Home
Accesso / Registrazione
 di 

Hard disk in rete.

11 risposte [Ultimo post]
ritratto di Giorgio B.
Offline
Titolo: User++
Utente++
Ultima visita:
3 settimane 1 giorno fa
Utente dal: 06/02/2013
Messaggi: 73
Utente PREMIUM

Buongiorno a tutti.
Ho bisogno di un consiglio di natura tecnologica-informatica-hardware.
C'è uno studio all'interno del quale deve essere utilizzato un programma che gestisce dati.
Il programma è multiutenza e per questo, tante persone possono utilizzarlo sulla loro macchina.
Il programma gestisce ed elabora dati che vengono memorizzati, modificati, aggiornati.
Ho bisogno di fare in modo che i programmi, ancorché eseguiti su macchine diverse, facciano riferimento ad uno stesso, unico archivio di dati.
Il programma, ad ogni avvio, deve caricare i dati da quest'unico archivio ed una volta terminata un'operazione, aggiornare la versione del salvataggio sempre su quell'unico archivio.
In pratica, devo essere sicuro che tutti accedano ad un unico file.
Devono inoltre essere in grado di accedere uno per volta, garantendo, così, che tutti lavorino, volta per volta, sull'ultima versione disponibile dell'unico salvataggio che contiene i dati più aggiornati.
In pratica mi servirebbe mettere in rete un hard disk, per dirla in maniera un po' più brutale.
Spero di essere stato chiaro nell'esposizione.
Che soluzione mi consigliereste?

ritratto di Emanuele
Online
Titolo: Moderator
Moderatore
Ultima visita:
3 min 31 sec fa
Utente dal: 28/07/2007
Messaggi: 1022
Utente PREMIUM
NAS

Dai uno sguardo ai NAS

http://it.emcelettronica.com/modificare-network-attached-storage-nas

http://it.emcelettronica.com/levoluzione-dei-nas-network-attached-storage-office-o-media-s...

Io ci ho provato 3 anni fa ma poi l'ho tolto per motivi di velocità. Era lentissimo. Valuta anche una soluzione cloud.

ritratto di delfino_curioso
Offline
Titolo: User++
Utente++
Ultima visita:
5 ore 33 min fa
Utente dal: 01/09/2012
Messaggi: 95
Utente PREMIUM
Non ho capito una cosa: ti

Non ho capito una cosa: ti servono informazioni sul supporto fisico di memorizzazione o , più in generale, sul possibile meccanismo software per gestire l'archivio?
In quest'ultimo caso, sembrerebbe che tu abbia bisogno di un DBMS relazionale, quindi di un sistema di gestione di database che gestisce in automatico l'accesso degli utenti ai dati, la loro sincronizzazione, la loro integrità etc. In ambito open source potresti optare per MySQL installato su un normale PC (o , meglio, su un micro pc dedicato, tipo una Raspberry PI...) ed accessibile in una rete IP.
Se invece intendi specificamente il supporto di memorizzazione, di soluzioni ne hai molte: puoi collegare HD, RAID di dischi, SDD, SD card, chiavette USB etc ad un PC che faccia da server, oppure optare per un network HD, che funziona in modo stand alone senza bisogno di un PC. la capacità dipende ovviamente dalla mole di dati da gestire, ma ad ogni modo credo che per il resto delle tue esigenze devi sempre passare per un minimo di strato software di gestione dei dati e delle utenze.
Spero di aver interpretao correttamente la domanda....

ritratto di Piero Boccadoro
Offline
Titolo: Moderator
Moderatore
Ultima visita:
3 ore 34 min fa
Utente dal: 28/06/2011
Messaggi: 878
Utente PREMIUM
Mi sembra di aver capito, ma

Mi sembra di aver capito, ma non vorrei sbagliarla, è quello che serva sia la garanzia di avere un solo file memorizzato con la garanzia di un accesso esclusivo.
Se le cose stanno così, allora certamente il NAS è la scelta migliore. Si tratta, sostanzialmente, di quello di cui parla Fulvio, ovvero un Network HD.
Se è proprio questo che ti serve, fai un giro sul sito dell'azienda QNAP, attualmente leader nel settore.
Ne trovi per ogni genere di esigenze ma soprattutto di tasche.

