Home Forum ELETTRONICA GENERALE Accelerometro Torex xc3330AD013R-G

Questo argomento contiene 15 risposte, ha 2 partecipanti, ed è stato aggiornato da  enaud 2 anni, 8 mesi fa.

Stai vedendo 15 articoli - dal 1 a 15 (di 16 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #58632

    enaud
    Membro

    Salve,
    per l’accelerometro ho comprato questo:

    torex xc3330AD013R-G

    posto il datasheet:

    http://www.mediafire.com/?fkq18ataat1832i

    il mio problema è che non capisco cosa sia il pin A0 Address (FIX) e la differenza tra le varie modalità.
    Inoltre, vi chiedo come dimensionare le resistenze di pull-up sui due pin di I2C.

    Grazie!

    PS:Nel prossimo post posterò il microcontrollore, per alcuni chiarimenti, che ho comprato e mi dovrebbe arrivare a giorni.

    Grazie 1000 a chiunque mi risponderà..

    Riferimento: http://it.emcelettronica.com/forum/orcad-footprint-primi-passi

    #70974

    Emanuele
    Keymaster

    Ciao,
    da una prima lettura del datasheet mi sembra di capire che il pin A0 offra un indirizzamento in piu (LSB) in caso di più periferiche sulla linea. Per i pull up dell’I2C servono solo a garantire la giusta corrente ed a gestire al meglio le condizioni di startup. Non sono critiche, quindi se non li vuoi calcolare, metti 10K (se lavori a 5V).

    Le modalità operative sono varie condizioni di utilizzo: on demand, sequenziale, veloce….
    Penso che la on_demand (D) sia la piu semplice da utilizzare inizialmente e poi valutare le altre, se necessario, in base all’applicazione.

    #70977

    enaud
    Membro

    ciao,
    grazie della preziosissima risposta.

    Dovrei usare la modalità a più basso consumo, poichè è alimentato a batteria e sarà un dispositivo portatile usa e getta.

    Dal datasheet non riesco a capire se nella modalità standby è possibile rilevare il segnale di freefall, che mi serve per la rilevazione di caduta. Penso cmq che la modalità più adatta è la modalità FON ma non trovo il consumo in quella modalità… :(

    Grazie

    #70988

    enaud
    Membro

    Ho fatto una bozza di circuito..

    ci saranno sicuramente errori..

    che ne pensate?

    http://www.mediafire.com/?hq9rar0gc2ia9hw

    Il circuito sarà alimentato da una batteria CR2032 di 3V.. Ci vuole uno stabilizzatore di tensione magari a 2.5V o è sufficiente collegare la batteria direttamente all’integrato?
    Dal datasheet della batteria:

    http://www.cr2032.co/cms/prodimages/sanyo_cr2032_datasheet.pdf

    leggo che può scendere fino a 2V non vorrei avere problemi con le uscite digitali che iniziano a scazzare per bassi valori di Vcc.

    Grazie

    #70987

    Emanuele
    Keymaster

    Non capisco perche ad A0 ai dato VCC/2 (forse una delle 2 R non andrà montata, al bisogno)

    Poi, il pin 10 (Vif) non credo vada bene cosi, devi metterlo a Vcc

    Anche il pin 8 (Reset) andrebbe collegato a Vcc, se vuoi lo witch metti un pullup e lo switch a massa.

    FreeFall lo ‘pullupperei’ :-)
    (dove va?)

    Per l’alimentazione puoi usare anche la soluzione senza regolatore, ma dipende dall’applicazione. Semmai ‘rinforza’ il condensatore principale su Vcc (C4)

    Anzi, ora che ci penso, potresti verificare se a diversi valori di tensione (sempre nel range ovviamente) l’uscita riporta gli stessi valori per gli stessi movimenti
    (sarebbe un bel test per Torex :-)

    Se devi fare un applicazione professionale, il regolatore ci andrebbe!
    (ora ti voglio vedere sulla scelta del regolatore piu adatto ;)

    #70989

    enaud
    Membro

    Ciao,
    allora A0 non ho capito se deve essere 1 o 0 quindi ho messo 2 resistenze;all’occorrenza sarà montata una o l’altra resistenza, quindi il loro valore è ininfluente. :)

    Vif dal datasheet (pg.6) mi dice che c’è un ritardo di almeno 10 ms; quindi ho messo un transitorio con una costante di tempo pari a 20 ms

    Per il pin 8, il reset, non ho capito se si resetta con l’1 o lo 0 logico e cmq metto una resistenza perchè se no è flottante, hai ragione :)

    La batteria che uso ho visto che ha come range 3V – 2V e siccome il dispositivo funziona fino a 2,2V avevo pensato che non ci volesse. Cmq per il regolatore penso ci vadi uno, ad esempio, che mandi in un uscita una tensione fissa di 2,5V, Cosa altro deve tenere in considerazione nella scelta del regolatore?

    #70990

    enaud
    Membro

    Penso che bisogna tenere in considerazione anche il micro perchè saranno entrambi alimentati dalla stessa batteria:

    il micro è questo:
    http://www.mediafire.com/file/r2xpo5qs3asf2vi/CSR1001 CS-216358-DS-2.pdf

    ho fatto un circuito tenendo conto anche del micro:

    http://www.mediafire.com/file/ebop3z9j85z4ljf/torex.pdf

    Sul micro il problema è sempre l’alimentazione che non so come regolarla e a quale valore tenendo conto anche dell’accelerometro.

    Poi non capisco come collegare i PIN6,52,25,24,50.

