Home
Accesso / Registrazione
 di 

Digital IC Tester

5 risposte [Ultimo post]
ritratto di Marven
Offline
Titolo: PowerUser
Utente Power
Ultima visita:
14 settimane 1 giorno fa
Utente dal: 14/04/2013
Messaggi: 146
Utente PREMIUM

Buongiorno
Quando avevo la fortuna di lavorare, ricordo che utilizzavo spesso un Tester IC Digital per controllare il corretto funzionamento di tutti i vari IC della serie 74xxx e 40xx oltre ad alcune memorie...
Questo tester era gestito da un microprocessore (non ricordo quale, aveva un paio di 74xx oltre ad un display a cristalli liquidi, qualche pulsante e uno zoccolo ad inserzione zero.

Mi è venuta la folle idea di progettarne uno simile ma ho qualche dubbio sulla gestione, ovvero su come controllare i vari piedini dell'IC da testare.
Intanto credo che si potrebbero memorizzare in una eprom, i vari datasheet per la piedinatura ed altro, in modo da avere il punto di riferimento per un confronto... e poi... sono andato in "stallo" :-)

Intanto spiego come mai mi è venuta in mente questa idea:
visto che per moltissimi anni sono stato uno sperimentatore incallito, adesso mi ritrovo nei cassettini, quantità industriali di componenti elettronici, credo da fare invidia a qualche piccolo negozio :-)
Siccome non credo di essere il solo in questa situazione, se il progetto è fattibile, potrebbe interessare diverse persone.

Voi che ne pensate? è un idea da togliere dalla testa?

ritratto di avalle
Offline
Titolo: User+
Utente+
Ultima visita:
2 giorni 13 ore fa
Utente dal: 14/09/2009
Messaggi: 11
Utente PREMIUM
Non è un'idea balzana

Un IC tester non è un'idea balzana, tanto che esistono sul mercato apparati anche professionali di questo tipo.
Ho scritto "professionali" apposta perché le funzioni e la qualità diventano discriminanti per un apparecchio del genere. In fondo ti serve quando devi determinare che integrato sia un chip a cui è stata limata la superficie oppure sapere se funziona un apparato noto.
Se cerchi "IC tester" su Ebay ti accorgi che escono una marea di offerte da 50 a 3000 Euro...

Quindi per la realizzazione ti suggerisco prima di tutto di definire bene gli obiettivi a breve e lungo termine. Un apparato amatoriale secondo me dovrebbe consentire un uso limitato ma in tempi rapidi, e comunque la possibilità di "crescere" con aggiornamenti software che non stravolgano l'hardware completamente.

Se mi chiedessero di progettare un apparato del genere avrei due ipotesi:

1) realizzare un circuito basato su Arduino Mega, con una quantità di porte di I/O e memoria di programma da poter gestire un numero soddisfacente di dispositivi

2) realizzare un circuito di interfaccia elettrica con i dispositivi ma controllato da un PC

La complessità in ogni caso non è tanto quella circuitale ma quella del software in grado di determinare quale IC sia connesso e se sia funzionante.

In pratica ogni terminale connesso ai pin dell'IC deve funzionare sia da input che da output in modo da poter "sentire" se l'IC eroga corrente dal pin o meno e per inviare segnali 0/1 al pin nel caso rappresenti un ingresso dell'IC.

Il software invece deve cercare di capire appunto se un pin sia un ingresso o un'uscita e dopo aver individuato ciò deve testare una sequenza di pattern predefiniti secondo una tabella che contiene un elenco di IC già codificati.

Spero di esserti stato di aiuto, buona fortuna con la tua idea!

ritratto di Marven
Offline
Titolo: PowerUser
Utente Power
Ultima visita:
14 settimane 1 giorno fa
Utente dal: 14/04/2013
Messaggi: 146
Utente PREMIUM
Ciao avalle no, direi di no,

Ciao avalle
no, direi di no, controllare i chip con la superficie limata sarebbe come cercare di defraudare chi cerca con metodi legali di non farsi rubare il brevetto, un'analogia è il fatto che non ho nessun software copiato, ho solo originali.
Sono un programmatore e non mi va che altri copìno i miei programmi, quindi io per primo non devo copiare quelli degli altri.
Chiarito questo, passiamo all'utilità (che già conosco perchè lo utilizzavo al lavoro) di un IC tester, spesso si perde un mare di tempo a cercare guasti dove non ce ne sono e poi è solo l'IC che, magari, si è bruciato all'interno dei cassettini di plastica solo per una eccessiva carica elettrostatica (a me con i CMOS è successo diverse volte) quindi avere uno strumento che ti indica se l'IC è integro o meno, è di enorme utilità.
Vedremo in seguito gli eventuali sviluppi... per ora l'idea c'è :-)

ritratto di avalle
Offline
Titolo: User+
Utente+
Ultima visita:
2 giorni 13 ore fa
Utente dal: 14/09/2009
Messaggi: 11
Utente PREMIUM
Calma, calma...

Io direi che hai preso un po' la tangente di tutto il mio messaggio (per altro scritto per aiutarti...).
Lavorando nell'ambito di una multinazionale del software credo di essere sufficientemente sensibile al tema della proprietà intellettuale...

Non intendo quindi spingere al reverse engineering, piuttosto ho in mente due casi d'suo molto più nobili e tipici per l'hobbista elettronico:

- riparare da sé una scheda in cui un IC "limato" smette di funzionare.
- riuso di componenti digitali a partire da schede e surplus parzialmente funzionanti.

Con l'IC tester individui di che IC si tratti e verifichi se funziona, così ne puoi acquistare uno funzionante in sostituzione di uno bruciato oppure puoi recuperare quelli funzionanti per il tuo laboratorio.

ritratto di Marven
Offline
Titolo: PowerUser
Utente Power
Ultima visita:
14 settimane 1 giorno fa
Utente dal: 14/04/2013
Messaggi: 146
Utente PREMIUM
Ciao Avalle Intanto mi scuso

Ciao Avalle
Intanto mi scuso per il ritardo, ma in questi giorni non ho acceso il PC (non so cosa fare per prima tra tutte le cose che devo completare :-) ).
e poi vorrei chiarire subito che la mia non voleva essere assolutamente polemica (ci mancherebbe!).
Il tuo intervento è chiaro e si capisce benissimo che vuole essere solo una spinta alla mia idea...
E' che, a volte, sono troppo stringato e le mie parole sembrano ambigue, questa volta che ho cercato di non essere troppo stringato, ho fatto fraintendere ugualmente.

In effetti, i due casi d'uso che hai elencato non li avevo considerati, il mio pensiero andava alla miriade di integrati all'interno dei cassettini del mio laboratorio e, tra l'altro parecchi non si leggono più.

Quindi tranquillo, niente polemica e, anzi devo ringraziarti per il tuo supporto :-)

Vedremo più avanti gli eventuali sviluppi

ritratto di avalle
Offline
Titolo: User+
Utente+
Ultima visita:
2 giorni 13 ore fa
Utente dal: 14/09/2009
Messaggi: 11
Utente PREMIUM
No problem, dai! Tienici

No problem, dai!
Tienici aggiornati sui tuoi sviluppi.

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ultimi Commenti