Home Forum Scrivi una domanda di elettronica controllore per brushless + sensori vari

Questo argomento contiene 4 risposte, ha 3 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Cristi 3 anni, 4 mesi fa.

Stai vedendo 5 articoli - dal 1 a 5 (di 5 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #57909

    Cristi
    Membro

    salve a tutti, volevo sapere se avete qualche dritta su come selezionare e configurare un controllore che regoli un motore brushless e che riceva segnali da diversi sensori e li trasmetta a un secondo dispositivo. mi rendo conto che la domanda è molto generica e poco dettagliata; qualsiasi consiglio o dritta sarà molto utile. è il primo approccio a questo genere di cose..

    #69437

    linus
    Membro

    può essere anche un motore asincrono essendo il termine brushless indicante che il motore è privo di spazzole, (anche se in gergo tecnico viene categorizzato come motore a magneti permanenti) che può essere regolato tramite inverter se si vuol regolare la velocità, ma può essere pilotato anche da un plc e da i più svariati sensori e tramite una dinamo tachimetrica o encoder trasmettere dei segnali.

    I normali motori brushless hanno bisogno di un controller che solitamente è fornito da produttore, se sei nell’ambito del fai da te, puoi utilizzare un vecchio lettore di FD, dove troverai tutta l’elettronica necessaria.

    #69449

    lucagiuliodori
    Partecipante

    Oltre a quello che ti ha suggerito “linus”, se ti serve un controllo per motori Brushless più “grossolano”, puoi adottare la tecnica di “taglio dell’onda” con l’utilizzo dei triac. Si trovano molti documenti a riguardo in rete.

    Poi per quanto riguarda i segnali di ritorno dovresti implementare un algoritmo su un mircocontrollore che realizzi il funzionamento che desideri.

    Se ti serve un controllo più preciso della rotazione del motore (velocità e posizione angolare) so che ci sono tecniche che coinvolgono calcoli matriciali ma se non è il tuo caso ti consiglio di adottare un’altra soluzione.

    Facci sapere.

    #69463

    Cristi
    Membro

    il mio problema fondamentale è che questo dispositivo alla fine deve essere piccolo e impiantabile in ambiente fisiologico (è un progetto per una tesi) quindi mi serve qualcosa che sia preciso e affidabile, con basse potenze e che non si riscaldi troppo (temperatura massima 40°)

    #69441

    lucagiuliodori
    Partecipante

    Bene, non avevo capito che si trattava di un’applicazione “a bassa potenza” (e quindi credo anche con bassa tensione).

    Dipende tutto dalle potenze in gioco e comunque dai maggiori dettagli che mi hai dato ho potuto intuire che le tensioni e le correnti in gioco sono basse oltre che essere in continua giusto? A tal proposito credo l’utilizzo dei mosfet sia la scelta più indicata (devono essere opportunamente scelti in modo che riescano a supportare la corrente richiesta dai motori).
    Non conosco il tipo di motori che devi pilotare ma comunque sia ti serve di sapere il modo con cui devono essere pilotati (solitamente ogni costruttore rilascia il datasheet in cui sono contenute le specifiche di controllo) in modo che, con un’opportuna logica di controllo (per esempio con un microcontrollore), puoi riuscire a pilotare i MOSFET nel modo giusto e quindi a controllare il tuo motore.

Stai vedendo 5 articoli - dal 1 a 5 (di 5 totali)

Devi aver eseguito l’accesso per poter rispondere a questa discussione.