdmi,un'altra domanda quando collegato il lettore dvd home al televisore tramite il cavo hdmi,ho sentito che il suono esce dal televisore e dal lettore dvd home,ma è normale,grazie.

ritratto di teknico

sintonizza il televisore su

sintonizza il televisore su hdmi....

ritratto di MasterDomino

Il mio cavo allora pratica ipnosi

...sarà anche vero ma tra il mio vecchio cavo cinese da 19 euro e quello della monster cave pagato 79la differenza a schermo è palese e notata da chiunque e senza che gli dica "noti differenze?" ma spesso son stati gli amici a dirmi se avevo modificato impostazioni della tv visto che si vedeva meglio.Ma si vede che siamo tutti sotto ipnosi fatta dal cavo.....che voi sappiate un cavo che ipnotizza le persone .per farne una professione deve avere partita iva?

ritratto di MassimilianoT

I cavi non hanno solamente il

I cavi non hanno solamente il compito di trasportare il segnale da un componente elettronico ad un altro, ma hanno la delicata responsabilità di disperdere la minor quantità di segnale possibile; non solo, ma anche quella di alterare il meno possibile il segnale che conducono.
La dispersione elettrica, fenomeno molto più comune di quanto si possa pensare, è dovuta a tre motivi attinenti la fisica:
1) cattivo conduttore;
2) cattivo isolante;
3) aria circostante.
Ovvio dunque che la qualità dei materiali impiegati nella costruzione dei cavi, ed una attenta procedura della lavorazione fanno la differenza tra quello che potrà dimostrarsi un buon cavo, oppure no.
Ci sono aziende specializzate, mosse certamente da una forte passione per il loro lavoro, che si occupano esclusivamente di questo: costruire e produrre cavi di alta qualità.

Questo dovrebbe farci riflettere sull’importanza, spesso sottovalutata, che rivestono i cavi, preposti a garantire maggior trasparenza possibile nella conduzione del segnale elettrico.

ritratto di TokiOFFMIND

PROBLEMA HDMI

Ne approfitto per esporre un mio problema che ho con hdmi ormai da 1 anno e siccome ho visto molti commenti di persone informate magari riesco una volta per tutte a risolvere il mio problema.
Sostanzialmente ho un problema tra connessione della ps3 alla tv tramite cavo hdmi.
Quando collego la ps3 con il cavo hdmi alla tv questa funziona ma dopo circa 15 minuti lo schermo inizia a spegnersi e riaccendersi ad intervalli sempre più ristretti fino a quando non lo fa di continuo.
Ho provato con un'altra tv con la mia ps3 e non succede questo.
Ho provato una ps3 diversa e non succede questo con la mia tv.
Quando collego il mio notebook alla tv con il cavo hdmi funziona tutto perfettamente.
In poche parole la mia ps3 e la mia tv collegate con l'hdmi sembrano incompatibili, l'unico modo che ho di collegarle per giocare è attraverso la scart.
Ma la cosa che più mi incuriosisce è perché lo schermo per 15 minuti funzioni e dopo no è come se soffrisse di surriscaldamento..
Spero nel vostro aiuto, grazie mille per tutte le risposte.

ritratto di Lorenzo.Lopedote

hdmi 2.0

ciao a tutti

mi accingo ad acquistare tv color nuovo con 2 ingressi hdmi

vorrei collegare con 2 cavi hdmi il decoder al tv ed il lettore dvd al tv

poi decoder-lettore-tv sono collegati con cavi placcati in oro costati una fortuna all'impianto HT

ovviamente ora ho le scart che collegano tv-decoder-lettore

domanda:

dal 2011 che è uscito questo articolo la tecnologia hdmi ha prodotto i 2.1........

cosa dovrei acquistare per fare i sudeetti collegamenti?

standard o high speeed?

grazie

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 1 utente e 41 visitatori collegati.

Utenti online

Ultimi Commenti