Fader video – 1

Fader video progetto open source

Collegato a due fonti di segnale video permette di passare dall’immagine di uno all’immagine dell’altro gradualmente, ottenendo l’effetto di dissolvenza ma permettendo anche di sovrapporre, ad esempio, titoli e immagini. Vi è mai capitato di voler preparare dei filmati un po’ particolari, magari ottenuti facendo dissolvere un’immagine per passare ad un’altra, oppure creando una cornice o un contorno allo schermo (tipo l’effetto sogno) per renderlo più originale?

Beh, se ci avete pensato un po’ certamente vi sarete accorti, facendo qualche ricerca, che per ottenere questi ed altri effetti occorrono apparecchiature costose, alla portata dei professionisti ma sconvenienti per chi con film e filmini si diletta soltanto. Per non parlare delle titolatrici, che richiedono oltre ad un computer per preparare le scritte, anche un “genlock”, cioè un sovrappositore di immagine; senza contare che il computer dovrebbe avere l’uscita video composito. Insomma, un bel po’ di roba e di soldi. Se volete comunque armeggiare con video, filmati, e simili, una soluzione abbastanza economica la trovate in questo articolo: abbiamo infatti realizzato e pubblicato in queste pagine il progetto di un dispositivo Fader Video, che permette di inviare ad un monitor con ingresso video composito (o ad un televisore dotato di presa video o SCART) due segnali video provenienti da sorgenti differenti; il circuito permette non solo di selezionare uno dei due (altrimenti sarebbe un semplice commutatore), ma anche di passare gradualmente dall’uno all’altro, arrivando a sovrapporli dosando l’uno in misura opposta all’altro.

fader_video_schema_elettrico.

In altre parole, si può vedere un segnale ed ignorare l’altro, oppure vedere, ad esempio, il primo segnale al 90% ed il secondo al 10%, oppure il primo al 70% ed il secondo al 30%, ecc. Oltre ai due segnali video selezionabili gradualmente il dispositivo accetta un terzo segnale che però viene introdotto con la sua ampiezza normale, ovvero non viene regolato o introdotto gradualmente: questo terzo segnale arriva ad un ingresso detto “ausiliario” utilizzato per introdurre titoli nel testo, oppure pattern o altre immagini prodotte da computer e/o registrate su cassetta. Tutto il circuito, nonostante la notevole funzione che svolge, si limita praticamente ad un solo circuito integrato: si tratta dell’EL4453C della Elantec, un componente molto complesso ed affidabile costruito appositamente per creare gli effetti Picture In Picture (dall’inglese Immagine dentro un’Immagine) nei TV color e nei videoregistratori più sofisticati, o per introdurre i menù di programmazione sovrapponendoli all’immagine stessa.

L’integrato EL4453C è stato studiato appositamente per elaborare segnali video, e garantisce una banda passante più che sufficiente: ben 80 MHz! Pensate infatti che il segnale video (canale) ha una larghezza di banda di 5,5 MHz. Impiegando opportunamente l’integrato della Elantec abbiamo messo a punto il fader video di cui trovate lo schema elettrico in queste pagine: il circuito, lo vedete, è tutto sommato semplice, dato che oltre al super-integrato EL4453C abbiamo quattro operazionali (tutti racchiusi in un comune LM324N) e due regolatori di tensione, oltre a qualche componente passivo indispensabile a far funzionare il tutto a dovere.

Il kit è disponibile da Futura Elettronica

One Response

  1. francorossi44 28 giugno 2011

Leave a Reply