Home
Accesso / Registrazione
 di 

Chips design: consumatori godranno di questa evoluzione

chip design

Chiunque sarà in grado di aggiustare la propria autobobile prima che si guasti grazie agli avvisi che la nostra vettura ci darà con il passare del tempo, saremo in grado di mangiare solo alimenti che saranno compatibili con le nostre necessità, potremo curarci senza nemmeno presentarci dal medico e molto altro grazie al continuo svilupparsi delle tecnologie, tutte legate al continuo sviluppo del design dei chip che ne regolano il funzionamento.

Ognuna di queste cose e ovviamente molte altre, ancora più importanti saranno possibili entro i prossimi anni grazie al balzo nello sviluppo del design dei chip che si sta avendo in questo periodo in accordo con quello che dice Justin Ratter capo del technology office alla Intel che ribadisce il fatto che ormai le macchine che costuiamo sono in grado di comprendere il mondo che ci circonda come ci riusciamo noi umani.

Chips design: continuo sviluppo

Con lo svilupparsi delle tecnologie, anche le relazioni che la gente ha con i propri computer e con le altre apparecchiature subirà un enorme trasformazione. Per decenni le compagnie che creano questi semiconduttori che ormai tutto fanno funzionare continuano a rimpicciolire le dimensioni dei chip prodotti, aumentandone al contempo il numero di transistor al loro interno per amplificarne sempre di più le capacità di performare operazioni sempre più complesse.

Ora con oltre 1 miliardo di transistor all'interno di un solo processore non più grande di un unghia nascono nuovi problemi. I chip diventano meno effigenti energeticamente e tendono a riscaldarsi molto di più.
Per cercare di aggirare il problema ora il design dei chip ha subito una grossa modificazione, infatti sempre più spesso sentiamo parlare di "multiple core". Con questa tecnica si torna ad avere una migliore efficienza energetica visto che i "core" non in uso in certi momenti non vanno ad utilizzare energia inutilmente.
Alcune compagnie che producono processori grafici, come ad esempio Nvidia producodo chips con 240 cores, altri come Sunnyvale-based Advanced Micro Devices ne hanno addirittura 1600, utilizzati dalla previsione metereologica alla elaborazioni di immagini per uso medico. Ma questo secondo la Intel non è che l'inizio, la applicazione di un design di chip così avanzato non si pone ovviamente limiti, tutto potrebbe essere possibile.

Complessità e chip design

Recentemente il gigante di Santa Clara ha mostrato uno sperimentale 48-core chip, dichiarando che questo dispositivo condurra verso rivoluzionari applicazioni, portando come esempio l'utilizzazione di un PC dotato di una camera 3D, una persona potrebbe creare un modello virtuale del proprio corpo il quale potrebbe provare vestiti mostrati su siti web appositi. Riuscire a vedere come vestiremmo con questi vestiti, quale taglio sarebbe il migliore e quale colore meglio si adeguerebbe alla nostra pelle. Tutto ciò potrebbe essere realtà nel corso dei prossimi 10 anni.
Con un altro modello 3D della persona nel quale sarebbero aggiunte tutte le varie telemetrie mediche del caso si potrebbe creare un modello sul quale sperimentare trattamenti e cure, quali chemioterapia, suture, operazioni o semplicemente la possibilità di non intervenire in nessun caso e vedere quale sarebbe lo sviluppo della malattia nel corso di un dato tempo. Potrebbe essere eseguito nei casi di malattie degenerative fino ad ora incurabili. Siamo ai limiti della fantascienza ma le possibilità sembrano veramente senza confini.
Ovviamente il design di questi chip è sempre più difficoltoso, in parte per la complessità della scrittura dei software che devono gestire il flusso di informazioni attraverso i vari "cores". Infatti recentemente la Intel attraverso un comunicato stampa a svelato di essere in ritardo rispetto alle prospettive che si era posta qualche hanno fa in questo campo, causa la complessità dei progetti che si è posta di realizzare.

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 38 visitatori collegati.

Ultimi Commenti