Costruiamoci una semplice antenna HALO per i 144 MHz

antenna HALO per i 144 MHz

Antenna HALO per i 144 MHz. La realizzazione di un’antenna può sembrare, alcune volte difficoltosa. Molte di queste infatti necessitano di particolari accorgimenti costruttivi che rendono l’antenna robusta e sicura alle intemperie. Non sempre però questi accorgimenti costruttivi si rendono necessari, come ad esempio quando si desidera sperimentare una antenna nuova e con forme diverse da quelle che solitamente siamo abituati a vedere.

Una di queste antenne è la HALO. Questa antenna a colpo d’occhio stupisce per la strana forma che ha, ma se la si guarda con attenzione si può vedere che non è altro che un dipolo a mezz’onda munito di Gamma Match che viene piegato in modo da formare un cerchio: questo accorgimento costruttivo riduce lo spazio occupato dall’estensione del normale dipolo, ma ne mantiene la direttività.

In pratica, piegando il dipolo in modo da formare un cerchio riduciamo lo spazio occupato dal normale dipolo quando esso, esteso, gira: questo particolare accorgimento non rende l’antenna omnidirezionale in quanto il dipolo pur avendo acquisito la forma di un cerchio mantiene la direttività, pertanto l’antenna dovrà essere orientata verso il corrispondente in modo da avere il maggior segnale possibile. Un’antenna di questo tipo si presta molto bene per l’uso mobile.

antenna halo circuito_adattatore_condensatore_variabile

Antenna HALO – Costruzione

Per la realizzazione dell’antenna HALO possiamo fare riferimento ai disegni e alle foto.

Possiamo vedere che l’antenna è stata costruita con un normale filo di rame rigido della lunghezza di un metro: questo dovrà avere uno spessore adeguato in modo da formare un cerchio sufficientemente robusto che possa sostenersi da solo senza l’ausilio di ulteriori sostegni. Questo cerchio così formato è stato saldato sul corpo metallico di un normale connettore BNC, sul polo centrale dello stesso verrà saldato il condensatore variabile che farà capo al braccio posizionato in parallelo al filo che forma il cerchio.

In questo modo abbiamo formato il circuito adattatore per l’impedenza e la risonanza dell’antenna. I disegni, come le foto, danno un’idea di come l’antenna HALO può essere costruita, ma nulla vieta l’uso di materiali diversi, come tubetti di rame, alluminio o ottone che renderebbero l’antenna ancora più robusta.

Taratura

Una volta terminata la costruzione dell’antenna si passerà alla taratura: questa si eseguirà dopo aver applicato la necessaria apparecchiatura,( rosmetro e trasmettitore) agendo sul condensatore variabile e sul ponticello. Si posizionerà il condensatore variabile a metà corsa, con il ponticello si cercherà la posizione dove si avrà il minimo R.O.S. e agendo successivamente sul condensatore variabile si perfezionerà ulteriormente il R.O.S.

radiokit elettronica
STAMPA     Tags:

Leave a Reply