Home
Accesso / Registrazione
 di 

Cobalt Biofuels: nuovi impianti per la produzione di biobutanolo

Cobalt Biofuels

La Cobalt Biofuels ha innaugurato Martedì un nuovo impianto in California, per la produzione di biocarburante in modo da produrre il biobutanolo da sottoprodotti forestali. Biobutanolo, butanolo ottenuto da una biomassa rispetto ai classici combustibili fossili, ha già l'approvazione per l'uso in miscele di carburante per i dell'US Environmental Protection Agency.

La Cobalt Biofuels e altri hanno sostenuto che il biobutanolo ha un vantaggio rispetto all'etanolo, che è divenuto noto per avere problemi di corrosione in alcuni vecchi sistemi rigurado alle condutture e alla modalità di trasporto quindi comunque è convenzionalmente utilizzato in miscele di carburanti nelle auto con nuovi motori. Il biobutanolo può essere utilizzato come combustibile, anche nei motori delle auto a benzina, oltre ad essere utilizzato in miscele di benzina e gasolio.

Biobutanolo: miscele

Il biobutanolo attuale della Cobalt è una miscela di benzina, che mescola il biobutanolo (12%), con benzina di tipo convenzionale, riduce le emissioni di gas serra fino all'85% rispetto alla benzina convenzionale, secondo le statistiche della Cobalt Biofuels. Il biobutanolo può avere un altro vantaggio rispetto all'etanolo. Esso può essere fatto dal legno e soprattutto da scarti vegetali non commestibili. Mentre la produzione di etanolo da cellulosa è destinata ad aumentare, producendolo a partire da rifiuti agricoli o forestali, la maggior parte dell'etanolo al mondo è ancora prodotta da mais e grano e negli Stati Uniti anche dal cotone.

Biobutanolo e problemi e vantaggi correlati

Molti restano dell'idea che l'aumento della produzione di etanolo abbia provocato l'aumento dei prezzi dei prodotti alimentari e molte carenze, in quanto i produttori alimentari sono costretti a competere contro le società produttrici di energia per le forniture di grano. Il biobutanolo può anche essere convertito in carburante per reattori o utilizzato in materie plastiche e vernici.
"Siamo sulla buona strada per costruire una struttura commerciale entro due anni, e stiamo costruendo una rete di partner strategici nel campo dei carburanti, prodotti chimici, prodotti forestali e con l'industria della costruzione per implementare la nostra tecnologia verso il prossimo livello," il CEO della Cobalt Biofuels, Rick Wilson ha affermato in un comunicato.
Il Governatore della California Arnold Schwarzenegger, che evidentemente vede la Cobalt come un manifesto degli investimenti futuri sulle tecnologie pulite nel suo stato, ha partecipato alla conferenza stampa per spingere la sua iniziativa ad approvare la normativa di esenzione dell'imposta sulla produzione di equipaggiamento da utilizzarsi nella produzione di tecnologie eco-sostenibili. L' impianto della Cobalt Biofuels limita il consumo di acqua utilizzando il riciclo di quella utilizzata nel processo di fermentazione.
Oltre a produrre biocarburanti per le automobili per soddisfare il fabbisogno standard della California, un carburante a bassa emissione di carbonio, l'azienda fornirà allo stato molti posti di lavoro.
"La Cobalt ci mostra che ciò che è bene per l'ambiente può anche essere positivo per l'economia. In effetti, entro i prossimi anni, la Cobalt Biofuels ha in programma di costruire un impianto ancora più grande, con la produzione di 1.300 posti di lavoro permanenti", ha detto Schwarzenegger, il governatore non è l'unico cantare le lodi della Cobalt. La Mountain View, società con sede in California è stata una delle 34 aziende prese dal US Department of Energy's National Renewable Energy Laboratory forum nel 2008 come esempio di una società sostenibile nel campo dell'energia rinnovabile. La Cobalt ha anche ricevuto 25 milioni di dollari di finanziamento nel mese di ottobre 2008 da un gruppo di investitori che include la Pinnacle Ventures.

Molte aziende vogliono produrre biocarburanti

La Cobalt non è l'unica azienda che cerca di produrre carburante utilizzando prodotti provenienti dalle biomasse.
Nel mese di agosto 2009, il gigante petrolifero Total ha annunciato un investimento nella Gevo, una succursale in Colorado in via di sviluppo, per la produzione si biobutanolo ottenuto da canna da zucchero o sottoprodotti agricoli. Anche se è più una ricerca che lo sviluppo di un impianto reale, il gigante della scienza dei materiali, Dupont ha stabilito una partnership con BP per costruire un impianto per la produzione si biobutanolo nel Regno Unito all'inizio di questo mese. La canadese Syntec Biofuel ha annunciato l'intenzione di sviluppare il biobutanolo partendo da legno e rifiuti agricoli in collaborazione con l'Energy & Environmental Research Center presso l'Università of North Dakota (UND). Insomma i grandi mostri del petrolio non vogliono essere tagliati fuori dai futuri business, a me sembra che qualcosa puzzi.

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ultimi Commenti