Home
Accesso / Registrazione
 di 

Fonti di energia: trasformare l'acqua sporca in biodiesel

fonti di energia acqua biodiesel

Una fonte di energia creata dall'acqua che viene scartata dai processi industriali e serve a produrre biodiesel. Due i vantaggi, una fonte di energia pulita che funziona da carburante biodiesel e aiuta a ridurre le emissioni inquinanti, e una prima ripulitura dell'acqua di scarico che viene generalmente considerata poco conveniente da recuperare. Tutto sta nell'usare le cose che gli altri non vogliono. Esiste anche la prospettiva di distribuire il biodiesel sul mercato in vasta scala. 

Produrre biodiesel dalle acque di scarico


Una fonte di energia creata dall'acqua che viene scartata dai processi industriali e serve a produrre biodiesel. La BioFuelBox, società giovane, aperta da tre anni, che ha la tecnologia per produrre biodiesel direttamente dall'acqua sporca e schiumosa usata per pulire il grasso degli ingranaggi di lavoro, ha recentemente ottenuto fondi per 5,2 milioni di dollari. Il finanziamento fa parte della seconda tornata di un piano totale di 14,9 milioni di dollari destinati alla ricerca. Il vicepresidente della divisione marketing, Rick Reddy ha spiegato che il sistema prende l'acqua oleosa ad un impianto vicino di trattamento delle acque stagnanti, che raccoglie gli scarti dai ristoranti e dalle fabbriche che producono cibo, e li trasforma in biodiesel che sarà venduto alle catene di rifornimento per camion Flying J.

Secondo quanto spiegato da Reddy, la BioFuelBox detiene, finanzia e gestisce il sistema, che rilascia inoltre acqua ripulita dal grasso. In questo modo si rende anche più facile il trattamento per gli impianti che lavorano le acque stagnanti. Non si è invece espresso sulla seconda tornata di fondi ottenuta dal governo.
La BioFuelBox non è l'unica società che sta cercando di trattare le acque di scarico in carburante. La Applied Cleantech, una società che già utilizza un sistema per estrarre la cellulosa dalle acque di scolo, sta collaborando con la società che produce biocarburante, Qteros, per costruire una fabbrica prototipo per convertire gli scarti liquidi in etanolo. Inoltre molte compagnie che trasformano le alghe in carburante stanno cercando di trasformare l'acqua sporca in un fertilizzante per far crescere le proprie alghe. 

Il sistema di produzione dei biodiesel 


Ma le acque che intende lavorare la BioFuelBox, tecnicamente si chiamano wastewater FOG, sono state fino ad oggi considerate antieconomiche da usare come fonte di energia. La compagnia secondo Reddy ha risolto questo problema con un sistema chiamato Novostream technology. Si tratta della combinazione di un sistema meccanico per rimuovere dal materiale di scarto la maggior parte dell'acqua, e poi una tecnologia ad alta pressione e ad alta temperatura (sviluppata dal capo ricerca Greg Anderson e basata sulla tecnologia "supercritical fluid extaction" del dipartimento Energia dell'Idaho National Laboratory) che trasforma l'estratto in biodiesel
Usare il calore per estrarre i grassi e gli oli aggiungerebbe costi su costi per realizzare il processo. La compagnia invece ottiene il materiale necessario a costo zero e questo aiuta a rendere conveniente anche questo sistema. 
"Lavoriamo nello stesso posto degli impianti in cui sono generati gli scarti, e li rileviamo loro gratis per i prossimi dieci o venti anni. Poi convertiamo quel materiale in una fonte di energia pulita e a basse emissioni, il biodiesel", aggiunge Reddy.La BioFuelBox ha già richieste da parte di clienti per impianti che produrranno almeno un milione di galloni all'anno di carburante, anche se non dichiara i nomi delle società interessate al progetto. La compagnia sta anche sondando il terreno con le società distribuzione di carburanti per un ipotetico lancio sul mercato del suo biodiesel. Circa cento città negli Stati Uniti sono in grando di ospitare almeno uno degli impianti della BioFuelBox, secondo una stima della società stessa. 

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 45 visitatori collegati.

Ultimi Commenti