Home Forum ELETTRONICA GENERALE Celle Seebeck e componenti Linear Technology

Questo argomento contiene 3 risposte, ha 2 partecipanti, ed è stato aggiornato da  gippo80 2 anni, 9 mesi fa.

Stai vedendo 4 articoli - dal 1 a 4 (di 4 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #58543

    gippo80
    Membro

    Salve a tutti,
    avrei alcune domande su un progettino che sto portando avanti…
    Vorrei cercare di produrre dell’energia elettrica utilizzando una cella seebeck (TEG) e come fonte di calore una piccola fiamma.
    Ho letto proprio su questo sito alcune recensioni di componenti della Linear Technology riguardo all’energy harvesting (tipo: http://it.emcelettronica.com/energy-harvesting-ltc3108-trovato-lanello-mancante, http://it.emcelettronica.com/ltc3108-convertitore-step-bassa-tensione-applicazioni-di-energy-harvesting e http://it.emcelettronica.com/energy-harvesting-come-produrre-energia-dallambiente-design-note-linear) e mi chiedevo se uno di questi (come ad esempio LTC3108 o LTC3588) potesse fare al caso mio…
    Il miei dubbi sono i seguenti:

    – avendo a disposizione una fiamma praticamente sempre in uscita riuscirei ad avere una corrente costante? (considerando che il modulo TEG podurrebbe continuamente elettricità)

    – ho letto che è possibile collegare ad un ingresso un accumulatore che supplisca l’eventuale carenza di energia in ingresso… ma questo accumulatore viene caricato sempre o quando scende sotto una certa soglia?

    – per il sistema di controllo di alcuni parametri faccio uso di un microcontrollore; potrei utilizzare l’uscita dedicata (a 2,2 volt) per alimentare il microcontrollore ma mi domandavo, quando il sistema parte per la prima volta la tensione per alimentare il microcontrollore la prende dall’accumulatore? (non essendoci ancora fiamma e quindi con modulo TEG ancora freddo)

    Scusate se faccio tutte queste domande ma sono un po confuso se in effetti uno dei componenti sopra citati possano fare al caso mio…
    Sperando in un vostro aiuto ringrazio tutti anticipatamente. :)

    #70769

    Emanuele
    Keymaster

    Salve Gippo, molto interessante questa applicazione.

    Posso ripsonderti io in prima battuta, per poi cercare di coinvolgere dei FAE Linear Technology approfondendo eventuali problematiche.

    Gli integrati energy harvesting sono progettati per essere inseriti in circuiti dove l’ingresso è float, ma l’uscita potrà essere mantenuta costante. Anche tramite un accumulatore, è possibile gestire i tempi di assorbimento/accumulo. Le soglie possono essere gestite. Per lo stratup potresti valutare una batteria tampone del tipo a bottone (servirà pochissima energia) oppure valutare un accumulatore carico in partenza.

    Spero di esserti stato di aiuto almeno in una fase preliminare. Cosidera sempre che siamo in un campo sperimentale e quindi sarà poi la tua esperienza a essere documentata.

    #70783

    gippo80
    Membro

    Intanto grazie per la risposta… :)

    Mi chiedevo proprio come gestire i tempi e le soglie di carica dell’accumulatore…

    in particolare mi sto concentrando su 3 integrati in particolare ovvero ltc3105/3108/3588

    Ho letto che in teoria quello specifico per l’utilizzo con moduli seebeck sarebbe il 3108 però forse potrei utilizzare anche gli altri 2 avendo a disposizione una fiamma e quindi un ingresso ben + alto dei 20mV minimi indispensabili… penso di poter arrivare anche al volt senza problemi… questo probabilmente mi eviterebbe di utilizzare il trasformatore in ingresso…

    Aspetto qualche altro consiglio/chiarimento… anche perchè vorrei comprare un dei componenti sopra citati e non vorrei prenderne uno che poi risulta errato per il mio uso…

    Grazie… :)

    #70807

    gippo80
    Membro

    Nessuno che mi possa dare una mano?? :(

Stai vedendo 4 articoli - dal 1 a 4 (di 4 totali)

Devi aver eseguito l’accesso per poter rispondere a questa discussione.