Home
Accesso / Registrazione
 di 

E-Legs, le gambe robotiche per camminare di nuovo

Le gambe robotiche della Berkeley Bionics, chiamate e-Legs, permettono ai paraplegici di camminare di nuovo

Un paio di gambe robotiche hanno permesso ad Amanda Boxtel, paralizzata da 18 anni, di camminare di nuovo. Il grande successo è stato raggiunto grazie a un’invenzione della Berkeley Bionics, che ha costruito le eLegs, in grado di far camminare un paziente in linea retta per sei ore circa. Il prototipo è ancora in fase sperimentale, ma già promette di migliorare notevolmente la qualità della vita di molte persone.

Primo successo per le gambe robotiche

Le gambe robotiche sono state provate con successo da Amanda Boxtel, che non ha più camminato negli ultimi 18 anni, dopo che un incidente di sci l’ha lasciata paralizzata. Oggi è riuscita ad alzarsi e camminare per la prima volta in 18 anni utilizzando eLegs, un esoscheletro robotico indossabile da 45 libbre (circa venti kg e mezzo) volto a ottenere che i paraplegici possano alzarsi dalle loro sedie a rotelle e stare in piedi.

"Fare il mio primo passo con eLegs è semplicemente stupefacente", ha detto Amanda Boxtel con le lacrime agli occhi, "perché ho piegato il ginocchio per la prima volta in 18 anni e ho messo il mio tallone a terra. E poi ho trasferito il mio peso . E poi ho fatto un altro passo. E un altro. Ed era così naturale".

Più disabili potranno ora seguire le orme di Amanda Boxtel. La Berkeley Bionics ha presentato infatti le gambe robotiche in una conferenza stampa a San Francisco, dicendo che gli studi clinici di una tuta in acciaio e fibra di carbonio avranno inizio nel 2011 per selezionare le cliniche di riabilitazione degli Stati Uniti, con una distribuzione limitata in programma durante la seconda metà dell'anno.
La batteria della gamba elettronica, ricaricabile con un sistema montato in un controller nello zaino, ricarica le gambe robotiche con fianchi motorizzati e articolazioni del ginocchio, e le stampelle che utilizzano un'interfaccia gestuale uomo-macchina e sensori per osservare i movimenti di chi lo indossa e rispondere di conseguenza. Il velcro, lo zaino e le bretelle rendono sicuro eLegs per agli utenti che possono indossarlo con i loro vestiti e le scarpe di tutti i giorni.

Come con l'esoscheletro robotico (Rex), una tuta da $ 150.000 che ha recentemente fatto il suo debutto pubblico in Nuova Zelanda, gli utenti di eLegs devono avere adeguata resistenza del corpo e la funzionalità per il trasferimento dalla loro sedia a rotelle nel dispositivo. Inoltre, essi devono essere compresi tra 5 piedi e 2 pollici di altezza (1,58 m) e 6 piedi e 4 pollici di altezza (1,95 m) con un peso inferiore alle 220 libbre (quasi 100 kg) per adattarsi al dispositivo.
La Berkeley Bionics afferma che il suo attuale sistema eLegs rimane carico per più di sei ore e permette agli utenti di camminare in linea retta a velocità superiore a 2 km / h, permette la posizione da seduti e di stare per un periodo prolungato di tempo in posizione seduta. Entro un anno, l'azienda spera di portare il dispositivo a permettere di fare curve strette e larghe. L’amministratore delegato della Berkeley Bionics Eythor Bender dice che l'azienda spera di rendere il sistema di gambe robotiche eLegs disponibile per circa $ 50.000, più o meno la metà del costo attuale di una sedia a rotelle di alto livello.

Altri esperimenti sulle gambe robotiche

Le gambe robotiche eLegs sono costruite insieme alle Human Universal Load Carrier (HULC), un esoscheletro robotico creato da Berkeley Bionics e Lockheed Martin per dare ai soldati una forza sovrumana capace di portare carichi fino a 200 libbre per lunghi periodi.

Ma Rex e eLegs sono solo due dei promettenti dispositivi robotici che permettono agli utenti su sedia a rotelle di fare cose improbabili. Ad esempio l’abito ReWalk Argo Medical Technologies Robotics (che assomiglia molto a eLegs) è attualmente sottoposto a sperimentazione clinica negli Stati Uniti. La società israeliana dice che aspetta di avere la tuta dopo il processo di approvazione della FDA e di immetterlo sul mercato in 12-18 mesi.

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 31 utenti e 71 visitatori collegati.

Ultimi Commenti