Direttiva EuP: cosa prevede la normativa per il risparmio energetico

La direttiva EuP dell'Unione Europea riguarda il risparmio energetico dei dispositivi per l'elettronica di consumo

Il risparmio energetico è uno dei punti chiave della politica europea degli ultimi anni. Nel 2007 è stata approvata una direttiva (EuP, Energy using Products) che riguarda la maggior parte dei prodotti dell’elettronica, per stabilire delle norme sul consumo dei dispositivi in standby, sullo smaltimento e sulla loro stessa progettazione. Il risparmio energetico, insieme alla produzione di energie rinnovabili, sembra essere la chiave per salvare l’ambiente.

Progettazione coerente per il risparmio energetico

Il risparmio energetico è un tema sempre di maggiore attualità. La direttiva dell’Unione europea 2005/32/CE, riguardante i prodotti energetici, è entrata in vigore l’11 agosto 2007. L’obiettivo principale della normativa era quello di monitorare l’efficienza dell’energia in tutto il ciclo di vita di un prodotto, dall’estrazione delle materie prime attraverso il riciclo alla fine dell’utilizzo. Si tratta di una Direttiva Quadro: ciò significa che ha bisogno di norme applicative che per ora interessano solo alcune categorie di prodotto. I comitati tecnici hanno allo studio norme specifiche per altre categorie di prodotto che entreranno in vigore nei prossimi anni. La normativa EuP (Energy using Products) coinvolge tutti gli aspetti del progetto ed è obbligatoria per poter apporre il marchio CE. La direttiva utilizza alcuni concetti di ecodesign, per la realizzazione di prodotti eco compatibili.

L’accento è nella fase di progettazione del prodotto, in quanto si ritiene che questa sia la fase determinante che interessa le risorse. La direttiva non si applica ai mezzi di trasporto, ma a parte questo, l’ambito di applicazione è volutamente ampio, e copre in linea di principio qualsiasi prodotto che quando è in uso dipende dall’energia, la genera, la trasferisce o la misura. La normativa EuP promette di avere un impatto significativo sulla fase di progettazione di una vasta gamma di prodotti elettrici.

I criteri richiesti prima che un prodotto possa essere considerato per la valutazione è che debba vendere più di 200.000 unità ogni anno nell’Unione europea e che abbia un significativo impatto ambientale attuale e potenziale considerevole per il miglioramento. Le misure di esecuzione non devono avere un significativo impatto negativo su un prodotto per il prezzo o le prestazioni o l’impatto della competitività dell’industria dell’UE. Durante la prima fase, gli studi sono stati commissionati su 20 categorie di prodotti come scaldabagni, televisori, asciugatrici, aspirapolveri e illuminazione di apparecchiature di imaging, come fotocopiatrici, fax, stampanti, scanner e personal computer. Oltre a ciò, altre 17 categorie sono state analizzate, come forni e piani cottura, macchine utensili, lettori DVD / video, aria condizionata, trasformatori, riscaldamento e networking.

Gli obblighi per i produttori per il consumo di energia

Un aspetto particolarmente importante è quello relativo agli apparecchi elettronici di larga diffusione che vengono messi in stand-by. La legislazione dovrebbe portare a un risparmio di energia di 51 terawatthora entro il 2020. Tra i primi obblighi a entrare in vigore c’è stata quindi l’efficienza energetica, che copre la modalità stand-by e le perdite off-mode, i decoder per la televisione digitale, l’alimentazione esterna e l’illuminazione domestica. Più recentemente, le misure sono state adeguate ai motori elettrici, ai frigoriferi domestici e ai congelatori, all’elettronica di consumo come i televisori. Le misure di applicazione cercano di ridurre l’energia in uso, tagliando le perdite in standby, limitando l’uso di sostanze tossiche come il contenuto di mercurio, promuovendo una chiara etichettatura energetica, come pure le misure riguardanti la progettazione e i rifiuti. I prodotti che rientrano nel campo di applicazione sono oggetto di valutazione della conformità a queste norme. Questo significa che la marcatura CE si applica al prodotto e non può essere apposta fino a quando le misure di eco-design, definite dal regolamento, non siano state implementate e documentate nel fascicolo tecnico.

La legislazione è la stessa in tutti gli Stati membri dell’Unione Europea. Per il futuro, il Parlamento Europeo ha adottato la proposta della Commissione Europea di ampliare il campo di applicazione della direttiva fino a comprendere i prodotti connessi al consumo energetico. Finora la direttiva Energy using Products era limitata a prodotti che consumano energia durante l’uso, quali caldaie, computer, televisori, ventilatori industriali e lampadine. Molti altri prodotti hanno un impatto indiretto sull’energia durante l’uso, come i rubinetti, i doppi vetri e le finestre isolanti. Il miglioramento della loro progettazione potrebbe provocare un significativo risparmio energetico.

Farnell ti aiuta con EuP

Leave a Reply