Home
Accesso / Registrazione
 di 

Energie rinnovabili per lo sviluppo di posti di lavoro

energie rinnovabili

Una coalizione di diversi gruppi di investimento e aziende che si occupano di energia rinnovabile conosciuta come "Res alliance for jobs" sta utilizzando uno studio realizzato di recente per promuovere i molteplici benefici del mandato che riguarda le energie rinnovabili. L'innalzamento degli obiettivi di sviluppo porterebbe allo sviluppo di nuovi posti di lavoro, avendo effetto, quindi, sia sull'ambiente che sull'economia. 

Una alleanza per lo sviluppo delle energie rinnovabili

Le industrie americane stanno cercando di dimostrare che le energie rinnovabili sono non soltanto una risorsa per l'ambiente ma anche una occasione sociale per ravvivare l'economia e crere posti di lavoro. Una coalizione di diversi gruppi di investimento e aziende che si occupano di energia rinnovabile conosciuta come "Res alliance for jobs" sta utilizzando uno studio realizzato di recente per promuovere i molteplici benefici del mandato che riguarda le energie rinnovabili. Il vice presidente dello sviluppo della Iberdrola Renewables, una compagnia per la generazione di energia eolica, Don Furman, ha dichiarato: "Abbiamo bisogno di avere uno standard molto alto di elettricità generata attraverso le energie rinnovabili, se vogliamo creare un ambiente stabile e disponibile per gli investimenti, e di aiuti per la crescita di questo settore che ha molto da offrire all'economia." Ha anche aggiunto, "se non rafforziamo l'alleanza, l'industria eolica degli Stati Uniti non è destinata a vedere nessuna crescita nella rete dei posti di lavoro, e soprattutto sarà molto probabile che perderemo posti di lavoro in favore delle industrie rivali che si trovano all'estero."

Nuove leggi per le energie rinnovabili


I promotori dell'energia verde hanno seguito i lavori del congresso, impegnandosi a chiedere ai rappresentanti del parlamento di prendere in considerazione un mandato nazionale con un obiettivo più alto di quello che è attualmente in fase di valutazione dalle commissioni, e che sta trovando una opposizione rigida dagli esponenti preoccupati per il possibile aumento del prezzo dell'energia in questo momento di recessione. Questo studio, sviluppato dall'alleanza, mostra che l'industria del rinnovabile sarà in grado di creare un totale di 274 mila posti di lavoro in più se il congresso sceglierà di arrivare a impiegare il 25 per cento di risorse provenienti da energie rinnovabili rispetto al totale che sarebbe impiegato senza tale mandato. Quello standard proposto dalla Res Alliance rappresenta una quantità di posti di lavoro tre volte superiore, che potrebbero essere disponibili quando gli obiettivi che riguardano le energie rinnovabili saranno approvati dalla Casa Bianca così come per altre simili misure che aspettano di essere valutate al senato. Lo scorso anno è passata una legge per cui un appartamento doveva utilizzare almeno il 15 per cento, sul totale dell'elettricità, che provenisse dalle varie sorgenti di energie rinnovabili entro il 2020. Un mandato che è stato approvato dalla commissione per l'energia e le risorse naturali del senato indicava lo stesso il 15 per cento come obiettivo delle energie rinnovabili ma diceva che gli stati potevano raggiungere anche solo un quarto dell'obiettivo richiesto dal documento se avessero adottato politiche di efficienza energetica. I legislatori delle regioni in cui non c'è particolare presenza di energia solare o eolica non hanno gradito queste politiche che regolano il rapporto tra l'energia rinnovabile e quella tradizionale e hanno replicato che le aziende e i privati delle proprie regione saranno penalizzati da un rincaro deciso delle bollette elettriche. La misura che vorrebbe adottare la proposta dell'alleanza prevede che ogni stato, se messo in grado di rispettare questi alti standard per lo sviluppo delle energie rinnovabili, sarebbe in grado di creare un numero molto alto di posti di lavoro per la propria comunità. 

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 7 utenti e 43 visitatori collegati.

Ultimi Commenti