Se poi ho capito male l'esigenza, fai come se non ti abbia scritto niente :D

ritratto di Boris L.
Offline
Titolo: User+
Utente+
Ultima visita:
3 settimane 1 giorno fa
Utente dal: 08/11/2012
Messaggi: 47
Utente PREMIUM
non ho conoscenze specifiche

Io non ho conoscenze specifiche sui database, tantomeno sui DBMS.
Una soluzione come la seconda che hai indicato, ovvero quella su cui Piero ha dato il suggerimento dell'azienda interessa anche a me.
Se usassi questa soluzione, come dovrei configurarla?
Cioè un NAS, o come si chiama lui, può essere accessibile come una semplice risorsa di rete dall'interno del sistema operativo?
Insomma, posso trattare questo aggeggio come una qualunque stampante di rete, fatto salvo che la sua funzione è diversa?
Se sì, come?
Ci sono compatibilità particolari da rispettare sui vari sistemi operativi?

ritratto di delfino_curioso
Offline
Titolo: User++
Utente++
Ultima visita:
5 ore 33 min fa
Utente dal: 01/09/2012
Messaggi: 95
Utente PREMIUM
ok. Prova a dare un'occhiata

ok.
Prova a dare un'occhiata anche a questi due (il secondo è della già citata QNAP)

http://www.synology.com/products/product.php?product_name=DS213&lang=ita

http://www.qnap.com/it/index.php?lang=it&sn=492&c=306&sc=565&t=574&n=3581&g=1

Trattandosi di dati di lavoro ti serve affidabilità , personalmente andrei su una soluzione ridondante ad (almeno) due dischi.
I link di sopra sono relativi a prodotti economici ma un po' più "professionali" rispetto ad un NAS su cui tenere le foto delle vacanze :-)
NB: non è detto che siano già inclusi i dischi, in teoria un NAS è un piccolo server con gli slot per la memoria, che poi in genere viene acquistata a parte dall'utente.

Ultimo suggerimento: se escludi la soluzione DBMS, il mio consiglio è di spulciarti per filo e per segno quali opzioni di configurazione hai disponibili nel software/firmware del NAS. Su due piedi non saprei dirti come fare le configurazioni del caso per i 2 prodotti, ma credo che in generale integrità, coerenza, sincronizzazione, accesso esclusivo ai dati siano aspetti importanti che ogni NAS definito "professionale" debba permettere di settare. Poi chiaramente va rapportato tutto a quelle che sono le esigenze del vostro lavoro.....:-)

ritratto di Petit_Fleur
Offline
Titolo: User+
Utente+
Ultima visita:
25 settimane 2 giorni fa
Utente dal: 22/03/2013
Messaggi: 36
Utente PREMIUM
Accesso univoco o concorrente ?

Ciao Giorgio, ho letto il tuo post e le varie utili risposte che altri ti hanno dato.

Credo che per darti una risposta chiara e sopratutto VALIDA sia necessario capire meglio il contesto all'interno del quale devi predisporre questa soluzione.

FACCIO UNA PREMESSA:
NON e' possibile accedere SIMULTANEAMENTE in SCRITTURA ad un medesimo file da due PC differenti, indipendentemente che questo sia condiviso tramite un NAS, un SERVER, od un qualsiasi altro dispositivo di rete.
E' una condizione che puoi verificare facilmente provando ad aprire un file ad esempio con Microsoft Excel; il primo ad accedervi potrà leggere e scrivere il file, gli altri riceveranno una messaggio simile a questo:
"Il file ABC.xls é già in uso sul PC1. Vuoi aprire il file in SOLA LETTURA?"
ed avranno la possibilità di ricevere una notifica nel momento in cui il file non sarà più impegnato.
Excel non é un esempio a caso, in quanto gestisce (o almeno ci prova), un accesso COORDINATO al file (un pc legge/scrive, gli altri possono solo leggere).

Qualcuno prima di me ti suggerisce l'uso di un software/database relazionale (DBMS) che permette appunto un accesso simultaneo sia in lettura che scrittura da parte di più client; questo é ciò che di solito un software gestionale usa per permettere a più postazioni di lavorare contemporaneamente.

