Home Forum Scrivi una domanda di elettronica Collegamento pannellino fotovoltaico ventola pc

Questo argomento contiene 2 risposte, ha 2 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Conte Sa 5 mesi, 2 settimane fa.

Stai vedendo 3 articoli - dal 1 a 3 (di 3 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #60637

    Conte Sa
    Membro

    Ciao a tutti; mi chiamo Francesco e sono un assoluto dilettante in elettronica (ed in molte altre materie), ma mi diletto nella costruzione di "cose" che hanno una finalità (penso) utile.

    Mi sono appena iscritto per chiedere aiuto su un collegamento che non riesco (con le mie poche basi) a completare.

    Un riscaldatore ad aria autocostruito allo scopo di scambiare aria calda con l'interno di una seconda abitazione e ridurre l'umidità che si forma nei lunghi periodi di assenza, è dotato semplicemente di un pannellino fotovoltaico necessario ad attivare una piccola ventola recuperata da PC.

    Questo deve avvenire solo e solamente quando il sole colpisce pannello e radiatore in modo che l'aria spinta all'interno sia un po' calda; per questo sono convinto che un semplice collegamento diretto PANNELLO/VENTOLA sia perfetto. Infatti tutto funziona quasi alla perfezione.

    Quasi perchè il pannello ben illuminato riesce ottimamente a far andare la ventola (in proporzione alla corrente prodotta aumenta la velocità o si riduce; sempre però senza stressarla) ma non ha la forza/potenza per farla partire (corrente di spunto?). Naturalmente questo rende inutile il sistema che dovrebbe essere autonomo.

    Non vorrei dire ca…volate, ma magari basta poter condensare inizialmente un po' di energia (scusate i termini ma sono un profano) in modo da dare alla ventola lo spunto senza ricorrere a batterie ricaricabili e conseguente stabilizzatore di tensione per la ricarica. Batterie che poi andrebbero gestite per evitare che attivino la ventola senza il sole.

    Continuo a chiedere perdono per la mancanza di tecnicismo ma spero di essere riuscito a spiegare il mio pensiero.

    Confidando nel vostro aiuto, indico le caratteristiche che leggo sui componenti utilizzati se possono essere utili:

    Pannellino fotovoltaico

    Modulo    MP-10W
    Pmax        10W
    Tolerance    3%
    Max Current    0,56 A
    Max Voltage    18 V
    Short Circuit    0,67 A
    Open Circuit    22,18 V

    Ventolino PC

    ORIX DC BRUSHLESS
    DC  12 V – 0,46 A

    #75572

    etti
    Membro

    Ciao ci sono dei problemini;

    Pannellino in pieno irraggiamento produce 18V e 0,56A anche se ne dubito ma metti 16V, ma il ventolino 12V 0,46A circa 5,5w (abbiamo un estintore), poi tra Pannellino e ventolino un bel diodo schottky in serie non guasta mai.

    Si potrebbe usare un circuito semplice come; pannellino al positivo collegato con in serie a un diodo schottky e collgato alla batteria e al ventolino per avere anche sufficiente energia per vincere lo spunto o l'avvio in genere una corrente molto alta che certamente supera quella generata dal pannellino, la batteria a 12V, il meno o massa in comune, problemino pannello 18V e batteria 12V, potrebbe anche andare bisogna sempre calcolare correnti e tensioni in gioco, ma la ventola così va sempre, senza contare che si rischia di scaricare troppo la batteria di notte o quando c'è poco irraggiamento per ricaricare la batteria.

    Per avere un panorama completo alle tue richieste dovresti fornire alcuni dati, del tipo:

    ubicazione dell'impiantino a solo scopo per sapere il fattore di irradiazione giornaliera ESH, che ti servirà per tarare anche il sensore luce e in base alla stagione. al di la che ci sia o meno qualcosa che ti mette il moto la ventola di giorno "fototransistor", serve anche  sapere la durata di funzionamento della ventola per valutare la batteria che alimeterà sia il dispositivi; di controllo luce, di carica della batteria, oltre il circuito di funzionamento della ventola e la ventola stessa. il controllo di carica ti serve per staccare il pannellino dalla batteria quando è carica altrimenti la carica completa  potrebbe guastare la bateria stessa, e di staccare la ventola quando la batteria è troppo scarica o a una certa soglia minima per perservarla.

     

    #75582

    Conte Sa
    Membro

    Grazie infinite intanto soprattutto per il tuo interessamento.

    Il pannellino riporta max 18 v ma me lo hanno venduto come kit piccolo di base x camper per utenze 12 V solo che era un po' leggerino con soli 0,56 A ma dato che la ventola me ne chiedeva poco meno, pensavo andasse bene.

    Dici che così la ventola si surriscalda ed è veramente a rischio fuoco? Devo inserire qualche resistenza? Quando la faccio partire manualmente (con una spintarella) poi va bene da sola fino al tramonto.

    Quale è la funzione del diodo schottky che dici?

    Volevo evitare batteria di accumulo e conseguente  stabilizzatore di carica, così come fototransistor o timer per farlo andare solo col sole, poichè già il pannello di per se fa funzionare la ventola solo quando è irradiato. E questo va benissimo.

    Unico problema la corrente di spunto richiesta dalla ventola che non ho idea di quanto debba essere.

    Non sono i condensatori quelli incaricati ad accumulare corrente per poi rilasciarla di colpo? Serve un circuitino che faccia questo?

    Nel frattempo mi sono procurato un pannello più potente (20 W) cercando di vincere lo spunto ma a questo punto non so se aumento il rischio di surriscaldamento.

    Non ho modo di provarlo prima di un mese perché il tutto si trova alla casa al mare ma non so se sto andando nella giusta direzione.

     

    Grazie ancora dell'attenzione e dell'aiuto!

Stai vedendo 3 articoli - dal 1 a 3 (di 3 totali)

Devi aver eseguito l’accesso per poter rispondere a questa discussione.