Home Forum ELETTRONICA GENERALE LED in serie o parallelo

Questo argomento contiene 3 risposte, ha 2 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Piero Boccadoro 1 anno, 11 mesi fa.

Stai vedendo 4 articoli - dal 1 a 4 (di 4 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #59198

    SystemHD
    Membro

    Ciao a tutti!

    Dovrei creare un effetto luci con dei led bianchi, e ho pensato ti collegarli all’uscita di un vecchio amplificatore da 25 W per farli accendere a ritmo di musica. Quindi ho provato a collegarne uno e lampegiava molto bene a tempo di musica, (ovviamente tenendo il volume al minimo per non bruciarlo)

    L’amplificatore mi da ai morsetti di uscita 16,7 V (misurato con il tester mentre amplificava un segnale di 50 Hz) al massimo volume

    Ora, per non rischiare di danneggiare l’ampli dovrò tenere conto che con tutti i led collegati non posso scendere sotto i 2 Ohm (l’altoparlante pilotato era da 4 Ohm)

    qual è il massimo numero di led che posso collegare senza scendere sotto i 2 Ohm?
    Meglio in serie o in parallelo?

    #71904

    Piero Boccadoro
    Partecipante

    Dunque, se ho capito bene tu vuoi realizzare un collegamento tra cassa e luci in modo che a seconda del volume, le luci si accendano…
    Quindi in teoria quello che devi fare è semplicemente collegare una resistenza equivalente ai morsetti dell’amplificatore. La resistenza equivalente in questione, è ovvio, sarà, per l’appunto, o una serie o un parallelo, di impedenze…

    Ma, prima di andare avanti, domanda: avevi in mente degli effetti? Come si devono accendere le luci?
    In maniera alternata? In contemporanea? Ad intensità diverse?

    No perchè se le attacchi semplicemente in serie e ne calcoli la resistenza equivalente (considerando la corrente che ci passa), il valore di corrente erogato sarà lo stesso e le luci, nel migliore dei casi, si accenderanno allo stesso modo.
    In questo caso, ai capi della serie ci saranno al massimo i 16,7 V di cui hai parlato e , in teoria, le uniche cose che devi garantire sono l’adattamento di impedenza e la limitazione di corrente.

    E quindi le domande successive…
    Ti chiedo: di che luci stiamo parlando? Bastano 16,7 V per un serie fatta di quanti led?

    Se li colleghi in parallelo, e i led sono UGUALI, la corrente che viene erogata dall’amplificatore sarà divisa in parti uguali tra i LED. E torno a chiederti: di quanti led disponi e di che tipo? Perchè potrebbe certamente cambiare il comportamento a seconda del tipo…

    Col volume al minimo ai morsetti dell’amplificatore che leggi?

    Ad ogni modo io ti consiglio, prima di ogni altra cosa, specie ora che stai provando, di utilizzare delle resistenze in serie ai led per garantirti di riuscire a limitare la corrente che ci passa, onde evitare problematiche di sorta… :D

    #71912

    SystemHD
    Membro

    Innanzi tutto grazie per la disposizione.

    Allora, vorrei collegare più led possibili come se fosse un’unica “lampadina”, e quindi tutti i led si devono accendere conteporaneamente alla stessa intensità.

    Non ho necessità di creare alcun effetto a parte quello descritto sopra, e volevo appunto usare questo vecchio amplificatore per alimentare i led sfruttando la semionda positiva dell’inviluppo musicale…

    Vorrei sfruttare questi 16,7 V per alimentare più led possibili

    Con il volume al minimo leggo pochi millivolt, essendo il potenzimetro logaritmico basta una piccola variazione della manopola per arrivare già a 5-6 volt. Ma questo non credo che sia un problema, dato la matrice di led verrà alimentata a alla massima tensione, (con una serie di 6 led da 2,5 V caduno arriviamo già a 15 V)

    Il mio dubbio era come dici bene tu, l’adattamento d’impedenza, e qundi calcolare il tutto come se l’amplificatore vedesse il carico equivalente, non minore di 2 ohm.

    #71926

    Piero Boccadoro
    Partecipante

    Ciao.
    Scusa se non ti ho risposto ma mi era sfuggito che avevi scritto di nuovo.
    Guarda, qui l’adattamento lo fai semplicemente realizzando una serie di led come quella che hai descritto.
    Li metti in serie e calcoli la tensione risultante come somma delle tensioni di ciascuno. Se questo valore è uguale a quello fornito (i tuoi 16,7 V), allora stai tranquillo…
    Non serve molto in questo caso. basta veramente poco :)
    E questo perchè alla fine stai solamente alimentando delle lampadine, non ti è richiesto trasferimento di dati associati a forme d’onda di piccola escursione picco-picco :)
    Per il resto, ti ho risposto in privato :)

Stai vedendo 4 articoli - dal 1 a 4 (di 4 totali)

Devi aver eseguito l’accesso per poter rispondere a questa discussione.