Questo argomento contiene 3 risposte, ha 3 partecipanti, ed è stato aggiornato da  avalle 1 anno, 1 mese fa.

Stai vedendo 4 articoli - dal 1 a 4 (di 4 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #59965

    Ciao a tutti, avrei la necessità di creare una antenna GPS di buona precisione bluetooth/wi-fi che riesca a trasmettere almeno a 200mt di distanza.
    E una cosa fattibile?
    Sarebbe possibile modificare un’antenna gps bluetooth per amplificare il segnale?

    Pensavo ad un modulo gps collegato ad un convertitore rs232 – bluetooth con antenna da 5db (circa 300mt in campo libero).

    Grazie Emanuele

    #74065
    IvanScordato
    IvanScordato
    Partecipante

    Ehm… hai le idee un pò confuse…
    Parli contemporeaneamente di antenna per wifi – gps – bluetooth.
    Potresti spiegare un un pò meglio cosa vorresti fare entrando un pò più nello specifico? Sarebbe utile.

    ti riporto un pezzettino da Wikipedia in cui parla della comunicazione dei moduli gps:

    Il segmento utente: il ricevitore GPS
    Ricevitori GPS prodotti da Trimble, Garmin e Leica (da sinistra a destra).

    Il segmento utente è composto dalle centinaia di migliaia di ricevitori militari che usano il PPS e le decine di milioni di ricevitori degli utente civili, commerciali e scientifici che fanno uso del SPS. In generale i ricevitori si compongono di una antenna, un microprocessore e una sorgente di tempo (come un oscillatore al quarzo o un TCXO). Possono anche includere un display per fornire le informazione all’utente.

    Un ricevitore viene spesso descritto dal numero di canali di cui dispone che indica il numero di satelliti che è in grado di monitorare simultaneamente. Il numero di canali è stato incrementato progressivamente nel tempo. Tipicamente un moderno ricevitore commerciale dispone di un numero di canali compreso tra 20 e 32 anche se sono disponibili ricevitori con un numero maggiore.

    Esistono in commercio ricevitori GPS (“esterni”), interfacciabili mediante porta USB o connessioni senza fili come il Bluetooth, che consentono di realizzare navigatori GPS su vari dispositivi: palmari, PC, computer portatili e, se dotati di sufficiente memoria, anche telefoni cellulari. Per la navigazione esistono software appositi, proprietari o open source che utilizzano una cartografia, che può essere anch’essa pubblica o proprietaria. I dati di navigazione vengono generalmente forniti a PC o altri device attraverso il protocollo NMEA 0183. Nonostante il protocollo sia ufficialmente definito dalla National Marine Electronics Association (NMEA), sono disponibili molte informazioni pubbliche che hanno permesso lo sviluppo di vari strumenti software (anche open source) senza violare proprietà intellettuali. Esistono anche protocolli proprietari come SiRF o MTK o UBX specifici del produttore.
    Un tipico ricevitore GPS con antenna integrata.

    Sempre più spesso i ricevitori GPS sono integrati all’interno smartphone, PDA, Tablet PC, orologi[15] e vari oggetti di uso consumer adatti all’uso in mobilità.

    #74068

    Intanto grazie, ho un barchino rc per andare a pescare, vorrei dotarlo di gps che si colleghi al mio Android (come antenna gps). Le antenne che si trovano online hanno un raggio di azione di circa 30/50 mt. Vorrei potere usufruire del segnale ad almeno 300mt. O in bluetooth o in wireless. Esiste una soluzione?

    Grazie

    #74072

    avalle
    Membro

    Scusa ma a volte l’uso di abbreviazioni non aiuta. Ci riprovo io a capire meglio.
    Cosa intendi per “barchino rc per andare a pescare”?
    rc sta per radiocomandata? Se sì, per andare a pescare cosa significa?

    Poi andiamo al concetto di “antenna”. Su molti siti si parla ormai di “antenna GPS” per intendere veri e propri apparati riceventi GPS, mentre il termine antenna dovrebbe significare solo l’antenna vera e propria che si collega al ricevitore radio in banda GPS. Ma tant’è…

    Pur usando il termine antenna GPS per intendere un ricevitore GPS, si può parlare di “raggio d’azione” solo nel caso di apparati GPS a cui ci si può connettere con Bluetooth. Non so se esistano GPS con a bordo WiFi, ma in entrambi i casi la portata della comunicazione con un altro apparato (PC, smartphone, Arduino, ecc.) non sarà mai superiore a qualche decina di metri, pur in spazio aperto come immagino sia un lago o al mare dove vai a pescare.

    Un approccio più consono ai tuoi obiettivi (e alla fine anche più economico) potrebbe essere quello di utilizzare Arduino con uno shield GPS+GSM e trasmettere le coordinate via GPRS o SMS. Il costo della comunicazione non sarà free ma non credo che ti interessi monitorare ogni millisecondo la posizione e il vantaggio (ovviamente lavorando in zone coperte dalla rete cellulare) è la portata di… migliaia di Km…

Stai vedendo 4 articoli - dal 1 a 4 (di 4 totali)

Devi aver eseguito l’accesso per poter rispondere a questa discussione.