Energia solare: torri per produrre energia solare, primo progetto in Usa

energia solare torri per produrre energia solare

Grazie all’energia solare, si possono illuminare fino a 277.500 abitazioni in tutto il territorio californiano, ed è per questo che il segretario degli interni Ken Salazar ha promosso l’Ivanpah Solar Electric Generating, un sistema proposto da BrightSource di Oakland, che grazie all’energia solare può creare quasi 1100 posti di lavoro. Quello di San Bernardino, in California, è il primo progetto su larga scala per l’energia solare, i cui benefici saranno destinati al pubblico.

Energia solare: Principali caratteristiche del progetto

Le torri di potenza, sono dei forni solari che tramite una serie di piatti e specchi mobili (eliostati), ricevono luce solare concentrata e focalizzano i raggi solari su un ricettore montato in cima ad una torre localizzata al centro, il calore è raccolto da un fluido (nitrato fuso per esempio), con il calore accomulato si produce del vapore (565 gradi centigradi) che azionando una turbina produce energia elettrica. Il progetto si svolgerà in tre fasi, per poi concludersi entro il 2013.

L’amministrazione e il progetto per produrre energia solare

L’Ivanpha Solar Electric Generating, sarà un progetto vantaggioso sia per la BrightSource che per l’amministrazione, darà un impulso alla crescita rapida della produzione di energia rinnovabile, che verrà utilizzata sul suolo pubblico e in larga scala.

Le torri solari, fanno parte di un più ampio progetto, previsto dal governo Americano che, a lungo si sta impegnando per sfruttare i vantaggi provenienti dalle energie rinnovabili, non a caso nel mese di Ottobre, è stato firmato un contratto con CapeWind per generare 468 megawatt di energia elettrica rinnovabile mediante l’acquisto di 130 turbine, questo e molti altri sforzi contribuiranno a costruire un’economia di energia pulita che potrebbe generare 1.124 megawatt di energia pulita per illuminare fra le 337.000 e le 843.000 abitazioni; tutto questo inoltre, contribuirà a ridurre le emissioni di carbonio e aiuterà la nazione nel suo complesso, a rendersi indipendente, grazie allo sfruttamento delle sue risorse naturali.

Aiuti concreti per la BrightSource Energy

L’amministrazione locale ha decretato, di dare in gestione alla società per 30 anni, un’area ubicata nel sud del Mojave Desert, vicino a Primm, al confine con il Nevada, a patto che vengano rispettate le clausole previste nel contratto, inclusi gli oneri di locazione. Grazie al Recovery and Reinvestment Act, la BrightSource Energy, riuscirà a recuperare il 30% dei costi a cui ha dovuto far fronte, a condizione che abbiano già iniziato i lavori entro gennaio 2011; il dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti, ha inoltre assegnato 1,37 miliardi di dollari, in garanzie sui prestiti condizionati, secondo quanto previsto dalla legge. Il progetto Ivanpah, viene elaborato dal CEC (Californian Energy Commission), un istituto cooperativo in atto da ottobre 2009, che si basa su un accordo fra il segretario Salazar e il governatore della California Arnold Schwarzenegger.

Torri per produrre energia solare: Rischi ambientali e responsabilità pubblica

Secondo quanto previsto dal parternariato statale-privato, BrightSource è tenuta ad erogare la sua quota di contributo per proteggere l’ambiente, inoltre la società dovrà acquistare 7300 ettari di terreno circostante per poter effettuare dei test previsti dalla legge, al fine di tutelare la salute umana, il territorio e gli animali; necessari saranno inoltre i contributi da versare al fondo di compensazione comune creato dalle agenzie federali dello Stato e gestito dal National Fish and Wildlife Foundation. BrightSource, ha sottoposto il progetto a vari controlli pubblici per i rischi ambientali fra questi: il Public Scoping del 2007, il progetto di dichiarazione ambientale del 2009, il pieno coinvolgimento pubblico nel 2009, ed infine un progetto di integrazione nel 2010. Infine, come sottolineato da Salazar, sono state apportate importanti modifiche al progetto, come il taglio del 15% degli eliostati, differenze che incentivano la tutela del territorio e della vita, per un connubio ideale fra produzione di energie rinnovabili e ambiente sano.

35 Comments

  1. biank9388 4 aprile 2011
  2. Arx33 4 aprile 2011
  3. FlyTeo 4 aprile 2011
  4. Andres Reyes 4 aprile 2011
  5. Antonio Mangiardi 4 aprile 2011
  6. linus 4 aprile 2011
  7. Antonio Mangiardi 4 aprile 2011
  8. FlyTeo 4 aprile 2011
  9. Arx33 4 aprile 2011
  10. Antonio Mangiardi 4 aprile 2011
  11. Antonio Mangiardi 4 aprile 2011
  12. FlyTeo 4 aprile 2011
  13. Antonio Mangiardi 4 aprile 2011
  14. FlyTeo 4 aprile 2011
  15. Giovanni Giomini Figliozzi 4 aprile 2011
  16. Giovanni Giomini Figliozzi 4 aprile 2011
  17. Alex87ai 4 aprile 2011
  18. Giovanni Giomini Figliozzi 4 aprile 2011
  19. Alex87ai 4 aprile 2011
  20. Giovanni Giomini Figliozzi 4 aprile 2011
  21. Alex87ai 4 aprile 2011
  22. Alex87ai 4 aprile 2011
  23. Giovanni Giomini Figliozzi 4 aprile 2011
  24. Alex87ai 29 aprile 2011
  25. Alex87ai 4 aprile 2011
  26. Giovanni Giomini Figliozzi 4 aprile 2011
  27. Giovanni Giomini Figliozzi 4 aprile 2011
  28. Alex87ai 4 aprile 2011
  29. Giovanni Giomini Figliozzi 4 aprile 2011
  30. linus 5 aprile 2011
  31. Antonio Mangiardi 5 aprile 2011
  32. Francesco12-92 5 aprile 2011
  33. ernenek37 20 aprile 2011
  34. ernenek37 20 aprile 2011
  35. ernenek37 20 aprile 2011

Leave a Reply