Home Forum Scrivi una domanda di elettronica contatti magnetici

Questo argomento contiene 9 risposte, ha 2 partecipanti, ed è stato aggiornato da  pm74 2 anni, 8 mesi fa.

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 10 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #58728

    pm74
    Membro

    Salve a tutti , complimenti per il sito . Ho un problema con un impianto di allarme .
    Ho a disposizione solo una zona della centrale e dovrei collegare 10 contatti magnetici di altrettanti accessi . Mettendoli in serie , ovviamente, risolvo il problema .In caso di intervento però ,io non saprò mai quale dei 10 accessi si è aperto . Non ho possibilità di passare nuovi cavi . Ci sarebbe un modo di indirizzare i contatti a dei led ? Così magari associo ogni contatto al suo led . Avevo pensato anche di mettere delle resistenze per ogni contatto e in fine alla serie mettere arduino che mi possa leggere i differenti valori di resistenza ed alimentare il led a seconda del valore letto .

    #71244

    illupo89
    Partecipante

    ma i sensori li hai già in serie o vicino alla centralina puoi portare i fili di tutti separati?
    ps. come intendi mettere le resistenze?

    #71254

    pm74
    Membro

    non ho spazio per poter passare un filo per ogni sensore , quindi sono obbligato a collegarli in serie , questo non sarebbe un problema , ma se dovesse intervenire una delle zone non saprò ma quale sia.

    A questo indirizzo puoi trovare lo schema per le resistenze http://img560.imageshack.us/img560/1756/schemaw.jpg

    Questo è un esempio a 4 contatti , allora se dovesse intervenire il contatto C1 , avremo ai capi A-B un valore di resistenza R1 , mentre se dovesse intervenire il contatto C4 , avremo ai capi A-B un valore di resistenza pari a R1+R2+R3+R4 .In posizione di normalità avremo una resistenza uguale a zero ,grazie alla chiusura presente dopo l’ultimo contatto .
    Ora se i capi A-B li andrei a collegare ad un ingresso di un pic , e gli dico, “quando leggi questo valore di resistenza R1 ,accendimi il led L1″ (collegato ad un’ uscita del pic stesso) , quando leggi R2 accendimi L2 ……e così via .Ovviamente un’altra uscita del pic sarà un contatto NC , che si apre con la lettura di qualsiasi resistenza ,da mandare alla centrale .

    Spero di essere stato chiaro……

    #71255

    illupo89
    Partecipante

    si sei stato chiaro ma ciò che hai scritto non è completamente corretto le spiego:

    Innanzitutto ipotizzo che i contatti sono normalmente chiusi e quando vengono attivati essi si aprono.

    L’errore sta in “mentre se dovesse intervenire il contatto C4 , avremo ai capi A-B un valore di resistenza pari a R1+R2+R3+R4″ in realtà le resistenze sono in parallelo quindi il valore della resistenza 1/((1/R1)+(1/R2)+(1/R3)+(1/R4))=R/4 (SE LE R1=R2=Rn) questo comporta una difficoltà lievemente maggiore ma certamente possibile se hai un po di conoscenza dei microcontrollori.

    Quindi io ti consiglio di mettere tutte R uguali cosi quando si apre il contatto n la Rab=R/n inoltre ti consiglio di usare delle resistenze non troppo piccole se i cavi sono lunghi.

    ps tale soluzione va bene se il numero di contatti è ridotto(<6)altrimenti diventa difficile poi distinguere i vari valori di resistenza.

    #71260

    pm74
    Membro

    grazie illupo,
    allora , diciamo che ora le cose sono cambiate , sono riuscito nel passare i cavi .Quindi ora in centrale ho i cavi dei 10 contatti.
    Ora , l’uscita è una , collegandoli in serie riesco ad allarmare le porte , ma non riesco a capire quale si sia aperta . Vorrei fare un pannellino con 10 led ed associarli ad ogni porta . Con dei relè la cosa è semplice ma , considerando che questo è un impianto di allarme e potrebbe funzionare senza energia elettrica, quindi con le batterie , mi assorbirebbe tanta corrente .Ci sarebbe un modo in elettronica (magari con arduino , con dei pic ….)?

    PS non sono molto pratico di microcontrollori .

    #71269

    illupo89
    Partecipante

    a questo punto esistono diverse vie possibili sia a microcontrollore che puramente elettronici a microcontrollore diventa tutto più semplice ma devi avere un minimo di basi.
    Arduino secondo me è sprecato per un’applicazione del genere mentre per la soluzione puramente elettronica non è difficilissimo fare quello che chiedi naturalmente per pensare un progettino dovresti dare qualche specifica in più soprattutto sull’alimentazione e sulla corrente/tensione del contatto che va all’antifurto .

    #71271

    pm74
    Membro

    -la tensione è di 12v cc ,
    -la corrente come dicevo prima dovrebbe essere quanto più bassa possibile ,
    -il contatto che dovrà andare alla centrale sarà un contatto nc pulito , senza alimentazione .
    -L’eventuale pannellino con il 10 led dovrà avere un pulsante di reset , quindi nel momento in cui dovesse intervenire una zona , il led resterà acceso fino a quando non faccio il reset .
    -i contatti magnetici sono con un NC e un NO con un polo comune .
    -l’alimentazione di questo modulo verrà effettuata quando inserirò l’antifurto , in modo da lasciarlo a riposo quando lo stesso è disinserito .

    #71272

    illupo89
    Partecipante

    quindi sono solo 2 contatti?

    #71273

    pm74
    Membro

    scusa , allora rettifico i contatti magnetici hanno solo un contatto NC

    #71274

    pm74
    Membro

    i contatti ne sono 10 e l’uscita della centrale è solo una.

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 10 totali)

Devi aver eseguito l’accesso per poter rispondere a questa discussione.