Nel tuo caso per aiutarti e' indispensabile capire, per punti, il contesto:

1) "C'è uno studio all'interno del quale deve essere utilizzato un programma che gestisce dati."
Lo studio di cosa si occupa? Progettazione ? Cad ? Che software usa ?
Che ti po di dati devi gestire (Files? Database? Che tipo/architettura di database?).

2) "Il programma è multi-utenza e per questo, tante persone possono utilizzarlo sulla loro macchina."
Se il programma é veramente multi-utente DEVE aver già gestito l'accesso simultaneo ai file o ai dati (leggi database) che usa.

NON mi é chiara una cosa: questo programma esiste già o é un software da REALIZZARE e quindi da costruire tenendo conto delle esigenze che ci indichi (file unico x tutti, condivisione delle modifiche apportate dalle diverse postazioni pc).

Aspettiamo una risposta x poterti aiutare + concretamente !

Ciao
PF

ritratto di Giorgio B.
Offline
Titolo: User++
Utente++
Ultima visita:
3 settimane 1 giorno fa
Utente dal: 06/02/2013
Messaggi: 73
Utente PREMIUM
Mi fa molto piacere di aver

Mi fa molto piacere di aver ricevuto tante risposte... grazie.
Si vede che l'esigenza non è così rara... :)
Tanto per tagliare la testa al toro: il software esiste già :D
È una soluzione commerciale già acquistata.
La domanda è sull'uso non sulla scelta :D

Allora, prima di tutto chiarisco una cosa: il software in questione gestisce dati sistemandoli tutti in un archivio in formato proprietario.
Come salvasse un file .zip, ma con estensione diversa.
Quindi, quando apro il file, lui lo "rielabora" e rende disponibili tutti i valori registrati fino a quel momento.
Si tratta di un software di gestione contabile. Vi prego di non domandare più nel dettaglio di così (sarebbe davvero utile?!) :D

Il software è multi-utenza per cui più macchine possono averlo in esecuzione (autenticazione in remoto sul server dell'azienda che lo distribuisce!).
La gestione del file di archivio, però, per ora, viene effettuata in locale.
Quindi si tratta di files fisicamente presenti sulla macchina (sulle macchine!) oppure su di una chiavetta USB utilizzata come archivio che viaggia da un pc ad un altro.
L'esigenza è quella di eliminare le chiavette, per dirla in maniera terra-terra.

Capisco che sarebbe molto più comodo se lavorassimo, per esempio, su un database online ma sarebbe da costruire da zero scimmiottando il programma, no?

Per intenderci, una soluzione che non andrebbe affatto bene sarebbe Dropbox, visto che in quel caso ognuno sarebbe libero di modificare il file ed effettuare un aggiornamento non appena fatta la modifica.
Questo studio di consulenze ha bisogno che ciascun operatore, volta per volta, goda di un lock esclusivo sulle risorse e quel vincolo di cui parla pf vale solo se il file è fisicamente lo stesso. Ma con Dropbox, per esempio, non sarebbe così. O mi sbaglio?

Spero di aver chiarito le "sfumature" del problema...
Grazie ancora.

ritratto di Petit_Fleur
Offline
Titolo: User+
Utente+
Ultima visita:
25 settimane 2 giorni fa
Utente dal: 22/03/2013
Messaggi: 36
Utente PREMIUM
Ti serve un LOCK !

Credo che quello che tu chiedi di fare non sia del tutto possibile, volendo gestire un unico ARCHIVIO/DATABASE/FILE_DI_DATI (da adesso in poi lo chiameremo BASE_DATI) che più utenti contemporaneamente usano sia in lettura che scrittura.

Quello che sicuramente puoi fare é condividere il file BASE_DATI con un server/nas ed evitare il passaggio della chiavetta tra gli utenti; tutti possono accedere all'ultima versione della BASE_DATI e farvi modifiche a condizione che lo facciano UNO ALLA VOLTA.
Con qualche artifizio da sys-admin si può anche pensare di permettere ad un utente di accedere in scrittura al file ed agli altri consentire comunque di aprire il file in sola lettura (qui però bisogna capire se poi il software di gestione contabile di cui non conosciamo il nome possa gestire una situazione del genere o si arrabbia subito e propone una finestra del tipo "Errore nell'apertura di BASE_DATI, permesso di scrittura negato, impossibile avviare sw gestionale contabile").

