Home
Accesso / Registrazione
 di 

Finale audio 350 watt 2/4

Finale audio 350 watt progetto open source

Finale audio 350 watt seconda parte. Viceversa, se T6 tende ad interdirsi diminuisce la sua corrente di collettore, quindi può aumentare quella che polarizza la base del T7; poiché T5 richiede sempre la medesima corrente, è ovvio che la preleva dalla base del T8, il quale va maggiormente in conduzione (è un PNP). La regolazione della corrente di base del T6, quindi del grado di polarizzazione dei piloti e dei finali, si effettua tramite il trimmer R15, che, come vedete dallo schema elettrico, ha il cursore collegato alla base del transistor in questione.

E’ chiaro che portando il cursore dell’R15 verso il collettore di T6 quest’ultimo viene polarizzato di più, e sottraendo corrente alla base dei transistor pilota determina una minor polarizzazione dei finali, quindi un minor assorbimento di corrente a riposo; viceversa, portando il cursore di R15 verso R16, T6 tende ad interdirsi, la corrente di base di T7 e T8 aumenta, quindi i finali vengono polarizzati più energicamente e assorbono maggior corrente a riposo. Regolazioni a parte, notate che il carico di collettore del T5 non è una resistenza ma un transistor che fa da generatore di corrente costante; il motivo?

finale_audio_350watt_schema

Semplice: una resistenza determina una caduta di tensione proporzionale alla corrente che l’attraversa, mentre un generatore di corrente, almeno in teoria, dà una corrente costante in ogni situazione. La resistenza di carico (che, viste le tensioni in gioco, dovrebbe avere un valore di circa 10÷20 Kohm) può creare problemi quando T5 va verso l’interdizione e T7, che viene quindi polarizzato sempre di più, richiede una corrente di base sempre crescente; è ovvio che tale corrente determina una caduta di tensione sulla resistenza di carico, che perciò limiterebbe il potenziale di base del T7 abbassando l’ampiezza delle semionde positive del segnale di uscita del finale audio. Il problema non si presenta per le semionde negative, poiché T5 può diminuire a piacimento il potenziale del proprio collettore, trascinando la base del PNP T8 anche a potenziali di pochi volt rispetto al ramo negativo di alimentazione.

finale_audio_350watt_montaggio

Il generatore di corrente non ha questi problemi: quando T5 tende ad interdirsi la corrente che prima (a riposo) andava nel suo collettore può andare nella base del T7 polarizzandola come si deve. Bene, visti problemi e soluzioni relativi allo stadio intermedio e pilota, vediamo come è fatta la parte finale dell’amplificatore: niente di più semplice, dato che abbiamo sei mosfet Hitachi connessi a source comune. I finali sono tre per ramo, quanti ne bastano ad erogare senza problemi fino a 10 ampère (al carico) senza determinare forti cadute di tensione e dissipazioni di potenza sullo stadio di uscita. Per il ramo positivo provvedono tre transistor 2SK1058 (160V, 7A) mentre in quello negativo si trovano altrettanti 2SJ162 (di pari caratteristiche); questi mosfet sono collegati in parallelo e ciascuno ha sulla base una resistenza limitatrice (per bloccare le oscillazioni a frequenze molto elevate).

Il kit è disponibile da Futura Elettronica

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog
ritratto di Vittorio Crapella

Ampli classico da 350W

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 1 utente e 28 visitatori collegati.

Utenti online

Ultimi Commenti