Home
Accesso / Registrazione
 di 

Controllo pulsante - PREMUTO o NON PREMUTO?

6 risposte [Ultimo post]
ritratto di Ivan Scordato
Offline
Titolo: PowerUser
Utente Power
Ultima visita:
17 ore 15 min fa
Utente dal: 30/09/2012
Messaggi: 380
Utente PREMIUM

Buon giorno a tutti,
Ho bisogno di una mano per un piccolo dubbio, o meglio perchè non so come fare qualcosa.
Sto lavorando ad un piccolo progettino con Arduino che deve "accorgersi" quando un pulsante è schiacciato.
Fin quì tutto ok, però dal pulsante passeranno 220v e non 5v.
Avevo pensato di collegare un relè al pulsante, ma un relè a 220v... mi sono ravveduto subito :D
La mia domanda è: cosa potrei utilizzare per comunicare ad arduino che il pulsante è schiacciato?
Ho sentito in giro chi parlava di rubacorrente, ma una soluzione più moderna quale potrebbe essere?

Grazie a tutti coloro che mi possono aiutare.
A presto,
Ivan

ritratto di adrirobot
Offline
Titolo: PowerUser
Utente Power
Ultima visita:
7 ore 12 min fa
Utente dal: 04/06/2013
Messaggi: 113
Utente PREMIUM
Possibile soluzione

Certamente l’interfacciamento di Arduino con il mondo digitale con livelli 5V è semplice.
Anzi, ultimamente si è passati dai normali 5V ai 3,3V di Arduino DUE, o della Raspberry Pi.
La tua richiesta però non è strana, se si vuole per esempio usare Arduino nel campo della Domotica, ci si deve confrontare con la tensione di 220 V.
Ho cercato un po’ in rete, dove l’argomento è stato trattato in vari Forum.
Tra i tanti schemi ne ho trovato uno che forse fa’ al caso tuo.
http://www.simple-electronics.com/2012/02/isolated-ac-power-line-interface.html
In pratica il circuito a 220 V è disaccoppiato dal circuito digitale tramite il foto accoppiatore che pilota il transistor su cui è disponibile il segnale per l’ingresso digitale di Arduino.
Altre soluzioni poi prevedono anche trasformatori per ridurre la tensione di 220 V a valori più ragionevoli e utilizzano ponti raddrizzatori per avere una corrente continua, con cui alimentare un partitore che riduca la tensione ai fatidici 5 V.
Ma la soluzione proposta mi sembra più tecnica.

ritratto di illupo89
Offline
Titolo: User++
Utente++
Ultima visita:
2 settimane 6 giorni fa
Utente dal: 04/01/2012
Messaggi: 65
Utente PREMIUM
ciao un'altra soluzione che

ciao un'altra soluzione che puoi utilizzare è un sensore di hall.
Non so quanto ne sai sull'argomento comunque esso è un misuratore di corrente in particolare fornisce una tensione tra 2 terminali proporzionale alla corrente che scorre in altri due terminali.
Se esso lo colleghi in serie tramite i terminali di sensing al pulsante rilevi il passaggio di corrente e con un po di elettronica dovuta all'uso di segnali alternati rilevi quando scorre corrente.

scusa perché dici :" ma un relè a 220v... mi sono ravveduto subito :D" un relé a 220V lo trovi in qualsiasi ferramenta o dovunque online anche per circuiti stampati. Secondo me questa è la migliore soluzione sia economicamente che rispetto alla complessità.

ritratto di Ivan Scordato
Offline
Titolo: PowerUser
Utente Power
Ultima visita:
17 ore 15 min fa
Utente dal: 30/09/2012
Messaggi: 380
Utente PREMIUM
novità

Innanzi tutto ringrazio ad entrambi per le risposte che mi avete dato :)
A me servirebbe una soluzione molto compatta in quanto non ho a disposizione molto spazio, perciò come ho scritto avevo pensato ad un relè che funzionasse a 220v, ma non l'ho trovato...
Potresti indicarmi un link? Grazie..

Interessante il sensore di hall!
Mi sono documentato un po e sarebbe anche una valida soluzione, soltanto che il relè sarebbe una soluzione ancor di più compatta.
Lo stesso discorso vale per la soluzione proposta da adrirobot, infatti avrei bisogno di un po di elettronica in più e perciò occuperebbe un po troppo spazio ma adesso vedo un po le dimensioni di un trasformatore, chissà :)

Vorrei poter collegare tutto su un unico circuito

A presto,
Ivan

ritratto di Ivan Scordato
Offline
Titolo: PowerUser
Utente Power
Ultima visita:
17 ore 15 min fa
Utente dal: 30/09/2012
Messaggi: 380
Utente PREMIUM
novità2

Come ho scritto avrei controllato se le dimensioni di un trasformatore USB andassero bene.
Allora:
Ho aperto un trasformtore USB 5v (Per intenderci quello che si può acquistare alle bancarelle dei cinesi a 2 €) e ho constatato che le dimensioni del circuito interno al trasformatore sono abbastanza piccole!
Infatti è circa 5x3 cm
Ecco cosa penso di fare:

-Dissaldare i fili che collegano la board alla spina
- Collegare un filo al pulsante e l'altro filo a massa (uno vale l'altro giusto?)
- collegare i 5 v della presa USB nel seguente modo (http://www.mauroalfieri.it/elettronica/arduino-led-pulsante.html)
- Programmare Arduino e
Come pensate che potrebbe essere questa soluzione?

Ringrazio in anticipo chi risponderà.

A presto,
Ivan

ritratto di illupo89
Offline
Titolo: User++
Utente++
Ultima visita:
2 settimane 6 giorni fa
Utente dal: 04/01/2012
Messaggi: 65
Utente PREMIUM
Cosi non può funzionare!!! Il

Cosi non può funzionare!!! Il trasformatore visto tra i due terminali del primario si comporta come un'impedenza quindi collegandolo in parallelo all'interruttore lo "mette in corto" facendo funzionare perennemente il carico.
Il collegamento corretto è in serie all'interruttore naturalmente trattandosi di corrente alternata non conta il verso che comporta solo uno sfasamento della tensione sul secondario che viene poi raddrizzata e quindi "annullato".
Per il collegamento con arduino non ho capito lo schema ma non devi far altro che collegare le masse a comune e rilevare i 5V sul terminale positivo che ti segnalerà la chiusura del pulsante.
Su questo è inutile che mi dilungo saprai sicuramente come fare.

ritratto di Ivan Scordato
Offline
Titolo: PowerUser
Utente Power
Ultima visita:
17 ore 15 min fa
Utente dal: 30/09/2012
Messaggi: 380
Utente PREMIUM
Ciao ho esattamente

Ciao ho esattamente intenzione di fare così, probabilmente ho sbagluato a scrivere.
Grazie mille :)

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ultimi Commenti