Come arricchire i progetti embedded con display HMI

Le modalità con cui gli utenti accedono e utilizzano i dati in formato grafico sono in continua evoluzione. Il display più adatto al vostro particolare progetto e il chipset che è necessario implementare dipendono dai requisiti tecnici del vostro prodotto e dalle aspettative del mercato relative al vostro segmento/target. Nell’era attuale, caratterizzata dalla presenza di dispositivi elettronici sempre più sofisticati e intelligenti, i sistemi embedded hanno realmente bisogno di un display digitale ? E se sì, di che tipo? Analizziamo alcuni degli aspetti che stanno alla base di queste domande che probabilmente sorgono spontanee nella mente di ogni progettista di sistemi embedded non appena si imbarca nella realizzazione di un nuovo progetto.

All'inizio…

Gli esseri umani hanno sempre avuto la necessità di registrare, visualizzare, e trasmettere diversi tipi di informazioni. Si ritiene che i primi strumenti utilizzati per questo scopo furono nel 4000 ac i rotoli di papiro, forse il primo mezzo di comunicazione “mobile”. Al giorno d’oggi, i display basati sulla tecnologia OLED (qui un interessante articolo sulla "rivalità" tra QLED e OLED), avvolgibili, semi-trasparenti, e utilizzati sui più recenti modelli di televisori, presentano una qualche somiglianza con quelle antiche pergamene, suggerendo la presenza di un filo comune tramandato attraverso i millenni. Questo filo comune non è altro che il desiderio di condividere le informazioni in un modo semplice da comprendere per il lettore (o "utente") comune, e far sì che queste informazioni possano essere “trasportate”. Il concetto è ben espresso dall'immagine di figura 1, che rappresenta un antico papiro egiziano (datazione di circa 2000 ac) e dall'immagine di apertura dell'articolo, che mostra una recente versione di display OLED avvolgibile realizzato da LG Display.

Figura 1: Antico papiro egiziano (datato circa 2000 ac)

Evoluzione della tecnologia dei display elettronici embedded

Come la storia insegna, i progettisti dell’ENIAC - uno dei primi calcolatori elettronici digitali – non ebbero alcun bisogno di installare alcun display o indicatore grafico su di esso. Dopo tutto, cos'altro serviva oltre alle schede perforate per comunicare gli output dell’elaborazione all'utente? Alla fine, si decise comunque di aggiungere dei tubi al neon per [...]

ATTENZIONE: quello che hai appena letto è solo un estratto, l'Articolo Tecnico completo è composto da ben 2035 parole ed è riservato agli abbonati PLATINUM. Con l'Abbonamento avrai anche accesso a tutti gli altri Articoli Tecnici PREMIUM e PLATINUM e potrai fare il download (PDF) di tutti gli EOS-Book, Firmware e degli speciali MONOTEMATICI. ABBONATI ORA con PAYPAL è semplice e sicuro.

Abbonati alle riviste di elettronica

Una risposta

  1. Maurizio Di Paolo Emilio Maurizio 22 settembre 2016

Scrivi un commento

ESPertino è la nuova scheda per IoT compatibile ARDUINO.
Scopri come averla GRATIS!