Celle a combustibile a idrogeno testate negli elevatori dei magazzini

Carrello elevatore a idrogeno

Il mercato dei carburanti alternativi puliti cresce ma a mancare sono a volte le opportunità per sperimentare concretamente le tecnologie per alimentare veicoli con celle a combustibile a idrogeno. Il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti ha pensato di testare il tutto nei mgazzini, infatti sta usando carrelli elevatori per lo studio dettagliato di come le celle a combustibile a idrogeno funzionino in condizioni reali. Il progetto da 93 milioni dollari coinvolge circa 1.000 unità installate in carrelli elevatori presso una dozzina di aziende che compiono grandi operazioni di magazzino. Il tutto fa parte della ricerca sulle cellule a combustibile e idrogeno del programma di sviluppo del National Renewable Energy Laboratory.

La sperimentazione dell’idrogeno nei carrelli elevatori

Il progetto è finanziato in parte dal gigante della produzione alimentare Sysco e la partecipazione di altre aziende. Il progetto rientra inoltre nel quadro delle iniziative per la creazione di nuovi posti di lavoro grazie alle energie rinnovabili della Confederazione americana Reinvestment and Recovery Act (ARRA), che prevede la creazione di nuovi posti di lavoro grazie alla fase di sviluppo e produzione di celle a combustibile e inoltre per la manutenzione. Per i test è stato scelto il comune muletto utilizzato in tutti i magazzini di medie dimensioni.

I carrelli elevatori sono strumenti preziosi da studiare per una serie di motivi. I magazzini hanno già cominciato a utilizzare i carrelli elevatori a idrogeno, in parte perché garantiscono risultati migliori rispetto ai carrelli elevatori a energia elettrica, in cui le batterie devono essere sostituite con maggiore frequenza. Un tasso elevato di efficienza è essenziale per la gestione del magazzino, per cui ogni minuto di tempo conta molto poiché i magazzini operano in regime di misure di produttività rigorose. Oltre alle celle a combustibile in carrelli elevatori, il DOE sta anche esaminando le celle a combustibile in altri apparecchi, dove prestazioni e l’efficienza sono cruciali, come l’energia in caso di emergenza e di backup. E ‘anche interessante notare che circa 90.000 carrelli elevatori nuovi entrano sul mercato ogni anno, se i dati in termini di affidabilità garantiranno significativi miglioramenti di efficienza, la richiesta potrebbe aumentare in modo esponenziale per muletti a celle a combustibile a idrogeno.

Celle a combustibile e Sostenibilità

A differenza dei motori a petrolio, che bruciano combustibile, le celle a combustibile creano energia attraverso una reazione chimica. Per esempio, celle a combustibile a idrogeno a basso costo sono in via di sviluppo per sostituire in poco tempo i componenti di platino costosi utilizzati nelle celle convenzionali a combustibile a idrogeno, in questo i ricercatori hanno ancora del lavoro da svolgere, anche se le alternative stanno arrivando. Inoltre, le celle a combustibile microbiche basate su processi biologici stanno cominciando a emergere, (il costo in questo caso è molto basso e alcune sostanze addirittura quasi gratuite come fango o acqua di mare, per esempio da utilizzare per fornire la materia prima da cui sviluppare energia sostenibile). Avevamo già parlato della produzione di energia con processo microbico su questo articolo, procedimento che attraverso l’utilizzo di sostanze organiche e speciali microbi permettono di ottenere sostanze da cui ottenere energia. (Da Cleantechnica)

Leave a Reply