Home
Accesso / Registrazione
 di 

Faretti a LED

led arancione

Con un paio di lampade alogene 12V si è sostituito il bulbo della lampadina con LED di colore arancione in modo che lasciandolo accesso tutta la notte dava quell’effetto notturno piacevole a vederlo.

I LED utilizzati sono di 350mA, ma con un circuito a corrente costante è stato fatto in modo da usarli a 160 mA, per avere una buona illuminazione. In questa configurazione un buon dissipatore è stato posto all’interno del circuito. La potenza è garantita da un trasformatore a 9 V.

componenti

Ci sono diverse ragioni per cui i progettisti di sistemi di illuminazione vorrebbero adottare la tecnologia a Led. Prima di tutto una lunga durata (dell’ordine di 50.000 ore di funzionamento) che aiuta, ad esempio, a ridurre i crescenti costi di manutenzione, così come un’accensione istantanea a temperature estremamente basse (dell’ordine di -40 °C) che non sarebbe possibile con altri tipi di lampade. I Led sono inoltre sufficientemente piccoli da poter essere integrati in una vasta gamma di applicazioni e, avendo un’efficienza luminosa superiore alle tradizionali lampade a incandescenza, alogene e fluorescenti, possono aiutare i progettisti a soddisfare meglio le richieste di riduzione del consumo energetico.

Attraverso i nuovi studi, infatti, l'efficienza luminosa quantità di luce/consumo (lm/W) è stato calcolato di un minimo di 3 a 1. Fondamentalmente, il limite dei LED per questo tipo di applicazione è la quantità di luce emessa (flusso luminoso espresso in lumen), che nei modelli di ultima generazione per uso professionale si attesta intorno ai 120 lm, ma che nei modelli più economici raggiunge solo i 20 lumen.

Una lampada ad incandescenza da 60 W emette un flusso luminoso di circa 550 lumen; in merito a questa tipologia di lampada, una normativa della Comunità Europea prevede nell'arco di 7 anni, a partire dal 1 settembre 2009, il divieto di vendita in tutti i paesi della Comunità, graduandone annualmente il divieto in base alla potenza in watt.

Il colore della luce dei LED é classificato in warm white (temperatura di colore da 3.000 a 4.000 K) e cool white (temperatura di colore da 5.000 a 8000 K). La maggior parte dei LED bianchi emette una luce con una temperatura di colore di 5500 K, più "fredda" di quella delle lampade a incandescenza ed ha un CRI (Colour Rendering Index) cioè indice di resa del colore di 60-70, sia a 3200 K che a 5500 K. I LED XR-E "cool white" emettono una luce con temperatura di colore tipica di 5500 K ed hanno un CRI pari ad 80, valore molto vicino a quello delle sorgenti luminose ad incandescenza, offrendo quindi un rendering colorimetrico eccellente. I nuovi LED XR-E "warm white" emettono una luce molto brillante, con una temperatura di colore di 3250 K e sono quindi una valida alternativa alle lampadine a incandescenza, mantenendo sempre un CRI di 80.

Per ottenere i risultati desiderati in termini di luminosità e di colore, è però indispensabile pilotare i Led con una corrente costante. Per Led di potenza ad alta luminosità, le correnti possono variare da 100 mA a 1500 mA, con un valore tipico di 350 mA. Vi sono numerose possibilità di combinare i Led in serie o in stringhe serie/parallelo. Consideriamo, ad esempio, un flusso luminoso di 200 lumen, valore tipico richiesto per l’interno di un’autovettura. A seconda del tipo di Led, la stringa sarà composta da 3 a 6 Led. Per pilotare tutte le combinazioni previste, occorre un convertitore a corrente costante compatto ed efficiente, e dai costi contenuti, con un ampio intervallo di tensioni di ingresso (da 8 a 19 V) e di uscita (da 6,9 a 30 V).

Una semplice topologia con regolatore buck o boost non è sufficientemente versatile. Ciò che si propone invece, è un driver in configurazione buckboost non invertente, controllato in corrente. Si utilizza un rilevamento di corrente di tipo high-side, che consente di collegare il catodo della stringa di Led direttamente a massa. Inoltre, per ottimizzare le prestazioni del convertitore, è necessario limitare la caduta di tensione sulla resistenza che rileva la corrente (circa 200 mV).

led

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog
ritratto di Bazinga

Non è la soluzione migliore

Non è la soluzione migliore in termini di efficienza, basta farsi un giro nei siti di linear e national. Cheers

ritratto di maurotec

>Non è la soluzione migliore

>Non è la soluzione migliore in termini di efficienza, basta farsi un giro nei siti di linear e national.

Perchè, qual'è la soluzione più efficiente?
Hai nominato proprio LT che è nota anche per i driver che possono lavorare in entrambe le modalità operative boost, buck e buck-boost. Ovvio che il buck-boost si potrebbe trovare a lavorare in condizioni di minori efficenza rispetto allo step-down ma queste sono scelte proggettuali dove guadagni in flessibilità e potresti perdere in efficienza che nella peggiore delle ipotesi è di circa il 70% contro il 94 teorico delle migliori implementazioni.

Ciao.

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ultimi Commenti