Home
Accesso / Registrazione
 di 

La Danimarca e l'energia verde: Samso, un'isola 100% rinnovabile 2

le turbine eoliche di samso

A Samso, piccola isola dell'arcipelago danese, il freddo e tagliente vento che soffia dal Mare del Nord non solo piega l'erba, frusta le bandiere e rende gelido l'inverno, ma è una risorsa fondamentale per alimentare le turbine eoliche installate sull'isola. E questa è una buona notizia per gli abitanti di Samso, circa 4000, visto che possiedono azioni proprie in 20 delle 21 turbine che danno l'energia all'isola e che sono sorte sia sul terreno sia nelle acque al largo dello stretto di Kattegat che collega il Mare Baltico al Mare del Nord.

L'isola ad energia rinnovabile è parte della storia danese

La decisione di avere una tale isola derivava da un po 'di storia danese: nel 1985 la Danimarca ha sostanzialmente abbandonato i progetti di lungo corso di costruzione di centrali nucleari e invece ha scelto di concentrarsi sullo sviluppo di fonti energetiche rinnovabili, in particolare l'energia eolica, insieme a mantenere la sua flotta di combustibili fossili, le centrali elettriche Äìfired. Il paese allora si è impegnato, nel 1990 nel quadro del Protocollo di Kyoto, a ridurre le emissioni nocive del 21 per cento rispetto ai livelli del 1990.

Osserva Hermansen: una alta tassazione sui carburanti derivanti da fossili, come il petrolio, ha permesso al Governo Danese di mettere insieme sovvenzioni generose da destinare al finanziamento dello sviluppo delle energie rinnovabili. In quel momento il progetto sull'isola di Samso è potuto diventare qualcosa di sostenibile.

Nel 2005 l'isola ha prodotto più energia di quanta ne consumasse e così gli anni a seguire. In realtà, in Danimarca, i consumatori di carburante fossile paga e contribuisce in realtà allo sviluppo delle energie verdi.

Questo è un risultato notevole, dato che Samsingers all'inizio dell'esperimento, riscaldavano con il petrolio le proprie case, l'importavano l'energia elettrica derivante dalla combustione del carbone attraverso una linea di trasmissione sottomarina come parte della griglia dello Jutland, e più in generale non mostravano alcuna concreta intenzione a cambiare i loro stili di vita, basati sull'uso tanto amato dei combustibili fossili con conseguente produzione di CO2.

Hermanses si è prefisso come compito quello di far cambiare atteggiamento agli abitanti dell'isola: per convincerli ha usato una tecnica molto semplice, ha organizzato una discussione pubblica in cui ha fatto distribuire caffé gratis, succo di mela e, cosa più importante, fiumi di birra gratuita.
Ha usato anche l'inganno, ma è arrivato allo scopo: comprese la vergogna dei fabbri ai corsi di formazione per l'installazione del riscaldamento sostenibile e li convinse raccontando ad ognuno che gli altri fabbri dell'isola avevano già accettato di partecipare.

In un primo momento, gli abitanti dell'isola, per lo più contadini, non erano disponibili all'acquisto di una quota: dopo tutto, Samso è quasi circondata da centrali a carbone di potenza in tre punti cardinali (est, ovest e sud), che offrono all'isola elettricità a basso costo.
Ma la chiusura di un macello che ha lasciato 100 lavoratori senza lavoro e il fatto che i progetti per le turbine portavano ad una media di 30 nuovi posti di lavoro ogni anno per 10 anni hanno convinto abbastanza gente a firmare i contratti e ottenere una quota nel progetto in atto.

L'uso di carburanti fossili era stato tagliato a metà, grazie anche alla sostituzione nella maggior parte delle case dell'isola delle vecchie caldaie a petrolio con stufe a legna molto efficienti, dispositivi per scaldare l'acqua che sfruttavano l'energia solare ed altri dispositivi sostenibili.

Pochi anni dopo, una volta tutte le 21 turbine attive, l'isola produceva da sola i 26 milioni di chilowatt-ora che i suoi residenti utilizzavano ogni anno ed ha iniziato ad esportare circa 80 milioni di kilowatt-ora di elettricità all'anno (che consente loro di produrre la totalità della domanda con le energie rinnovabili e di ottenere più di $ 8 milioni di fatturato all'anno).

Adesso ogni casa ha la sua microturbina per la produzione di energia necessaria alle piccole faccende quotidiane e queste, oltre a riempire il cielo dell'isola, si trovano nei punti più disparati delle vie dei piccoli villaggi e sono diventate un arredo urbanistico che caratterizza Samso.

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 6 utenti e 66 visitatori collegati.

Ultimi Commenti