Dropbox NON é di aiuto, perché, nel caso in cui più utenti accedano allo stesso file, gestisce autonomamente la creazione di N versioni di BASE_DATI tutte provenienti da una radice comune ma tutte diverse perché conterrebbero le singole modifiche dei diversi utenti (ti troveresti con BASE_DATI_verA_PC1, BASE_DATI_verB_PC2, etc...).

L'unica soluzione 'vera' che mi viene in mente consiste nell'uso di un sistema di gestione della versione del file all'interno del quale crei i tuoi utenti e condividi il/i files; a questo punto ciascun utente avrà una cartella che contiene l'ultima versione di quel file, lo potrà aprire e chiudere indipendentemente (essendo una copia locale di un file remoto); nel momento in cui vuole MODIFICARE il file pone un lucchetto (LOCK) sul file, in questo modo chiede ed ottiene l'uso esclusivo (in scrittura) del file e notifica agli altri client che ha bloccato quel file e si appresta a modificarlo; una volta concluse le modifiche apre il lucchetto (libera il LOCK cioé fà UN-LOCK) e gli altri client si aggiornano all'ultima versione del file appena modificato.

E' un accrocchio, ma potrebbe funzionare!

Il software di controllo di versione di cui parlo é SubVersion (http://subversion.apache.org/)
Il client da usare sulle macchine Windows é Tortoise (http://tortoisesvn.tigris.org/)
Lo so, il nome non é un granché (Tortoise => Tartaruga), ma non farti ingannare dalle apparenze, chi va piano, va sano e và lontano !

Ciao, PF

ritratto di Giorgio B.
Offline
Titolo: User++
Utente++
Ultima visita:
3 settimane 1 giorno fa
Utente dal: 06/02/2013
Messaggi: 73
Utente PREMIUM
Ottimi suggerimenti! Proverò

Ottimi suggerimenti!
Proverò e vi farò sapere!
Grazie.

ritratto di Boris L.
Offline
Titolo: User+
Utente+
Ultima visita:
3 settimane 1 giorno fa
Utente dal: 08/11/2012
Messaggi: 47
Utente PREMIUM
Ma questi due funzionano con

Ma questi due funzionano con Windows 7/8?
Non è che ci son problemi di compatibilità o similari?

ritratto di Petit_Fleur
Offline
Titolo: User+
Utente+
Ultima visita:
25 settimane 2 giorni fa
Utente dal: 22/03/2013
Messaggi: 36
Utente PREMIUM
Windows 7 e 8 Compatibilità su TUTTA LA LINEA !

Direi compatibilità ampia e diffusa su tutta la linea.

Personalmente posso garantire la piena funzionalità del client su Windows XP, Vista, 7 e 8 (sia a 32bit che a 64bit).

Lato server sempre e soltanto Linux in diverse sue varianti (Centos, Ubuntu, Debian).

I dettagli dei produttori dei software sono questi:

Tortoise: SVN-Client x Windows
(http://tortoisesvn.tigris.org/)
System Requirements
WinXP with SP3, Vista or later
Windows Installer version 3.1 or later

--------------------------------------------
Subversion : SVN-Server Multi-Platform
(http://subversion.apache.org/faq.html#portability)
All modern flavors of Unix, Win32, BeOS, OS/2, MacOS X.

Subversion is written in ANSI C and uses APR, the Apache Portable Runtime library, as a portability layer. The Subversion client will run anywhere APR runs, which is most places. The Subversion server (i.e., the repository side) is the same, except that it will not host a Berkeley DB repository on Win9x platforms (Win95/Win98/WinME), because Berkeley DB has shared-memory segment problems on Win9x. FSFS repositories (introduced in version 1.1) do not have this restriction; however, due to a limitation in Win9x's file-locking support, they also don't work in Win9x.

To reiterate, the Subversion client can be run on any platform where APR runs. The Subversion server can also be run on any platform where APR runs, but cannot host a repository on Win95/Win98/WinMe.

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ultimi Commenti