    ??

    #70995

    Emanuele
    Keymaster

    Non conosco questo micro,
    sinceramente mi aspettavo un Microchip/Atmel/Freescale/NXP/TI/ST/Silabs/etc. etc. :)

    Comunque dal grafico 5.1 si evince che l’eeprom può essere collegata senza pullup (saranno interni al micro) ma puoi lasciare le R e non montarle (non si sa mai)

    Per l’alimentazione del micro, segui la 7. Example Application Schematic
    sembra sia predisposto per alimentazioni a batteria (regolazione switching interna – Bene!)

    Il pin6 puoi metterlo a massa, come da schema. (Se non usi il wake up – ingresso che ‘risveglia’ il micro)

    Il Pin52 è normale pin I/O del micro che, se regolato come uscita, fornisce 3.6V (proprio quello che ci serviva!) Verifica che il carico di corrente sia OK e poi
    il VCC del sensore collegalo a questa sorgente di alimentazione :)

    pin24 e 25 sono due pin per la SPI che non usi.

    pin50 uguale

    considera che la SPI può essere usata per il debug del micro, verifica come verrà effettuato (debug e programmazione)

    #70996

    enaud
    Membro

    grazie 1000

    Premetto che il datasheet è fatto malissimo, ma ormai l’ho comprato e uso questo.

    sul datasheet dove dice che il pin 52 dà come uscita 3.6V se la batteria è da 3V?

    il pin 50 sembra che (pag.24) serve per abilitare il debug! Lo devo portare fuori pure questo oltre alle 4 spi che servono per la programmazione? (pin 39, 34, 31,28)

    Il micro non ha una flash interna ma solo una ROM e quindi per effettuare prove devo mettere una eeprom esterna come è indicato nell’esempio 7. Example Application Schematic.

    La eeprom avrà indirizzo 0 mentre l’accelerometro avrà indirizzo 1 ma lascio cmq l’opportunità di scegliere.

    Il VCC del sensore lo collego dunque al pin 52 che alimenta sia l’eeprom che l’accelerometro. Come verifico che il carico di corrente sia OK se sul datasheet non è specificato? :D :).

    Per il debug mi deve arrivare ancora il kit completo quindi lo verificherò dopo.

    Un ultima cosa è che non ho capito a cosa servono le AIO non avendo l’ADC collegato direttamente (dal datasheet dice che serve per la parte RF). Io vorrei fare un controllo, tramite le resistenze in basso R9 e R10, dove si prende la caduta di tensione su R10 e la si manda in ingresso ad un ADC e poi tramite software si fa un controllo sullo stato della batteria.

    Mi servirebbe dunque un ADC piccolissimo ad 8 bit, credo che siano sufficienti, per poi mandarlo in ingresso al micro ma come?

    Grazie

    #71010

    Emanuele
    Keymaster

    Sei sicuro che ne vale la pena?

    Continuare su questa strada?
    Non era forse l’occasione per studiare un micro ‘normale’ o al massimo un Arduino?

    P.S. l’uscita a 3V6 dipende dal fatto che il micro ha a bordo un dc-dc (°cosa del resto molto interessante, ma avrei sicuramente preferito la flash)

    #71012

    enaud
    Membro

    si oramai continuo su questa strada visto che li ho comprati e ho comprato anche la scheda ddi sviluppo..
    Cosa mi rispondi alle altre domande?

    Non capisco il pin 50! mi servirebbe poi un adc seriale ma non so come collegarlo e quale scegliere. Inoltre non capisco le porte AIO a che servono e se il carico è sufficiente..

    Potresti inoltre controllare lo schema che ho fatto e se è tutto ok? grazie.

    http://www.mediafire.com/?8156r864uc8ra61

    #71014

    Emanuele
    Keymaster

    Studiati bene la parte di boot, dove il micro legge il firmware (dalla I2C) perche sullo stesso bus sembra debba convivere anche il Torex (la cosa non mi piace per niente).

    Il pin50 sembra serva solo ad abilitare il debug tramite SPI forse è meglio metterci uno switch.

    Le AIO sono pin analogici, sia in ingresso (ad converter?) che in uscita (analog out?)
    di piu non riesco a capire dal datasheet.

    Ora Ti faccio io ora alcune domande :-)))

    1) Che tipo di applicazione stai realizzando: professionale, hobbistica o educational?

    2) Devi realizzare solo lo schema o anche il circuito stampato ed il firmware e poi anche la produzione. Quanti pezzi?

    3) Perche hai scelto questo micro?

    4) Hai provato a chiedere supporto alla casa madre? Ci sono distributori in Italia?

    In base alle tue risposte posso meglio aiutarti, perche la cosa non è semplice

    #71015

    enaud
    Membro

    sto facendo un applicazione hobbistica ma la vorrei fare di tipo professionale. Questo micro l’avevo comprato per un altra applicazione quindi userò questo.
    Per ora devo realizzare lo schema elettrico ed il PCB. Il codice lo scriverà assieme ad un mio amico che lo fa di professione :)
    Grazie

    #71035

    enaud
    Membro

    c 6 ancora?

    #71036

    Emanuele
    Keymaster

    Ciao,
    certo che ci sono :)

    La mia risposta è anche il consiglio più importante: cambia micro!

    Non posso però dirtelo ancora con fermezza, perche non hai risposto a tutte le mie domande del commento precedente…..

Stai vedendo 15 articoli - dal 1 a 15 (di 16 totali)

Devi aver eseguito l’accesso per poter rispondere a questa discussione.