Home
Accesso / Registrazione
 di 

[Energy Harvesting] Trasformare le Vibrazioni in Energia è possibile!

Green Energy

Di solito, quando leggete dei titoli così "altisonanti", la notizia è di poco conto e l'argomento dell'articolo è veramente miserevole ma tranquillizzatevi: questa volta non è affatto così. Questa trasformazione è possibile, si può realizzare ed esistono già dei dispositivi che sono in grado di farlo. Stiamo parlando di quelli basati sul principio della piezoelettricità. Vediamo insieme di che cosa si tratta e come si può impiegare.

Contenuto esclusivo per gli ABBONATI PLATINUM di Elettronica Open Source.

Leggi subito tutto l'articolo e poi ricevilo in PDF all'interno di EOS-Book insieme a tanti altri vantaggi offerti dall'Abbonamento Platinum! Diventa Utente PLATINUM

SCOPRI TUTTI I VANTAGGI DI UN ABBONAMENTO ANNUALE CHE COMPRENDE ANCHE TUTTO L'ARCHIVIO

 

 

 

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog
ritratto di Giorgio B.

Ma quindi il prossimo

Ma quindi il prossimo articolo sarà un progetto?
Ho capito male o riguarderà un impianto d'allarme?
Sarà un progetto completo e open source?
Se è così, non vedo l'ora!

ritratto di Emanuele

Piezoelettricità

Ciao Giorgio,
stiamo ancora decidendo, vedremo..... intanto la parte finale l'ho modificata per precisione.

Le capsule piezoelettriche possono funzionare sia in entrata che in uscita, rilevando le vibrazioni oppure generando vibrazioni, come spiegato nell'ottimo articolo di Piero. Vedremo nelle prossime settimane come sviluppare esempi pratici, ad esempio con il progetto di una sirena per allarmi da interno (che utilizza una capsula piezo) oppure con un rilevatore di vibrazioni (sempre in allarme per proteggere le sirene da esterno dalla trapanazione)

ritratto di alex272

Molto interessante

Faccio i miei complimenti per l'articolo e avanzo contemporaneamente una richiesta/proposta... Nel caso di un eventuale progetto, sarebbe possibile orientarsi verso la produzione (anche se minima) di energia? impianzi di allarme, domotica, apricancelli vari sono sempre interessanti ma ritengo che la priduzione di energia, anche se in piccole quantità sia sempre la cosa più utile in assoluto. Mi piacerebbe vedere un progetto "home made" che sfrutti questa tecnologia.

Ciao

ritratto di Emanuele

Energy Harvesting

Ci stiamo pensando proprio in questi giorni, nel frattempo dai un'occhiata alla categoria. Ne abbiamo parlato spesso in passato ;)
http://it.emcelettronica.com/tag/energy-harvesting

ritratto di delfino_curioso

Grande articolo

Veramente ottimi spunti di riflessione.
Se pensiamo a quanta energia ci passa sotto il naso ogni giorno senza che la si possa sfruttare o immagazzinare ci sarebbe da mettersi le mani nei capelli.
Un pensiero che ho sempre avuto a riguardo è se il fenomeno della piezoelettricità di alcuni materiali possa essere proficuamente sfruttato per ricavare energia dai passi che ogni giorno facciamo (anche chi lavora sedentariamente prima o poi dovrà pur camminare...) oppure dalle vibrazioni legate alle onde sonore che investono un ufficio o un'area più vasta.
Certo, ammesso che ciò sia possibile e conveniente da realizzare, si tratterebbe comunque di piccoli quantitativi di energia prodotta (inoltre, nel caso di energia ricavata dai passi, c'è anche il problema di stoccarla in batterie che non risultino scomode da indossare/inserire/prelevare...insomma "wearable").
L'Energy Harvesting su ampia scala è senz'altro da considerare per un futuro eco-sostenibile, ma forse anche il singolo può fare qualcosa per l'ambiente nella propria "produzione corporea di energia".
Ma la cosa immagino sia ancora lontana....

ritratto di avalle

Frequenze e correnti

Interessante l'articolo e anche il tema in generale.
Curiosando tra le caratteristiche di un kit di generatore di elettricità piezoelettrico (http://www.piezo.com/prodproto4EHkit.html) osservo che un dispositivo di 5 x 14 cm è in grado di generare 7.1 mW ad una frequenza di vibrazione di 52 Hz.

Mi domando se esistano materiali più efficienti considerando che tappezzare una stazione della Metro con migliaia di queste piastrelline al costo di 274 dollari l'una per produrre qualche Watt di energia elettrica non sembra molto conveniente.

ritratto di Emanuele

Costi di produzione

Il mercato è ancora acerbo, quindi molti produttori sono in fase di sperimentazione. Sono sicuro che appena partiranno importanti commesse e la successiva diffusione di massa, i prodotti (in generale) per energy harvesting subiranno decrementi di prezzo significativi. Aumento di produzione, concorrenza e nuovi investimenti nella ricerca per ridurre i costi.

Se pensiamo ai pannelli fotovoltaici, è solo da poco tempo che sono entrati nel mercato i low-cost (affidabili ovviamente)

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 5 utenti e 37 visitatori collegati.

Ultimi Commenti