Home Forum ELETTRONICA GENERALE Convertitori di segnali

Questo argomento contiene 1 risposta, ha 2 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Giorgio B. 4 mesi fa.

Stai vedendo 2 articoli - dal 1 a 2 (di 2 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #60744

    DMA
    Membro

    Salve a tutti, avrei bisogno di aiuto con queste domande:

    1) La modulazione PWM è:

    a – Una modulazione di ampiezza;

    b – Una modulazione di portante digitale;

    c – Una modulazione di portante analogica;

    d – Una modulazione di fase.

     

    2) Si utilizza la conversione da V->f per:

    a – trasportare una corrente;

    b – per utilizzare un segnale analogico;

    c – per trasportare un segnale a lunga distanza;

    d – per condividere due segnali.

     

    3) Nella convesione da V->I, in uscita:

    a – si ottiene un segnale alternato;

    b – si ottiene un segnale analogico;

    c – si ottiene un segnale digitale;

    d – si ottiene un segnale di corrente.

     

    4) Nella conversione da f->V, il segnale di ingresso:

    a – vale 256;

    b – deve essere un segnale alternato;

    c – deve essere un segnale negativo;

    d – è un segnale ad onda quadra;

     

    5) Il BPW34 è un trasduttore:

    a – da luminosità a corrente;

    b – da luminosità a tensione;

    c – da resistenza a capacità;

    d – da temperatura a corrente.

     

    6) La Risoluzione di un trasduttore:

    a – è una caratteristica poco utile;

    b – si implementa nei convertitori A/D;

    c – la minima variazione del segnale in uscita rispetto al fondo scala;

    d – la caratteristica di riproduzione di un segnale;

     

    Se non sbaglio le risposte sono:

    1) B

    2) B

    3) D ma non ne sono sicuro, credo sia un tranello

    4) D

    5) A ma sono tentato dalla B

    6) Risoluzione o potere risolutivo di un trasduttore, è la minima variazione della grandezza di ingresso che causa una grandezza elettrica in uscita se non sbaglio, ma non so rispondere alla domanda, forse è C

     

    Grazie in anticipo per l'aiuto

    #75699

    Giorgio B.
    Partecipante

    Allora:

    1) B, ed è facile ;)
    2) B
    3) D ma più che altro perchè la corrente è proporzionale al valore della tensione in ingresso.
    4) D, giusto.
    5) A, si tratta di un fotodiodo di tipo pin per cui trasforma gli eventi “incidenza” dei fotoni in corrente per effetto della ricombinazione.
    6) è la C ma è formulata in maniera un po’ strana.

    Bravo.

Stai vedendo 2 articoli - dal 1 a 2 (di 2 totali)

Devi aver eseguito l’accesso per poter rispondere a questa discussione.