Home
Accesso / Registrazione
 di 

Driver per led di potenza con NE555

NE555 come driver per led di potenza

I LED ad alta potenza sono ormai usati in larga scala e la sfida dei progettisti e trovare circuiti driver efficiente e semplici. Per avere efficienza è necessario ricorrere a regolatori di tipo switching. Un buon compromesso per un circuito driver discreto semplice e allo stesso tempo efficiente è quello di utilizzare l'onnipresente integrato NE555.

>

Nel circuito convertitore nella Figura 1, i pin 2 e 6 dell'IC1 sono collegati insieme, il che permette al dispositivo stesso il retrigger su ogni ciclo funzionando come un oscillatore libero ad onda quadra.
Durante ogni ciclo, il condensatore C2 si carica attraverso la resistenza R1 e scarica attraverso la resistenza R2.
Il condensatore si carica fino a due terzi della tensione di alimentazione, che è il limite superiore di confronto e viene raggiunto in un tempo T = 0,693 (R1 x C2). C2 si scarica fino a un terzo della tensione di alimentazione, quando il pin 7 diventa attivo basso, fino al limite inferiore imposto dal comparatore interno, questo avviene in un tempo che è pure circa 0,693 (R2 x C2).

Il periodo totale T dell’onda , è pertanto pari a
T = 0,693 (R1 + R2) C2 = 0,693 x 57 x 103 x 220 c 10-12 = 8,7 uS da cui F=1/T= 115 KHz.
Durante il tempo di carica di C2 il pin 3 permane a livello alto e il MOSFET Q1 IRFZ44 satura facendo immagazzinare energia all'induttore L1.

Quando il pin 3 va basso durante la scarica di C2, Q1 si interdice, e l'induttanza L1 restituisce un impulso di energia attraverso il diodo Schottky D1 che verrà immagazzinata dal condensatore C3 che a sua volta fornirà corrente ai LED.

Per determinare il valore di L1 si debbono tenere in considerazione: la tensione di ingresso, tensione di uscita, massima corrente, frequenza di commutazione e disponibilità dei valori di induttanza standard.
Il diodo D1 deve essere scelto in tecnologia Schottky per una Vd bassa ai fini diminuire la perdite ed aumentare il rendimento.
Il duty-cicle per il pilotaggio del MOSFET Q1 si determina secondo il seguente equazione:

D = 1 - (VINMIN × η)/VOUT

dove VINMIN è la tensione minima d'ingresso, VOUT è la tensione di uscita desiderata, ed η indica l'efficienza del convertitore (rendimento), stimato attorno all’ 80%.
La corrente media dell'induttore

ILAVG = IO /(1-D )

dove ILAVG è la corrente media dell'induttore, IO è la corrente di uscita e D il duty-cicle.
La corrente di picco dell'induttore

ILPEAK = ILAVG + ΔIL/2

dove ILPEAK è la corrente di picco nell'induttore ΔIL è la variazione di corrente nell'induttanza L1.

Si assume ΔIL nell'induttore pari al 25% rispetto alla corrente media.

Si può calcolare il valore di L1 con la formula

L = (VIN x D) / (FOSC x ΔIL)

dove FOSC è la frequenza dell'oscillatore (F=1/T = 115 kHz).
L’induttore andrà scelto con una corrente media di saturazione maggiore rispetto al picco corrente ΔIL necessario.

Per scegliere il valore di C3 tale da garantire una corrente media necessaria ai diodi LED si applica la formula classica usata negli alimentatori per un buon livellamento con un ripple accettabile;

C= (0,144 x Io)/ (F x Vout) sostituendo i valori, essendo F abbastanza grande, verrebbe frazioni di uF sicuramente migliora scegliendo valori più alti come nello schema che risulta essere 47uF.

Per garantire una illuminazione costante, è necessario monitorare la corrente del LED che deve pure rimanere costante.
Questo si fa con una resistenza shunt R3 (Rsense) in serie ai LED sull'uscita verso massa.
Una volta che la caduta di tensione su questa resistenza raggiunge soglia (circa 0,6V) la base-emettitore del transistor Q2, inizia a condurre abbassando il potenziale sul pin 5 di IC1 che impone la soglia di commutazione superiore e questo riduce il tempo di saturazione di Q1 e di conseguenza limita l’energia immagazzinata dalla L1.

