Home Forum Scrivi una domanda di elettronica fotovoltaico a isola

Questo argomento contiene 2 risposte, ha 3 partecipanti, ed è stato aggiornato da  ferfabry76 7 mesi, 4 settimane fa.

Stai vedendo 3 articoli - dal 1 a 3 (di 3 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #60433

    Ciao a tutti! sono Ermanno,avrei una domanda .L'anno scorso ho fatto un piccolo impianto termosolare,per essere completamente autonomo  ho fatto anche un'impianto fotovoltaico a isola.Ora vi descrivo il tutto… 1 pannello a 36 celle da 80watt  un regolatore di carica join RHN10A/1 che sopporta pannelli max da 100watt, un inverter per auto da 150watt, che fà funzionare una pompa per il circuito dei pannelli termosolari,questa pompa ha 4 velocità da

    53/76/104/131 watt con (assorbimento)  ampere 0.29 a 0.65 max      di batterie ne ho già cambiate 2 non erano nuove (ne agm ne gel) durate neanche una stagione

    la mia domanda è….. se prendo una batteria al gel da 100 AH  il mio regolatore è in grado di caricarla?  (se monto un regolatore da 30A miglioro?)   scusate l'ignoranza e grazie anticipatamente ad eventuali risposte.

    #75246

    Piero Boccadoro
    Partecipante

    Sono sicuro che ferfabry76 potrà esserti di supporto :)
    ferfabry76, che ne dici?

    #75251

    ferfabry76
    Membro

    Per poter dare una risposta corretta bisognerebbe conoscere i dati tecnici del pannello fotovoltaico. Purtroppo non sono esperto di sistemi in isola ma ho avuto solamente alcune esperienze.

    Va considerato che le batterie tradizionali non sono certamente adatte ad un uso su un impianto in isola in quanto soprattutto hanno una notevole componente di autoscarica e un basso numero di cicli “vitali”.

    Inoltre dobbiamo considerare che sicuramente un solo pannello da 80W soprattutto se non montato su inseguitore, eroga una corrente molto bassa per molte ore della giornata, dando il meglio solo nelle ore centrali della giornata in quanto direttamente proporzionale all’irraggiamento.

    Sarebbe quindi opportuno monitorare la corrente erogata per verificare che sia effettivamente sufficiente a ricaricare le batteria in riferimento alla necessità degli utilizzatori. Il problema fondamentalmente non è il regolatore, che deve essere “tarato” per la corrente erogata dai pannelli, ma quanta corrente riesci a dare alle batterie per ricaricarle nell’arco della giornata.

Stai vedendo 3 articoli - dal 1 a 3 (di 3 totali)

Devi aver eseguito l’accesso per poter rispondere a questa discussione.