Home
Accesso / Registrazione
 di 

Energia pulita, sarà il laser la scoperta definitiva?

energia pulita laser

Il laser compie cinquant'anni e ai giorni d'oggi è utilizzato in praticamente ogni aspetto della nostra vita, dagli ambienti medici all'industria del divertimento. Il prossimo anno scienziati americani cercheranno di portare la tecnologia ad un nuovo livello: la produzione di energia pulita tramite la simulazione, con il laser, dell'energia nucleare generata dal sole. 

Il laser come fonte di energia pulita

Il prossimo anno la scoperta del laser, una delle tecnologie più utilizzate dell'ultimo secolo, compirà 50 anni. Gli studiosi sperano che il 2010 sarà l'anno in cui il laser vincerà la sfida più grande, creare una fonte di energia pulita, senza bisogno del petrolio.Negli ultimi anni, da quando è stato sviluppato, il laser è stato applicato in centinaia di casi diversi, dalla vita di tutti i giorni agli ambienti industriali, dal campo medico alla sicurezza nazionale, passando per l'industria del divertimento.Il prossimo anno, gli scienziati proveranno a portare la tecnologia laser ad un altro livello. Proveranno a produrre energia pulita imitando il modo in cui il sole crea la luce e il calore che permettono la vita sulla terra. "Creando in laboratorio l'energia prodotta dalle stelle", cerca di spiegare Edward Moses, il capo del dipartimento Energia della National Ignition Facility di Livermore, California.

Il processo prova ad unire la tecnologia del laser a quellqa della fusione nucleare, il processo che alimenta il sole, le stelle e le bombe all'idrogeno. 

Il progetto del laser per ottenere energia pulita


Il progetto è di utilizzare 192 potenti laser per generare il calore e la pressione necessaria per forzare gli atomi di idrogeno a fondersi o combinarsi. La combinazione produce una piccola perdita di massa che si trasforma in una grande quantità di energia. La formula di Einstein in azione.Le centrali ad energia nucleari di oggi, invece, funzionano tramite un lavoro di fissione, rompendo pesanti atomi come quelli dell'uranio o del plutonio per generare energia.Se il progetto andasse in porto, la fusione nucleare potrebbe dare luogo a una nuova classe di centrali energetiche. Il trucco è costruire un sistema che produce più energia di quanta ne consuma, un risultato che, gli studiosi ammettono, richiederà ancora molti anni.Secondo il National Ignition Facility, le centrali energetiche basate sulla fusione tramite laser non emetterebbero gas serra, produrrebbero una quantità bassa di scarti radioattivi e non presenterebbero rischi di incidenti nucleari. Diversamente dall'energia solare o eolica, potrebbe essere in attività continuamente per andare incontro alla richiesta di energia. Diversamente dal petrolio, dal gas o dall'uranio, la sorgente di energia è virtualmente illimitata.Per ottenere la fusione nucelare, gli scienziati dell'istituto sperano di concentrare un insieme di intensi raggi laser su una piccola particella di deuterio e trizio, isotopi dell'idrogeno, nella loro centrale da 3,5 milardi di dollari al Lawrence Livermore National Laboratory, vicino San Francisco. I raggi, che sarebbero trasformati in potenti raggi x, riscalderebbero il bersaglio in modo che, sperano gli studiosi, il carburante si incendi. La combustione durerebbe 2 miliardesimi di secondo ad una temperatura di 100 milioni di gradi celsius e una pressione 100 miliardi più grande dell'atmosfera terrestre. Se riuscisse sarebbe "simile alla conquista della prima scintilla di sempre all'interno di un motore a combustione", dice Edmund Synakowky, un esperto di fusione nucleare del Dipartimento Energia. "Ottenere un risultato del genere è una delle sfide più dure che la ricerca scientifica ha mai affrontato".L'istituto spera di ottenere questo fantastico risultato entro il prossimo anno, la fine del 2012, ma esperti esterni sono scettici. SI pensa che serviranno almeno due o tre anni per ottenere energia pulita dal laser. Alcuni problemi tecnici rimangono, come l'impostazione simultanea e precisa dei 192 lase su un bersaglio in mniatura senza danneggiare l'intera attrezzatura. 

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Ultimi Commenti