L'equazione seguente imposta quindi la corrente dei LED :

ILED =0,6 V /RSENSE

dove ILED è la corrente dei LED e RSENSE è la resistenza shunt R3 da 1,8 Ohm.
La tensione d'ingresso e di uscita minima e massima per questo circuito sono, rispettivamente 10,5 e 15 V.
Nella stringa di LED, composta da 6 led da 3,5 V, scorrerà la corrente di 350 mA.

Dal documento PDF 20-01-2011 di EDN Design Ideas by TA Babu, Chennai, India

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog
ritratto di maurotec

Con immensa stima

Ciao vittorio, devo a te la mia preparazione di base, sempre e per sempre. Hai avuto una idea geniale, lo stesso sistema si usa per gli alimentatori a commutazione dei televisori, al posto del trasformatore hai messo il led. Nel caso del trasformatore a ridurre il duty cycle è la saturazione del nucleo.

Ho dentro quasi tutto il necessario al limite rubo qualche componente da qualche scheda di recupero, e lo provo. Il MOSFET è sproporzionato per la corrente di 350mA, (si può sostituire con altro), però non so se lo hai scelto in base ad altri parametri. Appena ho tutti i componenti lo provo e posto qui.

Discorso simile:
Ho dentro degli integrati specifici di casa LT, questi però possono lavorare a frequenze molto più alte, mi pare 2 MHZ il che riduce anche il valore della induttanza, riducendo le dimensioni del circuito, peccato che è in smd e quindi necessità di pcb di precisione.

Grazie.

Ciao.

ritratto di paololed

interessato

interessato

ritratto di Vittorio Crapella

Corrente costante LED

Puoi cambiare tranquillamente i valori entro un certo limite e vedrai che funziona sempre ugualemnte bebe .. in effetti il mosfet può essere scelto anche di potenza più contenuta.. Quando hai provato posta qui le tue impressioni..

Ci sono pure molti altri metodi per ottenere gli stessi risultati ad esempio
http://digilander.libero.it/i2viu/led.html
questo, per corrente molto elevata, andrebbe provato ma la logica dice che funziona
http://www.webalice.it/crapellavittorio/schemivari/led_2576_cost.gif

ritratto di marcopete87

Ciao a tutti. Spero di

Ciao a tutti.
Spero di sbagliarmi, ma al contrario dello schema, seguendo i calcoli, mi viene un induttore da 50µH.

ritratto di marcopete87

si, mi ero sbagliato nel

si, mi ero sbagliato nel calcolo di ∆IL, ora viene fuori circa 192µH

ritratto di Deborah Casinelli

Salve, volendo utilizzare questo driver per led ad infrarossi a

Salve, volendo utilizzare questo driver per led ad infrarossi a bassa potenza (in particolare i TSHF6410 della Vishay), bisogna solo ridimensionare i valori dei componenti da utilizzare oppure esiste una variante del circuito che non sono riuscita a trovare da nessuna parte?!?! Grazie in anticipo!

ritratto di Emanuele

Il led da te indicato (TSHF6410) è un normale led ir da 100mA no

Il led da te indicato (TSHF6410) è un normale led ir da 100mA non essendo quindi ad alta potenza puoi utilizzare anche soltanto un transistor come driver e la resistenza di limitazione. Semmai il 555 potrà esserti utile come generatore di impulsi se devi trasmettere ad una determinata frequenza. Se hai il microcontrollore, invece non ti serve.

ritratto di Deborah Casinelli

Ti ringrazio! Conoscendo il tipo di led, sai consigliarmi su qua

Ti ringrazio! Conoscendo il tipo di led, sai consigliarmi su quale transistor è meglio utilizzare (bjt, mosfet, dispositivo specifico...)?

ritratto di Emanuele

Va bene qualsiasi transistor che supporti la corrente che tu dec

Va bene qualsiasi transistor che supporti la corrente che tu decidi di far circolare nel diodo :)

Ad esempio in una applicazione medicale con un led IR che comandava i raggiX (quindi massima affidabilità) ho usato un BC817

ritratto di larosa.cristian

Ciao Vittorio, dimmi una cosa per veriare il dutty cicle devo so

Ciao Vittorio, dimmi una cosa per veriare il dutty cicle devo sostituire le resistenze r1 ed r2 con un potenziometro da 50 ohm giusto? Ma ad ogni variazione devo variare anche r3 o basta tararla per la corrente limite e lasciarla così ?
Grazie ciao

ritratto di Deborah Casinelli

Ho capito. Grazie per il tuo aiuto e la tua disponibilità! :) /p

Ho capito. Grazie per il tuo aiuto e la tua disponibilità! :)

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 8 utenti e 64 visitatori collegati.

Ultimi Commenti