Home
Accesso / Registrazione
 di 

Come far divenire l'iPad un lettore multimediale di musica migliore

Apple iPad

L'Apple iPad è stato lanciato mercoledì, e forse è stata semplicemente la capacità di Steve Jobs nel campo della distorsione della realtà, ma io non capisco perché i nemici si accaniscano contro Apple. Un sacco di PC-centric utilizzatori stanno promuovendo una campagna contro l'Apple iPad definendolo come un gadget overpriced, chiedendosi perché manchi caratteristiche che sono standard, anche per i computer portatili più economici.

Come per esempio: il supporto Flash, il multitasking, ingressi USB per collegare periferiche, e le uscite video (HDMI sarebbe sicuramente gradita). Queste sono legittime lamentele, per la sostituzione del notebook. Ma l'iPad non è un sostituto notebook, e non credo che gli utenti potranno portarlo con loro in viaggio d'affari. (Demo di Apple iWork è certamente ancora materia confusa, certo.) Invece, sono d'accordo con CNET Ina Fried e il Business Insider's Henry Blodget: si tratta di un dispositivo di elettronica di consumo per lavoretti in casa e tempo libero, lettura di libri e siti web sul divano, mostrando le foto ad amici, navigare sulle ultime pagine web e operazionoi simili. E, sì ovviamente per l'ascolto della musica.

Apple iPad e Wireless Sync

 

L'Apple iPad non è un Mac. Significa che non viene eseguito il completo client iTunes, quindi non è possibile condividere la musica da un altro computer attraverso la rete domestica. Invece, come un iPod o un iPhone, è necessario collegare fisicamente al computer su cui i dati sono stati archiviati i brani per esempio, quindi attendere che la musica venga trasferita.

Questo è, francamente, assurdo. Se si vuole utilizzare l'Apple iPad per ascoltare musica in casa mia, non mi avvicino al mio computer e collegare ogni volta che voglio caricare alcuni brani nuovi. La sincronizzazione wireless sarebbe anche ideale per la sincronizzazione di altro materiale, come immagini, video e applicazioni. Come può essere difficile? Il Player Microsoft Zune ha già utilizzato con efficacia la sincronizzazione wireless per tre iterazioni in più di due anni.

Cloud-based: il servizio musicale e Apple iPad

Anche se l'iPad avesse avuto la sincronizzazione wireless, il modello più economico ha solo 16GB di storage. Questo non è sufficiente per le collezioni digitali, gli amanti della musica ne necessitano molto di più, specialmente se hanno intenzione di utilizzare l'iPad per altre funzioni, come libri elettronici e le foto. Quindi perchè non utilizzare una tecnologia simile a quella utilizzata da Lala? Invece di dover caricare la musica sul iPad stesso, ho potuto sincronizzare dal mio computer al servizio Lala's Locker di musica online, quindi eseguire uno streaming dal Web direttamente sul mio dispositivo. Bye-bye, Limiti di archiviazione. Meglio di tutti, ogni volta che posso aggiornare la mia collezione di musica, è aggiornato in tutto il mondo contemporaneamente. Si tratta di un scelta senza cervello, sarei stupito se Apple non lo rendesse disponibile poco dopo il lancio iPad.

Apple iPAd e Music-sharing con applicazioni di terze parti

Ci sono alcune sofisticate applicazioni DJ per iPhone, come TouchDJ e DJ Mixer, che ti permettono utilizzare due canzoni allo stesso tempo e di unirle come un dj set mulitracks. Queste applicazioni sarebbero molto più facili da usare sullo schermo 9,7 pollici dell'Apple iPad. Ma tutte condividono una grande lacuna: non possono usare semplicemente le canzoni che hai già caricato sul dispositivo. Invece, si deve ri-caricare le canzoni in applicazioni DJ. Questo non è colpa dei progettisti è una limitazione che pone Apple su iPhone e iPod Touch.

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online