Home Forum ELETTRONICA GENERALE Applicazioni domotiche e Souliss

Questo argomento contiene 5 risposte, ha 2 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Livio Cicala 2 anni, 8 mesi fa.

Stai vedendo 6 articoli - dal 1 a 6 (di 6 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #58788

    veseo
    Membro

    Apro questa discussione per proseguire il confronto partito dai commenti all'articolo sul progetto Souliss, relativi agli sviluppi futuri della domotica e le possibili implementazioni con le tecnologie attuali.

     

    Riprendo il discorso dell'illuminazione a LED, citando Livio: "

    Dalla direttiva della Unione Europea del 18 MARZO 2009:
    "….a settembre del 2011, toccherà alle lampadine da 60W, e infine, un anno dopo, a tutte le altre (da 40, 25 e 15 Watt). Dal settembre 2012 saranno immesse sul mercato solo lampade di efficienza energetica A, B o C, indipendentemente dalla loro potenza"

    Fino al 2016 sara' ancora possibile usare le costose alogene allo "xenon" in classe "C" poi via anche quelle, solo più classe "A" e "B" (LED e Fluorescenti)

    Per cui, visto che le fluorescenti non si regolano, tra qualche anno da "dimmare" resteranno solo i LED.

    Negli anni scorsi stavo progettando dimmer per lampade a incandescenza da pilotare in PWM, ho molta esperienza in questo campo, perché già nel 1981 costruivo dimmer per impianti da discoteca pilotati in rete, se vuoi ti mando delle idee su come farli ma ho interrotto il progetto a causa di questa direttiva europea. Ti consiglio quindi di fare come me e passare direttamente ai dimmer per LED.

    Tra breve i LED costeranno meno delle fluorescenti e già le superano con una efficienza almeno doppia, per cui tra poco spariranno anche le fluorescenti. Inoltre i LED non contengono sostanze tossiche (mercurio ad esempio) e i dimmer per led non fanno disturbi radio.

    E poi con i led e' possibile ottenere oltre al "dimming" anche ogni colore possibile."

     

    Anche io sono orientato ai LED, sicuramente più efficienti delle attuale soluzioni per l'illuminazione. Credo che la soluzione migliore per interfacciare un impianto d'illuminazione a LED con un sistema domotico, Souliss o altri, sia quello di utilizzare degli alimentatori regolabili in corrente.

     

    Attualmente non ho trovato moduli che permettessero l'interfacciamento con sistemi esterni, ad esempio attraverso un output analogico, ma solo alimentatori con regolazione fatta attraverso un potenziomentro. Quindi sarebbe necessario intervenire sull'alimentatore, con conseguente perdita della certificazione e garanzia del produttore.

     

    Saluti,

    Dario.

     

    #71357

    Livio Cicala
    Membro

    Grazie di aver aperto un argomento.

    Riguardo ai dimmer per LED ce ne sono di gia’ fatti che costano abbastanza poco e li puoi comprare da Farnell (o in alcuni negozi come Pinto a Torino che vendono Farnell).
    Per vedere come usarli puoi prendere come riferimento le note che ho scritto io qui: “http://www.theremino.com/hardware/actuators” al terzo capitolo: “Drivers per led a corrente costante” Questi alimentatori partono da un segnale PWM e potrebbero andarti molto bene pero’ ci vuole anche un pre-alimentatore da 12/24 volt

    Altrimenti e’ possibile partire direttamente dal 220, ho in costruzione alcuni progetti per alimentare 64 led da 20mA direttamente dal 220 con un mosfet e pochi pezzi intorno, ti posso mandare gli schemi e le mie simulazioni ma sono ancora dei prototipi da provare a lungo prima di poterti assicurare che funzionano come si deve.

    Probabilmente a cercare bene in rete esiste qualcosa di gia’ pronto, in ogni caso si deve ottenere la corrente variabile con un circuito switching in modo da mantenere almeno il 90% di efficienza, io preferirei partire direttamente dal 220 ma anche la soluzione con pre-alimentatore a 12 o 24 volt ha i suoi vantaggi (piu’ costosa ma ci sono meno pericoli durante le sperimentazioni)

    Come ho scrito nei precedenti post, per la domotica attenderei ancora un certo tempo,
    che le tecnologie maturino e che i costi (anche dei led) diventino adeguati.

