Home
Accesso / Registrazione
 di 

Corso di programmazione per microcontrollori Zilog Z8. Terza puntata 5

microcontrollori Zilog Z8 Corso di programmazione

A monitor compare la richiesta della porta seriale alla quale abbiamo collegato la scheda: COM1 o COM2. Nella maggior parte dei casi la scheda risulta connessa alla porta denominata COM 2, ovvero alla seconda porta seriale, poiché la COM 1 è normalmente utilizzata per il mouse.

Rispondiamo quindi alla domanda digitando COM1 o COM2 e attiviamo la comunicazione tra il PC e l’emulatore: ovviamente, non è possibile accedere al software di emulazione senza avere prima collegato la scheda hardware. Se la comunicazione avviene correttamente, sul video compare la schermata introduttiva dello Zilog Icebox. Rispondiamo OK a questa prima videata e passiamo alla schermata di configurazione che consente di selezionare il tipo di microcontrollore da emulare. Definito anche questo passo (per ora possiamo selezionare qualsiasi chip), si entra nell’ambiente di emulazione vero e proprio che risulta strutturato allo stesso modo di una qualsiasi applicazione Windows: l’ambiente lavora mediante delle finestre di dialogo.

La videata principale dell’emulatore presenta quattro menu principali denominati Icebox, Configuration, File e Help. Il menu Icebox consente di visualizzare tutti i parametri interni del chip quali, ad esempio, il contenuto dei registri, il contenuto dell’area di memoria, i registri di stato, eccetera. Il menu Configuration consente di impostare il tipo di micro da emulare. Il menu File serve per caricare nell’ambiente di emulazione un file o una sessione di lavoro. Infine, il menu Help serve appunto per accedere all’help dell’emulatore, utilissimo durante le prime sessioni di lavoro.

INIZIARE A LAVORARE CON LO ZILOG ICEBOX

Iniziamo a scoprire lo Zilog Icebox e vediamo, ad esempio, come procedere per caricare un file assemblato e come fare per eseguirne successivamente l’emulazione. Il primo comando disponibile nel menu File, “Download to Z8 code memory”, permette di aprire un file in formato HEX o binario e conseguentemente di poter lavorare con lo stesso file come se fosse “scaricato” nella memoria del micro, da ciò deriva il termine download. Il termine “code memory” del comando indica, invece, che stiamo lavorando con la memoria programma del micro. Nella finestra menu troviamo anche tutti i comandi secondari necessari per spostarsi all’interno delle varie unità disco del PC e quindi per cercare il file nella corretta posizione. A questo punto, occorre aprire una seconda finestra attivando il comando Debug dal menu Icebox. All’interno di quest’ultima troviamo il nostro file, precedentemente caricato, già disassemblato e pronto per essere eseguito. Va sottolineato che la finestra di debug, come del resto tutte le altre finestre dell’emulatore, è ridimensionabile e spostabile in qualsiasi punto del monitor. Vediamo ora dettagliatamente le opzioni contenute nella finestra di debug.

videata_introduttiva

CODE LIST

Contiene il programma disassemblato: le singole istruzioni sono numerate e sarà quindi possibile spostarsi all’interno del programma per farne eseguire, ad esempio, soltanto una parte. SET BRK - KILL BRK Stanno per Set Break e per Kill Break e consentono, rispettivamente, di attivare o disattivare i cosiddetti Break Point: punti di fermata del programma. I Break Point, infatti, rappresentano semplicemente dei “punti”, o meglio delle righe di programma in cui fermare temporaneamente l’esecuzione del programma da parte della CPU. I Break Point servono, ad esempio, per controllare lo stato dei registri dopo una determinata operazione e prima che ne avvenga una successiva. Oppure, si possono utilizzare dei break point per andare a vedere se un programma elabora correttamente una determinata routine e così via. In ogni caso, la possibilità di fermare la sequenza di processo di un programma da parte della CPU in punti ben precisi è fondamentale durante la fase di scrittura, di messa a punto e di verifica di un programma assembler.

Il kit è disponibile da Futura Elettronica

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 13 utenti e 62 visitatori collegati.

Ultimi Commenti