Droni a confronto: quali sono i migliori presenti sul mercato?

All’inizio dell’era dei droni come prodotto di consumo, quando queste macchine sono uscite dall’egida dell’utilizzo esclusivamente militare, il loro mercato era prettamente quello ludico, un hobby per gli appassionati di modellismo.
Poi il loro potenziale si è esteso agli appassionati di fotografia, con le implementazioni tecniche relative a videocamere sempre più piccole e sofisticate. Ultimamente cresce anche la presenza sul mercato di droni tecnici per lavori molto complessi, che si adeguano alle normative che ne regolano l'uso. In questo articolo conosceremo i migliori droni di gamma professionale in commercio e quali sono le loro caratteristiche tecniche, nonché un confronto di prezzi e prestazioni.

Quali sono i migliori droni in commercio?

Rispondere a questa domanda non è né facile né immediato: negli ultimi anni il settore della dronotica si è evoluto in maniera tale da consentire a qualunque appassionato o professionista di andare alla ricerca del drone più adatto alle singole esigenze, non certo solo economiche ma anche e soprattutto tecniche. Ci sono infatti droni per utilizzo ludico, con un design particolare, molto leggeri tanto da non incorrere in molte restrizioni legali cui sono soggetti i droni di gamma più elevata in merito alle aree di sorvolo e alla tipologia di utilizzo; e ci sono droni tecnici, appositamente pensati per svolgere i più complessi lavori, come i rilievi, le mappature, le riprese altamente professionali ecc. Oggi abbiamo scelto per voi 6 marche di droni di gamma alta, adatti a prestazioni professionali e da pilotare con riconoscimento e patentino ENAC. Faremo un raffronto tra i sofisticati sistemi di Phantom 4, Parrot, Yuneec Q 500 4k, Hexandro, Xiro e 3DR SOLO, confrontandone non solo i costi ma anche peso, velocità, punti di forza e aspetti da implementare. Se anche tu devi scegliere il drone più adatto a te, seguici in questo percorso.

Phantom 4

phantom_4_front_on.0

Figura 1: Phantom4, il nuovo gioiello di casa DJI

Phantom 4 (vedi figura 1) è la quarta generazione di droni prodotta da DJU, ed è ad oggi la più nota. Ciò che colpisce e seduce subito di questo drone è il design elegante, morbido, quasi sbarazzino. Questo vale sia per il corpo macchina che per il controllo remoto, ergonomico e simile ad una piccola stazione di controllo con comodo adattatore per posizionare il tuo smartphone o tablet e avere il pieno controllo del volo.
Diciamolo, si tratta di un oggetto bello da vedere e da mostrare, oltre che da usare. Rispetto alle sue precedenti versioni, Phantom 4 ha un sistema integrato per il rilevamento degli ostacoli sino a 15 metri di distanza, collegato a due fotocamere frontali che rilevano la distanza dal problema, cosa che però avviene solo in avanti perché le fotocamere frontali non consentono un  riconoscimento a 360° degli ostacoli. La particolarità di Phantom 4 che lo rende molto amato sul mercato è la sua intuitività e l’impressione di poter “delegare” molte azioni al drone stesso senza un serrato e complesso controllo da terra. Ad esempio, il così detto Volo Autonomo permette al drone di inseguire un soggetto senza che vi sia controllo da terra (utile per fini documentaristici, ad esempio); a questa funzione si associa la [...]

ATTENZIONE: quello che hai appena letto è solo un estratto, l'Articolo Tecnico completo è composto da ben 2486 parole ed è riservato agli abbonati PLATINUM. Con l'Abbonamento avrai anche accesso a tutti gli altri Articoli Tecnici PREMIUM e PLATINUM e potrai fare il download (PDF) di tutti gli EOS-Book, Firmware e degli speciali MONOTEMATICI. ABBONATI ORA con PAYPAL è semplice e sicuro.

Abbonati alle riviste di elettronica

9 Commenti

  1. Maurizio Di Paolo Emilio Maurizio 16 agosto 2016
  2. riky2k riky2k 16 agosto 2016
  3. Gaetano Aerialclick Gaetano Aerialclick 17 agosto 2016
  4. Daniele Valanzuolo Daniele Valanzuolo 12 settembre 2016
  5. lucamax 23 dicembre 2016
    • Maurizio Di Paolo Emilio Maurizio Di Paolo Emilio 25 dicembre 2016
  6. Gaetano Aerialclick Gaetano Aerialclick 23 dicembre 2016
  7. Emanuele Bonanni Emanuele Bonanni 24 dicembre 2016

Scrivi un commento