Come sviluppare un oscilloscopio con l’iPhone e dominare la trasformata di Fourier: le immagini

Screenshot iPhone Trasformata Fourier

Se ci avete seguito nella prima parte di questo articolo, avrete sicuramente notato come abbiamo [elegantemente] glissato su tutta la porzione di codice relativa al rendering dell’interfaccia utente. La prima parte era effettivamente incentrata sulla selezione della periferica audio di ingresso e relativa apertura del canale di ingresso, sulla gestione del buffer dello flusso audio e sul codice necessario per convertire lo struttura dati del flusso audio in valori validi per l’applicazione della trasformata di Fourier.
Non abbiamo dimenticato nessun argomento e relativo codice, neanche l’applicazione di filtri software e convertitori di formato. Già con quanto descritto nel primo articolo, potrete realizzare App per iPhone e iPad in grado di applicare la trasformata di Fourier, identificando all’interno del flusso audio singole frequenze o range. Con poco lavoro in più potrete rimodulare le singole frequenze componenti e riapplicare la trasformata inversa per ottenere un flusso audio da inviare in output. In questa seconda parte, invece, ritorneremo sui nostri passi per descrivere il codice OpenGL che si occupa di rendere l’interfaccia utente ed infine sfruttare l’accelerazione hardware per il disegno in real-time delle linee dell’oscilloscopio.

ATTENZIONE: quello che hai appena letto è solo un estratto, l'Articolo Tecnico completo è composto da ben 2447 parole ed è riservato agli abbonati PLATINUM. Con l'Abbonamento avrai anche accesso a tutti gli altri Articoli Tecnici PREMIUM e PLATINUM e potrai fare il download (PDF) di tutti gli EOS-Book, Firmware e degli speciali MONOTEMATICI. ABBONATI ORA con PAYPAL è semplice e sicuro.

Abbonati alle riviste di elettronica

4 Comments

  1. Antonello Antonello 23 aprile 2014
  2. Giorgio B. Giorgio B. 26 aprile 2014
  3. francesco.parisi.5095 16 maggio 2014
  4. lucignolo07 15 febbraio 2015

Leave a Reply