    Ciao
    Livio

    #71358

    Livio Cicala
    Membro

    Dimenticavo,
    per tutti carichi che non devono essere regolati come la pompa dell’acqua calda, il boiler etc… ti consiglio vivamente i rele’ a stato solido che puoi vedere sempre nella pagina: “http://www.theremino.com/hardware/actuators” nel capitolo: “Relè a stato solido”

    Per dispositivi on/off prendi solo modelli “zero crossing” che non fanno disturbi al momento della accensione e costano meno.

    Naturalmente tutti i miei consigli sui rele’ statici e anche sui dimmer valgono anche per Arduino.

    ciao
    Livio

    #71359

    veseo
    Membro

    Ciao Livio,

    normalmente non sono avvezzo all’utilizzo dei relé a stato solido, perché richiedono dissipatori di dimensioni notevoli e quindi creano problemi di ingombro.

    Relativamente ai LED, normalmente preferisco le soluzioni con alimentatore AC/DC a monte e regolatore di corrente a valle. Purtroppo, ed era questo il punto su cui volevo focalizzarmi, quelli normalmente in commercio non sono predisposti per accettare il segnale di regolazione dall’esterno.

    I modelli più comuni prevedono un trimmer o un telecomando a 433MHz per la regolazione dell’intensità luminosa, ma non un ingresso analogico. Sarebbe possibile modificarli per ottenere l’integrazione con una scheda di sviluppo, ma ciò comporterebbe problemi con certificazioni e garanzie.

    Tu conosci regolatori che supportino un ingresso analogico?

    Saluti,
    Dario.

    #71362

    Livio Cicala
    Membro

    RELE
    I relè a stato solido che ti ho indicato sono quanto di meglio puoi trovare per i carichi on/off, costano un po’ ma ti danno una sicurezza di isolamento assoluta e SCALDANO MENO di qualunque altro dispositivo a stato solido. Non farti ingannare dalla spessa piastra di dissipazione che hanno sotto, se non li tiri per il collo basta la loro piastra integrata e stanno freddi o appena tiepidi. (non considero nemmeno i relè meccanici perché sono orribili, fanno click-clack e durano poco)

    DIMMER PER LED
    Il modello di dimmer per LED che ti ho indicato E’ REGOLABILE, non con una tensione variabile, ma in PWM(che non dovrebbe essere un problema per l’Arduino). Forse ti è sfuggito, lo trovi da Farnell – LDU0830S350 – Farnell 1738292 – Circa 9 euro

    DIMMER CLASSICI
    Questa interessante discussione mi ha fatto rivalutare il progetto del dimmer. Probabilmente sono stato troppo drastico a decidere di abbandonarlo per i led. Anche perché un buon dimmer continuerà ad essere usabile con le alogene per almeno quattro anni, e rimarrà sempre necessario, ad esempio per i forni termostatici, i riscaldatori per processi chimici e anche per alcune tipologie di motori.
    E, visto che serve anche a noi, ho deciso di finirlo. Quindi tra breve ti manderò uno schema di massima. Se tu hai tempo di fare il firmware(PIC-MPLAB) potresti affrettare un po’ il progetto altrimenti lo finirò io (circa un mese) e poi ti manderò PCB e schemi.
    Da anni studio come farlo ed ho pronta una architettura semplicissima, a basso costo, con ottimo isolamento e molto affidabile, non troverai niente di simile in commercio.

    ciao
    Livio

    #71355

    Livio Cicala
    Membro

    Caro Veseo

    Ho trovato i dimmer commerciali esattamente come da tue richieste.

    Pilotaggio: DC Voltage
    Potenza max: 750 Watt
    Costruttore: Velleman

    Velleman fa buoni prodotti, sempre open, con tutti gli schemi, uso da tempo il loro oscilloscopio per PC e va benissimo.
    —————————————————-

    http://www.vellemanusa.com/products/view/?country=us&lang=enu&id=521945

    http://www.vellemanusa.com/downloads/0/illustrated/illustrated_assembly_manual_k8064.pdf

    —————————————————-

    Nella attesa che io finisca il super dimmer puoi comprare questi presso Futura Elettronica (purtroppo un po’ cari – 26 euro), vai su: http://www.futurashop.it/ e cerca 8064

    ciao
    Livio

Stai vedendo 6 articoli - dal 1 a 6 (di 6 totali)

Devi aver eseguito l’accesso per poter rispondere a questa discussione.