Questo argomento contiene 14 risposte, ha 6 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Matteo.Zammattio 8 mesi, 1 settimana fa.

Stai vedendo 15 articoli - dal 1 a 15 (di 15 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #60409

    Buongiorno a tutti, non ho alcuna esperienza nel settore ma vorrei realizzare un progetto e vi chiedo un parere. Premesso che ho un'attività che acquista e rivende articoli di marca provenienti da fallimenti, mi piacerebbe realizzare delle aste all'interno di locali, in particolare la vedrei organizzata nel seguente modo:

    Uno schermo (computer) nel quale appare l'articolo oggetto dell'asta e dei dispositivi distribuiti a tutti i partecipanti attraverso i quali, semplicemente spingendo un pulsante, venga fatta la prima offerta di un euro visibile pubblicamente ed  abbinata a quel dispositivo ed un timer che dia 10 secondi di tempo per rilanciare sempre di un euro fino all'aggiudicazione dell'articolo al termine dei 10 secondi senza rilancio.

    Vi chiedevo la soluzione più economica e funzionale considerando che i partecipanti potrebbero anche essere tanti.

    Grazie mille…

    #75125

    IvanScordato
    Partecipante

    Ciao e benvenuta :)
    Se io fossi in te utilizzerei un unico monitor e (oltre al computer centrale) un sistema basato su un microcontrollore.
    Ogni partecipante all’asta avrà una “scatoletta” con un pulsante.
    Premendo il pulsante viene incrementato il valore delle offerte (visualizzabile su monitor.
    Saluti,
    Ivan

    #75129

    Piero Boccadoro
    Partecipante

    Detta così mi viene in mente che davvero tu potresti usare un semplice microcontrollore a cui è collegato un pulsante (unico) come i telecomandi che aprono i cancelli automatici.
    Tutti i dispositivi saranno invieranno 1 ed 1 solo comando che servirà solo ed esclusivamente per rilanciare.
    In pratica anche solo con quella centralina potresti fare ciò che ti serve.

    #75130

    Intanto grazie, l'importante per me è che il computer riesca anche a riconoscere da quale microcontrollore proviene l'offerta. Non vorrei infrangere delle regole del forum, ma posso chiedere se qualcuno è in grado di farmi un preventivo per la realizzazione ?

    #75138

    Intanto grazie, l'importante per me è che il computer riesca anche a riconoscere da quale microcontrollore proviene l'offerta. Non vorrei infrangere delle regole del forum, ma posso chiedere se qualcuno è in grado di farmi un preventivo per la realizzazione ?

    #75146

    IvanScordato
    Partecipante

    Buona sera,
    Manca la sua email.

    #75150

    Salve, pensavo si vedesse dal profilo:

    nuovoangolodelleidee@libero.it

    Grazie

    #75160

    Piero Boccadoro
    Partecipante

    Hai ragione. Lo avevo sottovalutato.
    Io non sono un grande esperto di allarmi e centraline ma immagino i telecomandi siano numerati e abbiamo un equivalente dei MAC address…
    Sono sicuro che Emanuele può dare risposta a questo dubbio.

    #75167

    Bene, allora speriamo che Emanuele legga il mio post….

    #75169

    Emanuele
    Keymaster

    Si potrebbe realizzare con Arduino, una ricevente radio (tipo Aurel) e dei telecomandi codificati.

    Ad ogni pressione di un tasto, viene inviato un comando al PC (tramite Arduino e porta seriale).

    A questo punto il PC deve avere un software interfacciato alla seriale che accede ad una libreria di immagini per i prodotti ed a un timer per il countdown.

    #75170

    Salve,

    ma per fare tutto partendo da zero, posso rivolgermi a lei ? Riesce a farmi un preventivo per la realizzazione "chiavi in mano" ?

    Intanto grazie…

    #75173

    Emanuele
    Keymaster

    Annamaria,

    realizziamo progetti soltanto per il blog ed EOS-Book, ma posso far circolare questo messaggio anche nel nostro network, quindi avrà ampia visibilità ;)

    #75174

    Grazie mille…

    #75179

    Luca.Mori
    Membro

    Prima di fare un eventuale preventivo avrei da farle alcune domande:

    - quale prevede possa essere il numero massimo di persone che fanno un'offerta?

    - il dispositivo per fare l'offerta deve essere un oggetto che viene consegnato all'utente ad inizio asta e poi restituito?

    - il dispositivo per il rilancio dell'offerta deve mostrare il countdown o altre informazioni da visualizzare?

    - quale deve essere l'autonomia minima del dispositivo per le offerte prima di dover essere ricaricato (a sostituite le batterie)?

    - a che distanza massima si troverebbero gli utenti rispetto al monitor/server sul quale compaiono le aste?

    - vista la natura dell'oggeto, si può rendere necessario un sistema "antifurto" per ciascun dispositivo consegnato agli utenti, l'ha considerato?

    - quale pensa debba essere il grado di resistenza a urti e accidentali immersioni in liquidi?

    - ha pensato l'eventualità possa essere utilizzato dall'utente il proprio smartphone (Android, Apple, …)?

    - può rendersi necessario avere più monitor distribuiti nella sala, e se si, quanti e a quale distanza?

    - il sistema deve funzionare solo per una installazione o prevede di doverne fare anche altri?

    - nel caso di un progetto finalizzato ad un'unica installazione: la sala si trova in una zona dove ci sono possibili fonti di forte disturbo RF o in grande quantità (impianti WiFi per sicurezza, per uso privato, apricancelli, dispositivi Bluetooth, ecc)?

     

    Questo è quello che mi è venuto in mente al momento, ma potrebbero essere necessari ulteriori approfondimenti prima di poter fare un preventivo (che , se scritto per un "prodotto finale" fatto ad arte e per durare nel tempo, potrebbe andare da qualche migliaio di euro sino ad alcune decine di migliaia… ;-)

     

    Luca Mori (alias kokiua: http://www.kokiua.com)

     

     

     

    #75193

    Salve, io avrei una soluzione molto piu- semplice in mente. Basterebbe avere un solo computer, un router wifi e sviluppare una app iphone, una android e volendo windows phone. In pratica sul computer centrale gira il programma principale che riceve le offerte fatte dagli utenti che si registrano al gioco usando le app per smartphone. 

    Si potrebbe avere anche una decina di tablet a basso costo da dare agli utenti sprovvisti di smartphone (nel caso ci sia qualcuno ancora senza …)

     

    Costi approsimativi:

    le tre app per smartphone (iphone, android, windows phone): 200 euro l'una 

    il programma centrale (scritto in java, gira su qualsiasi PC windows o Linux) 500 euro

    il router wifi:  40 euro

    un computer: basta un portatile di bassa fascia (400 euro) anche senza licenzia windows, basta linux.

    un grosso televisore LCD o un proiettore da collegare al computer per permettere a tutti di monitorare le fasi dell'asta, anche se sullo schermo di ogni smartphone e tablet l'asta sarebbe visibile. Costo 300-400 Euro.

    Prezzi IVA esclusa.

    Tempi di sviluppo: due/tre settimane, comprensive di eventuali test per rendere stabile l'applicazione.

Stai vedendo 15 articoli - dal 1 a 15 (di 15 totali)

Devi aver eseguito l’accesso per poter rispondere a questa discussione.