Enel apre un innovativo impianto solare in Sicilia

Energia alternativa Sicilia

Il Ministro dell’Ambiente italiano Stefania Prestigiacomo ha partecipato con il direttore generale di Enel Fulvio Conti alla cerimonia di inaugurazione di Archimede, il nuovo impianto a ciclo combinato solare e termodinamico. L’impianto Archimede, nei pressi di Siracusa, nel sud est della Sicilia, è il primo ad utilizzare i sali fusi come fluido termovettore, Enel ha dichiarato in un comunicato che l’impianto sarà in grado di raccogliere e conservare il calore del sole per molte ore, al fine di utilizzarlo per generare elettricità anche durante la notte o in condizioni di cielo coperto, superando la limitazione comune di questa fonte rinnovabile, e cioè che si può utilizzare solo quando la natura mette a disposizione la luce del sole.
Il sistema prevede 30.000 metri quadrati di specchi che concentrano i raggi solari su 5.400 metri di tubi contenenti i sali fusi. I sali riscaldati sono utilizzati per alimentare un generatore di vapore che guida di una turbina situata in un adiacente centrale elettrica a ciclo combinato. L’impianto ha una capacità di circa cinque megawatt e dovrebbe arrivare a risparmiare fino a l’equivalente di 2.100 tonnellate di petrolio all’anno e ridurre le emissioni di anidride carbonica di circa 3.250 tonnellate. Il nome di questo innovativo impianto ricorda gli specchi ustori che lo scienziato greco Archimede, si dice che abbia usato per appiccare il fuoco alle navi romane che assediavano la città di Siracusa durante la guerra punica. L’Italia è il secondo produttore europeo di energia solare dopo la Germania, secondo il governo e questo impianto non può che migliorare la propria posizione, contribuendo in modo innovativo allo sviluppo di tecnologie per produrre energia pulita.

http://www.physorg.com/news198345931.html

3 Comments

  1. @Facebook 27 luglio 2010
  2. Elektrik Girl 27 luglio 2010
  3. Edi82 Edi82 26 luglio 2010

Leave a Reply