Home Forum Scrivi una domanda di elettronica Discriminatore da Caller ID per PSTN

Questo argomento contiene 3 risposte, ha 2 partecipanti, ed è stato aggiornato da  VincenzoLXCC 2 anni, 6 mesi fa.

Stai vedendo 4 articoli - dal 1 a 4 (di 4 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #58780

    VincenzoLXCC
    Membro

    Salve,
    ho letto con interesse la descrizione del discriminatore telefonico e ho pensato che potrebbe essere utile apportando alcune modifiche.

    L’idea sarebbe quella di utilizzare il Caller ID e l’Arduino.

    Per il Caller ID (CID) ho visto che la strada piu’ usata e’ quella dell’uso di un modem, ma mi chiedevo che sistema usa il normale telefono di casa PSTN per visualizzare il numero del chiamante.
    Cercando con Google, ho trovato risposte molto datate in rete e ho scoperto che la trasmissione del CID in Italia segue le specifiche ETSI ETS 300 659-1 (trasmissione on-hook) e ETS 300 659-2 (trasmissione off-hook).

    Domande: queste informazioni sono ancora valide? Se si, come realizzare un circuito che fornisca all’Arduino il numero del chiamante? Sapete dove posso trovare uno schema da studiare?

    Per quanto riguarda l’Arduino e il riconoscimento DTMF, ho visto la scheda:
    FT714K – INTERFACCIA LINEA TELEFONICA PER FT715K
    che, come dice la stessa descrizione, e’ progettata per un’altra scheda e non per Arduino, ma che in realta’ penso si possa sfruttare, ci aveva gia’ pensato qualcuno?

    In conclusione, vorrei unire le due cose e fare una scheda unica per Arduino.
    Vincenzo

    #71347

    Emanuele
    Keymaster

    Probabilmente la documentazione disponibile in rete per l’identificazione del chiamante (caller id) è datata perché ormai di poco interesse generale. Telefonini ed internet hanno ormai soppiantato queste “tecnologie” ed anche il comune telefono di casa sta ormai scomparendo.

    Comunque non credo che le specifiche siano cambiate. Puoi collegare il ricevitore di toni DTMF ad Arduino (come a qualsiasi altro microcontrollore). Ricordo che Arduino è una scheda con a bordo un microcontrollore Atmel con molti dei suoi pin disponibili sul connettore.

    Inoltre il caller id deve essere abilitato dalla centrale.

    #71350

    VincenzoLXCC
    Membro

    Innanzitutto grazie della risposta rapida.

    Si, il mio problema e’ proprio quello di recuperare uno schema elettrico che mi mostri come fa un normale cordless a far apparire il numero sul display.

    Non penso usi un modem.
    Penso usi una circuiteria semplice, magari con qualche circuito integrato in grado di fare il lavoro; credo cioe’ che sia un po’ come l’8870 per il dtmf, di cui ho trovato ampia documentazione in rete (anche per Arduino).

    Diversamente, farei svolgere all’Arduino il compito di decodifica del caller ID seguendo le specifiche (ammesso che ci riesca :) .
    Naturalmente in quest’ultimo caso devo fare in modo di “interfacciare” elettricamente l’Arduino al doppino telefonico.

    Oppure, se proprio devo usare il modem, farei in modo che al numero chiamante desiderato (cioe’ quello in memoria al uC), si risponda con il fax.
    Ma sarebbe un qualcosa di diverso perche’ mi piacerebbe risolvere con i toni dtmf.

    Infine, era sottintesa la previa abilitazione dalla centrale.

    #71352

    VincenzoLXCC
    Membro

    Sul wiki:

    http://it.wikipedia.org/wiki/Caller_ID

    leggo:
    “… tuttavia questo metodo di autenticazione è dimostrato essere molto vulnerabile. Su Internet esistono infatti molti siti che permettono a qualsiasi utente di chiamare facendo sì che al destinatario venga visualizzato un CLI a scelta.”

    Far visualizzare una CLI diversa dalla propria e’ una violazione della legge, ma conoscere come si realizza e’ utile per progettare delle contromisure a scopo di difesa.

    Fatta questa premessa, conoscete uno di questi siti dove poter imparare come realizzano questi circuiti?

Stai vedendo 4 articoli - dal 1 a 4 (di 4 totali)

Devi aver eseguito l’accesso per poter rispondere a questa discussione.